Ufficiale: dall’Ungheria tutti più lenti in corsia box

10 luglio 2013 09:18 Scritto da: Davide Reinato

Scatta il divieto di accesso per i media lungo la corsia box. Cameraman e altri accreditati possono assistere alle operazioni solamente dalla corsia box. Dall’Ungheria, inoltre, il limite di velocità passa da 100 a 80 Km/h.

pit-stop-red-bullDopo l’incidente occorso a Paul Allen, cameraman della Formula One Management, durante lo scorso GP di Germania, la FIA ha deciso di vietare la presenza in pitlane dei media e del personale non essenziale per il corretto svolgimento delle operazioni.

Dunque, dal prossimo Gran Premio di Ungheria, avremo regole ancora più restrittive per quanto riguarda la pitlane. La nuova circolare dice chiaramente che nella corsia box devono essere presenti solamente i commissari e il personale dei team. I cameraman e gli altri media accreditati potranno svolgere il loro lavoro solamente dalla pitwall, ossia dal muretto dei box.

Inoltre, il Wold Motor Sport Council modifica i limiti di velocità in corsia box, anticipando parte delle regole previste per il 2014. Sarà ridotto da 100 a 80 km/h, tranne in Australia, Monaco e Singapore dove il limite scende a 60 km/h. Questo è un punto molto importante, dato che influenzerà le strategie di gara.

Infine, la Federazione attende entro oggi una relazione scritta da parte della Red Bull Racing, dove l’incidente viene analizzato nel dettaglio. Questa relazione sarà poi condivisa con tutte le altre squadre, al fine di contribuire a migliorare la sicurezza di tutti.

22 Commenti

  • Goodyear4F1

    Beh la misura più giusta è togliere tutto il personale non necessario dalla pit lane. Era la risposta che mi aspettavo. Certo, abbassare il limite di velocità cambierà di parecchio le strategie, tuttavia anche quello è un fattore di sicurezza.

    Per chi parla di sicurezza dei meccanici, loro rischiano sempre, non solo per le gomme vaganti. Potrebbero anche essere investiti per una manovra sbagliata del pilota. A questo punto che si fa? Si vieta loro di uscire in pit lane finchè la macchina non è ferma?!? No, è il loro lavoro, sanno cosa rischiano. E almeno qualche protezione la hanno. Quindi evitiamo di fare polemiche inutili. Per una volta la FIA ha preso la decisione giusta per la sicurezza. Con buona pace dei caschetti di Horner!

    Poi non credo che un ritorno ai dadi standard sia la soluzione. Le perdite delle gomme avvenivano anche prima, bastava avvitare male il dado.
    Piuttosto una soluzione sarebbe un sistema elettronico che impedisce al pilota di inserire la marcia finchè tutte e 4 le ruote non sono fissate. Non sarebbe un sistema difficile da implementare.

  • Grisu, dico proprio da quel fattaccio.. te lo saresti mai aspettato che i rookie test li avrebbero resi accessibili ai piloti ufficiali e che avrebbero dato la possibilità di sviluppare le auto? io no. In più stanno mettendo una regola giusta, che magari non avrebbe evitate l’incidente di domenica, ma ne potrebbe evitare di futuri. Entrambe due mosse corrette ed è giusto saper anche apprezzare certe cose invece di lamentarsi continuamente.

  • La Fia come al solito fa ridere i polli…
    Sicurezza sicurezza e poi ecco l’ennesima porcata.
    La cosa comica e ridicola è che la FIA ha scritto un regolamento in cui le monoposto sono standardizzate in tutte le parti… centralina uguale per tutti, misure del cockpit imposte, misure del muso e taglia delle mutande per ogni pilota imposte ecc…

    Ma si è dimenticata un piccolo particolare che è piu’ importante imporre un dado di fissaggio e una pistola per cambiare le gomme standard.
    E’ quello il problema, per velocizzare il cambio seguendo la falsariga della redbull tutti hanno pistole e dadi a fissaggio rapido, addirittura si parlava di un sistema a puntamento laser per la Redbull ma non so se sia fantascienza. Resta il fatto che bastava sin da subito imporre un dado standard e una pistola uguale per tutti per scongiurare problemi ai box come quello che abbiamo visto.
    Cosa c’entra la velocita’ di percorrenza ai box o l’assenza dei cameramen, quella gomma poteva colpire i meccanici o qualcuno nel muretto box. comunque almeno non hanno favorito un team come è successo per il finto problema di sicurezza per gli pneumatici. Adesso diciamo che chi fara’ piu’ soste sara’ sfavorito…

  • principesco88

    Con la velocità ridotta si impiegheranno in media 5-7 secondi in più per attraversare le pitlanes…è vero che è per tutti, però le strategie di gara ne risentiranno parecchio…

  • soliti pagliativi che non servono a nulla, webber quando ha perso la gomma non era ai 100km orari, e credo che non fosse nemmeno agli 80.
    ho letto di proposte di mettere un tempo minimo (5secondi) per il pitstop, ma se cercate il video, vedrete che webber inizia il pitstop al secondo 6 per poi poi ripartire al secondo 13, 2 secondi in più rispetto ai 5 secondi ipotizzati.

