GP Germania 2013: Hamilton conquista la pole al “Ring”

6 luglio 2013 15:22 Scritto da: Davide Reinato

Lewis Hamilton conquista la pole position al GP di Germania. Seguono le Red Bull con Vettel secondo e Webber terzo.

hamilton-mercedes-2013

Una Mercedes in pole position al Gran Premio di Germania. Con un crono di 1:29.398, Lewis Hamilton firma una strepitosa pole position al Nurburgring, tornando a graffiare dopo la grande delusione della scorsa gara. Per un decimo netto, Lewis si è lasciato alle spalle le due Red Bull Racing di Vettel e Webber.

Lì davanti manca Nico Rosberg che, senza l’errore di strategia in Q2, avrebbe potuto lottare per la prima fila. Molto deluso il tedesco, perché domani partirà in undicesima posizione. Confermata dunque la grande lotta tra Red Bull e Mercedes per la pole e la Stella a tre punte ha avuto la meglio.

Dietro alle due Red Bull troviamo le due Lotus di Raikkonen e Grosjean. Agevolati dalle alte temperature dell’asfalto, entrambe le E21 erano letteralmente rinate e hanno contenuto il distacco dalla vetta. Quinto tempo per un galvanizzato Daniel Ricciardo con la Toro Rosso che si conferma molto competitivo, nonostante il secondo netto rimediato.

Solamente settima e ottava posizione per la Ferrari, con Massa davanti ad Alonso. Questa volta, però, le prestazioni non c’entrano. La Rossa era in grado di contenere il distacco dagli avversari e giocarsi le posizioni tra seconda e terza fila, ma gli strateghi di Maranello hanno preferito guardare alla gara di domani. Entrambe le monoposto sono state mandate in pista con gomme PZero White Medium con il chiaro obiettivo di avere una gomma più consistente nello stint iniziale e cercare di allungare quando gli altri saranno costretti a fermarsi ai box. Le PZero Yellow Soft saranno utilizzate per uno stint corto, probabilmente sul finale della corsa.

A chiudere la Top Ten in qualifica ci pensano due grandi scoraggiati: Button con la McLaren e Hulkenberg con la Sauber.

GP GERMANIA 2013 – RISULTATI QUALIFICHE

POS  PILOTA               TEAM                 TEMPO      GAP
 1.  Lewis Hamilton       Mercedes             1m29.398s
 2.  Sebastian Vettel     Red Bull-Renault     1m29.501s  +0.103s
 3.  Mark Webber          Red Bull-Renault     1m29.608s  +0.210s
 4.  Kimi Raikkonen       Lotus-Renault        1m29.892s  +0.494s
 5.  Romain Grosjean      Lotus-Renault        1m29.959s  +0.561s
 6.  Daniel Ricciardo     Toro Rosso-Ferrari   1m30.528s  +1.130s
 7.  Felipe Massa         Ferrari              1m31.126s  +1.728s
 8.  Fernando Alonso      Ferrari              1m31.209s  +1.811s
 9.  Jenson Button        McLaren-Mercedes     No time set
10.  Nico Hulkenberg      Sauber-Ferrari       No time set

Tempo limite in Q2: 1m30.269s                             Gap in Q2
11.  Nico Rosberg         Mercedes              1m30.326s  +0.501s
12.  Paul di Resta        Force India-Mercedes  1m30.697s  +0.872s
13.  Sergio Perez         McLaren-Mercedes      1m30.933s  +1.108s
14.  Esteban Gutierrez    Sauber-Ferrari        1m31.010s  +1.185s
15.  Adrian Sutil         Force India-Mercedes  1m31.010s  +1.185s
16.  Jean-Eric Vergne     Toro Rosso-Ferrari    1m31.104s  +1.279s

Tempo limite in Q1: 1m31.681s                              Gap in Q1
17.  Valtteri Bottas      Williams-Renault      1m31.693s  +1.146s
18.  Pastor Maldonado     Williams-Renault      1m31.707s  +1.160s
19.  Charles Pic          Caterham-Renault      1m32.937s  +2.390s
20.  Jules Bianchi        Marussia-Cosworth     1m33.063s  +2.516s
21.  Giedo van der Garde  Caterham-Renault      1m33.734s  +3.187s
22.  Max Chilton          Marussia-Cosworth     1m34.098s  +3.551s

 

125 Commenti

  • Dal punto di vista tecnico, in più di un’occasione ho detto come la pensavo: la Ferrari ha una filosofia progettuale completamente diversa da tutti, con il retrotreno basso è normale che non abbia la trazione in uscita che hanno Red Bull e Mercedes, ma poi in gara, non dovendo girare al 100% delle possibilità, tutta quella trazione non è necessaria e riescono ad essere costanti e più gentili con le gomme e, probabilmente, su questo circuito, tale caratteristica ha consentito ai tecnici Ferrari di operare questa scelta in ottica gara, non adottata da altri, proprio perchè la Ferarri è unica…..anche riguardo alla Lotus, che è forse quella che per filosofia più si avvicina alla rossa.

    Riguardando un po i long run del venerdì, io ho notato che il decadimento prestazionale della gomma soft comincia immediatamente dopo il primo giro veloce, mentre la copertura più dura resiste molto ma molto di più, il che vuol dire che i primi avendo della gomme che già hanno fatto tre giri (2 lenti ed 1 veloce), solo nei primi due tre giri della gara potranno essere competitivi, mediamente con un tempo più veloce da 1 a 2 secondi, ma poi le prestazioni dovrebbero essere pari alle vetture con coperture più dure, con l’aggravante che il degrado sarà veloce e progressivo.

  • A me preoccupa un po’ avere Riccardo davanti: ovviamente avrá ricevuto istruzioni precise di ostacolare il più possibile Alonso ……..

