Hembery: “Il miglior test in 3 anni? Quello di Barcellona”

11 luglio 2013 09:38 Scritto da: Redazione

Il Direttore Motorsport di Pirelli ha ribadito l’importanza dei test in pista effettuati con vetture moderne e all’avanguardia, unico metodo funzionante per evitare problemi come quelli avuti nel corso di questa stagione.

nico-rosberg-mercedes-2013In vista delle prove di Silverstone, Paul Hembery è tornato a parlare dell’importanza dei test per lo sviluppo di pneumatici più performanti e sicuri. Anche oggi Pirelli è in pista al Paul Ricard, dove Jaime Alguersuari sta portando avanti lo sviluppo dei nuovi pneumatici PZero. Come al solito, si utilizza la vecchia Renault R30, acquistata dalla società milanese proprio per portare avanti il progetto F1.

Hembery non ha perso occasione di ribadire che la R30, risalente al 2010, è ormai obsoleta per gli attuali livelli raggiunti dalle monoposto di F1. Le squadre però, per paura di lasciare un certo vantaggio agli avversari, preferiscono fare orecchie da mercante alle continue richieste da parte del costruttore italiano che vorrebbe coinvolgere direttamente le squadre e avere monoposto della stagione in corso per le prove.

“Questa situazione deve cambiare“, dice Hembery. “Dobbiamo cercare di affrontare certi aspetti in maniera diversa. Potremmo anche utilizzare i simulatori, ma anche in quel caso non sarebbe sufficiente utilizzarne solo uno, perché saremmo accusati di concentrarci su una squadra in particolare. I livelli di paranoia sono molto alti, così come lo è il livello di competitività. Ma, ad un certo punto, dovremmo essere lasciati liberi di fare il nostro lavoro”.

Il Direttore Motorsport della casa della Bicocca continua il suo sfogo dicendo: “Noi non siamo interessati ad aiutare una squadra piuttosto che un’altra, ma vogliamo solamente fare il nostro lavoro. Non importa se facciamo prove con cinque o sei team diversi, ma serve testare le gomme in pista”.

Non a caso, Hembery svela candidamente un particolare interessante: “Il test più produttivo dal punto di vista degli pneumatici, nel corso di questi tre anni, è stato senza dubbio quello con la Mercedes a Barcellona. Guardandola dal nostro punto di vista, è stato il migliore che abbiao disputato, perché avevamo a disposizione una monoposto competitiva e due piloti esperti che, lavorando con professionalità, ci hanno fornito esattamente tutti i dati che volevamo. Sembra terribile quando lo dico, ma è così”, conclude.

36 Commenti

  • Ma xkè la Pirelli non si compra le due hrt usate fino all’anno scorso? Fanno schifo ma sono certamente più nuove delle Renault R30

  • Quanto parlano quelli della Pirelli…

    Ora mai anche loro sono uno strumento nelle mani della FIA.
    Comunque mi chiedo perche’ nel 2010 non furono cambiate le gomme ? ???

    Sicuramente molte cose sono enfatizzate dai media, ma qualcuno si ricorda che nel 2010 sempre a Silverstone ci furono 2 forature forse anche di piu’…
    Per ricordarvelo posto i video:
    Massa Silverstone 2010 :

    http://www.youtube.com/watch?v=vM2EZEBiNE0

    Vettel Silverstone 2010:

    http://www.youtube.com/watch?v=F0PYHnTlEjY

    Vi chiedete sara’ un caso ma che’ sempre nel 2010 SPA
    VEttel

    http://www.youtube.com/watch?v=C5j0WtlW8zg

    Ora io mi chiedo e dico, perche’ tutto questo casino in questa stagione e quando invece la Redbull domina tutti stanno zitti ????
    Anche la Pipparelli…

    • Innanzitutto sei un grande, andando a dimostrare che questi problemi c’erano e che in pratica la Pirelli ha de sempre portato gomme inadeguate. C’è poi una cosa che non capisco, la Pirelli chiede sempre test ma per cosa? Non che non servano in assoluto, ma in regime di monogomma non c’è alcun bisogno di sviluppare le gomme, perchè non vi è alcuna concorrenza da battere. ricordo che la Goodyear quando entro la Bridgestone, abbandono il circus dopo un anno (credo)non perchè risultava perdente, ma perchè forse in solo anno aveva speso quanto i 10 anni precedenti perchè era ovviamente costretta a portare ad ogni gara pneumatici più performanti e questo ovviamente aggravava i costi. Anche il discorso che l’auto del test sia inadeguata mi pare eccessivo, è così terribilmente più lenta di quelle attuali, ok può essere, ma la Pirelli deve solo fare delle gomme in grado di reggere i carichi di lavoro delle formula 1, dunque forti accelerazioni laterali, frenate e quant’altro, sono così cambiate nell’arco di quest’anni? E’ capace o no? Qui il problema è che si stanno adattando le gomme alle macchine e non il contrario