    L’unica cosa sensata sono i dispositivi di protezione individuale per la gara (scomodi ma per 2 ore a gp un niente confronto chi li deve indossare 8 ore al giorno) e restare con le sole camere fisse togliendo i cameramen.

    La corsia box deve essere vista un po’ come un cantiere, una zona di pericolo costante!

  • Ufficiale:
    Allison alla Ferrari nel 2014!!!!!
    E uscita la notizia….

  • Non penso che diminuendo la velocità il problema a webber non sarebbe successo.

  • Se mettiamo pure il limite di tempo al cambio gomme stiamo freschi poi,no,non sono per niente d’accordo.
    Il cambio gomme è,e fa parte della gara,è una sfida nella sfida,e poi visto che i meccanici della Ferrari sono bravi e non sbagliano mai,almeno li dove siamo i più forti io un “regalo”gratis agli altri non voglio proprio farlo.
    Che imparassero meglio a coordinarsi nelle operazioni,che,cosi come deciso,si spostassero i giornalisti e telecamere più in là,sul muretto,ma se mitogli anche i colpi di scena del cambio gomme,l’u nico momento che in certe gare può cambiare le carte in tavola,allora stiamo freschi.
    la formula uno è uno sport inevitabilmente pericoloso,allora se continuiamo a ragionare cosi perche non mettere un limite di velocità nella percorrenza di certe curve pericolose?
    A me poi il troppo “political correr”non mi piace,finisce per snaturare le cose.

  • Comunque tornando all’incidente ai box, è ridicolo che un team campione del mondo sbagli 2 volte in pochi mesi a montare la poteriore destra… Sempre su webber…io darei al team redbull la squalifica di un gp come a grosjean l’anno scorso… Per riflettere e non sbagliate più…

  • Non credo che diminuire la velocita’ cambi qualcosa. Inoltre è stato fortuito che abbia colpito un cameramen, poteva colpire anche un meccanico, e di questi non se ne puo’ fare a meno….
    Io invece cambierei le regole del cambio gomme. Molti meno meccanici (oggi credo siano almeno 18 intorno alla macchina) e magari un tempo minimo, ad esempio 5 secondi, in modo che possano fare con piu’ calma e senza l’ansia di fare mezzo decimo meno.
    Avrei dato una punizione peggiore alla RedBull. Una leggerezza che poteva costare veramente tanto….

    • Concordo con te, meno meccanici e tempo limite per effettuare il cambio gomme, se non sbaglio nella nascar funziona così. L’incidente non è avvenuto per colpa della velocità all’interno della corsia box ma dalla fretta di rimandare webber in pista. Per quanto riguarda il divieto dei cameramen lungo la corsia box la trovo giusta, sia per la loro incolumità che per quella degli addetti ai lavori ai box

    • Secondo me se si mettesse un tempo limite per i pit stop sotto il quale non si può scendere, si perderebbe spettacolo e non si risolverebbe del tutto il problema.
      Come fai ad essere sicuro di non scendere sotto il tempo limite? Mettiamo che non si possa fare un pit stop sotto i 5 secondi, bene le scuderie cercherebbero tutte di stare perfettamente sui 5 secondi e ciò potrebbe anche distrarli. Invece cercare di essere il più veloci possibile richiede tantissimo allenamento e ciò li rende molto efficenti. Anche con un tempo limite non si scongiurano errori come un dado mal avvitato da una pistola difettosa.
      Poi ragioniamo anche sul fatto che oggi il momento del pit stop è cruciale nella strategia di una gara ed essendo già non troppo spettacolari le corse, se togliamo anche questo fattore perdiamo troppo.
      Per me sono altre le cose da fare per cercare di limitare i rischi il più possibile, come non far andare in pit lane i cameramen e tutti i non addetti per esempio.

  • Sbaglio o ultimamente la FIA si sta dando una svegliata?

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!