  • credo che faranno partire rosberg con le sotf per andare a superare e a rallentare alonso già dalla partenza o dai primi giri,

    perchè hanno hamilton davanti che lotterà per la vittoria e per avvicinare il secondo posto nel mondiale………..,

    a mio parere la strategia della ferrari è sbagliata ma solo la pista ci dirà la verità…

    • Ma non credo proprio, perchè l’unica speranza di Rosberg di salire la china è proprio quella di adottare la stessa strategia Ferrari, se facessero indossare le coperture più soft a Rosberg equivarrebbe a volerlo sacrificare a favore di Hamilton, non ci vuole certo un esperto per capirlo, e questo sarebbe un’altro suicidio tattico, non credo che Rosberg possa prendere la cosa allegramente visto che deve la sua posizione solo alla squadra.

      • Non sarebbe un possibile suicidio tattoco, ma non credo che ad oggi uno dei due piloti Mercedes abbia la voglia di fare da seconda guida in un modo così palese.

  • Sicuramente questa idea delle gomme dure e’ stata pianificata a tavolino prima delle qualifiche quando erano convinti di poter lottare solo per la sesta posizione, dietro sicuramente alle due merdeces, alle due Redbull e probabilmente alla lotus, e questo ci può stare. Ma poi, durante le qualifiche, abbiamo visto che Rosberg si è autoeliminato, e che le due Lotus erano battibili, quindi secondo me dovevano rivedere la strategia e puntare ad un quarto posto assolutamente alla portata. Con la buona partenza che caratterizza la Ferrari e la grande capacità di Nando di spremere la macchina in gara, secondo me c’è la saremmo potuta giocare alla grande…..
    Ora invece tutto si complica. Si parte nel traffico, e bisogna adattare la strategia di giro in giro vedendo come si sviluppa la gara, e questo è molto rischioso!
    Staremo a vedere. Certo e’ che la gara si preannuncia molto interessante…..

  • il problema è questo:

    Puoi allungare lo stint mentre gli altri si fermeranno prima e mi sta bene, ma ci sono un paio di considerazioni da fare

    1) Prima della sosta ai box, quanto tempo perderà la ferrari rispetto ai primi?

    2) Quando le altre vetture rientreranno in pista con le gomme nuove, avranno sicuramente un ritmo migliore della Ferrari.

    In sostanza, la coperta è molto corta, tiri da una parte si scopre dall’altra.

    Alla luce dei fatti, l 1:29:600 era alla portata delle rosse, quindi si poteva lottare per il 3 posto, d’altro canto la Ferrari diversamente dalla redbull e mercedes, ha un comportamento completamente diverso nella gestione delle merdie e morbide, un pò come la Lotus, per cui teoricamente partire con una vettura pesante e gomme medie ha una sua logica, per poi mettere le morbide a serbatoi vuoti, ma il rischio di rimanere intrappolati ai primi giri, rischiando di essere un pò troppo lenti, e soprattutto, il rientro in pista dei piloti che cambieranno le gomme per prima, avendo quindi possibilità di recupero, non mi lascia molto tranquillo.

  • Domani non aspettiamoci grandi partenze, a logica credo che Alonso partirà cercando solo di mantenere la posizione ed evitare i guai, partendo con le medie inutile cercare di infilarsi in ogni “buco” disponibile per guadagnare qualche posizione subito che poi probabilmente verrebbe persa subito, credo sia più logico cercare di mantenere la posizione cercando poi di tenere un buon ritmo fino al primo pit stop

  • Ora il mio pensiero va a Webber…… considerato che:
    – è amico di Alonso;
    – i rapporti con Vettel son tutt’altro che buoni, a maggior ragione dopo il sorpasso “vaccata” subito ad inizio stagione quando gli ordini erano di mantenere le posizioni;
    – è il suo ultimo anno in f1 quindi non ha nulla da perdere;
    ma perchè cavolo non prova mai a cercare di mettere un po’ il bastone tra le ruote a Vettel? Domani gli parte dietro, ovviamente non sto dicendo che dovrebbe speronarlo intenzionalmente, ma un attacco bello deciso di quelli “o la va o la spacca” potrebbe anche tirarglielo che cavolo!!!!!!!!

  • Con tutto il rispetto per la ferrari,ma voi ce lo vedete Lewis che si estrae dalla lotta per la pole?

  • La strategia della Ferrari potrebbe essere ottima anche perché domani le temperature saliranno ancora, ma se riusciranno a fare una buona partenza. Faccio pero’ notare due cose, la prima curva e’ una tagliola e la quarta e quinta fila sono i posti peggiori nei quali trovarsi in queste occasioni, la seconda e’ che una fila dietro c’è un certo Rosberg che, presumibilmente, utilizzerà la stessa strategia di Maranello . Onore a Vettel che ha candidamente ammesso di non aver fatto un giro perfetto , ma non c’è da stupirsi, e’ la sicurezza del fuoriclasse che non teme le critiche …

  • a quanto pare lotus e ferrari frignavano inutilmente..ci saremmo evitati la farsa di silvertsone

  • Io gli do abbastanza fiducia, in Ferrari in quanto a strategie e decisioni vanno in crisi quando ci sono imprevisti improvvisi e devono decidere il da farsi in pochi secondi, li spesso cappellano, ma quando si tratta di pianificare strategie non sono messi male……….
    Speriamo, d’altra parte ormai non bastano i podi, bisogna per forza arrivare davanti a vettel, quindi devono per forza osare e tentare qualcosa di alternativo, perché purtroppo la redbull é in forma e vettel quest’anno ha raggiunto probabilmente la piena maturitá come pilota e difficilmente commette errori……

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!