      • Grazie una precisazione pero’ nel 2010 c’erano ancora le Bridgestone le Pirelli arrivarono nel 2011.
        Sul discorso che fai sul mono gomma è vero in generale. In realta’ la renault che hanno sarebbe sufficiente per fare delle ottime gomme senza test, ho letto l’articolo dell’ing. Dallara che diceva esattamente le stesse cose, i valori fra una monoposto vecchia e quelle odierne non influiscono piu’ di tanto sulle gomme non c’entrano i 4 secondi di differenza ma altri fattori.
        In pratica la Pirelli potrebbe fare delle gomme come una volta dei bei mattoni indistruttibili come faceva la Good Year, il problema è il marketing e le richieste di FIA e di alcuni team.

        L’idea di avere un solo fornitore stile Good Year era ottima, le gomme non erano cosi’importanti come adesso perche’ erano standard e la differenza la facevano le monoposto. Oggi invece la differenza le fanno le gomme… e in questo modo la FIA puo’ controllare il campionato è questo il punto. La Fia ha bandito i test e si è creata ad Hoc dei sistemi collaudati per controllare l’andamento del campionato, dal regolamento restrittivo che pero’ in taluni casi diventa aperto per qualche team, al cambio delle gomme a campionato aperto. La Pirelli è una sorta di zerbino nelle mani della FIA e dei team potenti, in questo caso Mercedes e Redbull, la pirelli poteva fare un lavoro onesto costruendo delle gomme a prova di scoppio e di sollecitazioni estreme sacrificando le prestazioni della F1 che in realta’ sono migliorate tanto grazie proprio alle gomme il regolamento è abbastanza vecchio e i motori e l’aerodinamica sono sempre le stesse, cambiano piccoli dettagli come gli scarichi ma per dirla tutta quando il regolamento era aperto come negli anni 90 gli scarichi soffiati erano quasi insignificanti perche’ c’erano numerosissime aree dove intervenire e fra le altre cose la Mclaren mercedes degli anni 90 aveva gia’ qualcosa di simile (scarichi Bassi ) ma non servivano a niente anzi rendevano la monoposto meno affidabile… in un contesto di regolamento aperto dove si potevano sviluppare motori e aerodinamica. Oggi le idee dei progettisti sono anch’esse controllate, una soluzione va bene per la fia un altra invece viene bocciata.. esempio scarichi soffiati e DDRS ok mentre correttore d’assetto NO.
        Se poi sei un team che non influenza il regolamento e la FIA allora ti possono cambiare le gomme nel corso del campionato anche se nello stesso regolamento è scritto quanto una casa che le mescole delle gomme devo essere quelle dei test di presagitone.

    • un momento, mostrare filmati in cui si vedono monoposto girare con gomma forata è fazioso, i 3 filmati che hai riportato sono tutti conseguenti a contatti tra monoposto, in particolare per vettel il primo con hamilton e d il secondo con liuzzi.

      mi sembra uno scenario differente rispetto silvestone 2013.

  • nn capisco tutti sti attacchi… ovvio che sono stati i migliori, sono stati anche gli unici dove interessi della scuderia e del costruttore coincidessero.. a me nn dispiacciono le pirelli

  • Questo mio post lo dedico a chi mi ha accusato di essere poco analitico in questo mio commento:

    “Meno male che che è stato il miglior test, perchè subito dopo dalle delaminazioni sono passati direttamente alle esplosioni.”

    Prima di tutto, preciso che quello che segue sono le domande che si è posto l’ing Benzing dal Blog “il giornale.it”, ma, con orgoglio, ci tengo a precisare che sono le stesse identiche domande che mi sono posto io che ho anche esternato su qesto sito, quindi mi limiterò a fare il copia ed incolla, perchè credo che le parole dell’ing. Benzing valgano molto di più delle mie:

    “””””””””
    1°) il montaggio di coperture con senso di rotazione invertito. Pensate che la denuncia sui media di questo dettaglio risale a due mesi fa. Un giornale straniero ha pubblicato per primo la foto di una ruota posteriore sinistra della British-Mercedes con la freccetta inversa e mi ha chiesto un breve commento, in cui ho richiamato anche l’isteresi della gomma, oltre al disegno della struttura. Perché gli ingegneri delaminati non hanno aperto bocca? Perché non hanno avvertito che a Silverstone è proibito fare di quei giochini? Cosa guardano quando stanno ai bordi delle piste?

    2°) le basse pressioni: i tecnici della Pirelli, assegnati ad ogni squadra, possono sbirciare i colleghi dei “team”, quando fanno le continue misurazioni al box. E perché non hanno fatto un editto o una raccomandazione specifica? Dov’erano? Inoltre, contro questa argomentazione rimane una constatazione inconfutabile: credete che le squadre facciano girare Hamilton con una pressione e Rosberg con un’altra? Massa a mezza atmosfera e Alonso a una e mezza? Premesso che nessun ingegnere di pista si azzarda a compiere esagerazioni, non solo in gara, ma neppure in prova.

    3°) “camber” spinti: non facciamo ridere i polli, se io stesso, con le sole immagini televisive, ho ripetutamente osservato e commentato, dal 2011, che gli angoli proposti da Adrian Newey (lui non ha “dechappato”!) erano tremendi? Dove è vissuto l’ineffabile signor Hembery, succube di Ecclestone, da Francorchamps di quell’anno in poi, quando addirittura chiedeva che la Fia-Tv controllasse e proibisse i “camber” statici a più di 4°? Di “camber” la Pirelli non ha più parlato nel 2012 e nemmeno nel 2013 o nelle prove di Silverstone, per una doverosa sicurezza preventiva.

    4°) i cordoli alti esistevano anche nel 2012; le gomme di super-burro, senza più “kevlar”, più pesanti, asimmetriche, no. È dall’Australia che critico le innovazioni, attuate su ordine di Ecclestone, per il “thrilling”, i ribaltoni, i multi-“pit-stop” e tutte le manipolazioni possibili. È dai “test” invernali di Jerez che Vergne – da quel giorno il mio pilota preferito – le ha chiamate “gomme-cavolfiori” e mi sono servito della dichiarazione per le mie accuse alle irresponsabili innovazioni. E vogliono chiamare “pneumatici sofisticati” i manufatti turchi, costruiti con cavolfiori turchi, da lavoratori turchi, mentre l’Italia è dilaniata dalla disoccupazione e dalla crisi economica.

    5°) pneumatici 2013 che non mettono a rischio la sicurezza, se usati correttamente? L’accusa è grave. Perché il signor Hembery (dovrebbe dimettersi) non ha detto nulla al primo “dechappage” del Bahrain o a quello successivo in Spagna? Perché, nell’imminenza di Silverstone, è ricorso alla colla da ciabattini di campagna? Quale accesso-dati, se gli ingegneri della Pirelli, oltre a non fornire le curve di deriva, non guardano nemmeno quel che avviene ai box o quello che tutte le immagini televisive divulgano? Salvo, poi, aggiungere, dopo le accuse, di non voler essere polemici né attaccare nessuno.
    “”””””””

    Detto questo, non penso siano necessari commenti, ne credo servirebbe a nulla cercare di difendere l’indifendibile, la Pirelli ci ha fatto una magra figura con le delaminazioni e continua a fare delle figuracce dicendo baggianate enormi addirittura accusando le scuderie, quando era lei deputata a dare le “istruzioni per l’uso” prima che si verificassero questi problemi.

    Hanno fatto dei test SEGRETI per poter sviluppare le gomme 2013 (lo sviluppo delle gomme 2014 era vietato) eppure hanno avuto la sfrontatezza di dire che su 12 tipologie di pneumatici 2 erano per il 2014, bene allora se hanno avuto tutto questo materiale a disposizione con dei test ultra produttivi, come mai poi le gomme sono diventate esplosive??? Ma soprattutto, come mai sono diventate esplosive dopo i correttivi???

    Si sono affannati a dire che le esplosioni erano correlate solo ai fattori da loro enunciati, ebbene, allora perchè cambiare completamente gomma??? Non bastava adottare gli opportuni accorgimenti per evitare che talune condizioni si verificassero nuovamente in futuro????

    Scusatemi, ma IMHO la Pirelli non ha assolutamente scusanti, se i testeffettuati a Barcellona con la Mercedes sono stati così altamente produttivi, allora in Pirelli dovrebbero solo vergognarsi.

    • Si sono affannati a dire che le esplosioni erano correlate solo ai fattori da loro enunciati, ebbene, allora perchè cambiare completamente gomma??? Non bastava adottare gli opportuni accorgimenti per evitare che talune condizioni si verificassero nuovamente in futuro????

      Scusatemi, ma IMHO la Pirelli non ha assolutamente scusanti, se i testeffettuati a Barcellona con la Mercedes sono stati così altamente produttivi, allora in Pirelli dovrebbero solo vergognarsi.

      L’ho detto gia da silverstone..incredibile..ma tanto la storia sarà questa fin quando i soldi conteranno piu di qualche vittoria..fin quando la f1 non riavrà la vecchia gente..

    • Bravo, bravo, bravo Max.

  • String Quartet

    Quanti commenti superficiali.
    Come se nei test avessero provato le gomme che sono state portate a Silverstone… mi meraviglio di maxleon, che di solito è molto analitico nei commenti…

    • Hai poco da meravigliarti, perchè in quei test la Mercedes e la Pirelli hanno provato di tutto e di più, infatti per bocca dello stesso Hembery hanno provato dodici tipi di mescole diverse di cui solo 2 per il 2014, secondo te gli altri 10 tipi a cosa erano destinati???

  • Polemburi sei scoppiato come le tue gomme!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Infatti, miglior test per rendere le gomme degli esplosivi… Ma che c*zzo dice questo idiota di Hembery? Bah , io non lo sopporto, è sempre contraddittorio…

  • Meno male che che è stato il miglior test, perchè subito dopo dalle delaminazioni sono passati direttamente alle esplosioni.

  • Caribbean Black

    …anche per Merdacess….quello di barcellona è stato il miglior test in 4 stagioni di f1….

  • Ma poi dal 2015 congeleranno di nuovo i motori cosicchè chi avrà progettato il motore migliore vivrà di rendita per 5 anni condannando gli altri a non vincere un tubo fino allo sblocco successivo?

  • Ci vogliono i test liberi e più libertà di sviluppo sui motori!! non ha senso che il principale sport motoristico congeli i motori per 5 anni

  • Alonso ,il Vate,ha parlato e ha detto:”mi piacerebbe avere Newey in Ferrari”….ha detto niente,ha detto!
    Sara molto contento Pat Fry di queste parole…

    • Come spesso ribadisce il grande Gianfranco da Teramo (Il vero Vate) Adrian Newey non ha mai dato il meglio di se’ in una grande factory…

    • si Newey colui che produsse le vetture piu scadenti dal 2000 al 2009..colui che le prese dal mitico uomo rosso che sta lavorando per il 2014..

      • beh, scadenti è un po’ forte… se per te macchine che arrivano seconde nel mondiale sono scadenti stiamo freschi.

        Sicuramente averlo in squadra fa bene a chiunque, ha sempre fatto bene, poi l’anno sfigato o meno prestazionale capita a tutti. Tanto per dirne una, nel famigerato 2009 le sue macchine, pur non disponendo di diffusore double deck stavano dietro alle brawn. E’ bravino il ragazzo…

        poi piccola precisazione, Alonso non ha preteso proprio niente di niente, ha semplicemente risposto ad una domanda “mentirei se dicessi che non voglio Newey in squadra”, non travisiamo dai.

      • M;a cosa d1Newey aala williams e alla McLaren ha sempre fatto le migliori macchine del campionato,si ,l’unico che è stato capace di fare meglio è stato Rory,che adesso sta progettando la Ferrari del 2014

      • ovviamente macchine scarse era indicato al confronto con Byrne..però in williams ha avuto un capitale non piccolo..e pur vincendo 2-3 titoli Byrne l’ha fermato con una benetton..poi si in Mclaren ha creato una vettura vincente..ma non dimentichiamoci che gia dal 99 Byrne ha DOMINATO..di fatto newey fino al 2010 non ha vinto nulla..

      • Colui che era in Williams il 1 maggio 1994.

  • Bè però su una cosa ha ragione: i test servono, se avessero potuto testare le gomme a fondo probabilmente non ci saremmo travati di fronte alle delaminazioni ed agli scoppi dei pneumatici di Silverstone.

  • Ma che fà,ci prende pure per il culo? Bhè,comunque,almeno,.. viva la sincerità,cosa che non puo dirsi per la Mercedes e in particolare per quel menefreghista di Hamilton.

    • MotoreAsincronoTrifase

      che centra hamilton. Come lui stesso ha detto lui guida solo. Gli chiedono di fare un test e lui lo fa, sono altri che prendono le decisioni e gli accordi sottobanco. Unici responsabili brown, pirelli e la fia.

      • Appunto…cosa c’entra? Lui era in America a farsi un giretto a Disneyland…

      • Infatti,e poi si lamenta pure della pirelli,oppure fa il finto tonto quando gli conviene

    • Ti voglio vedere fare ciò che vuoi, andando contro gli ordini dei tuoi superiori. È sotto contratto con la Mercedes, se gli dicono di correre deve correre, se deve fare altro, fa altro.

      • Si pero non fare l’angioletto con la stampa poi

      • Il 110% delle interviste sotto sotto controllo dalla Mercedes, neanche le interviste non sono libere negli sport

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!