Lowe: “Bell-Costa-Willis è il segreto vincente della Mercedes”

15 luglio 2013 16:38 Scritto da: Giacomo Rauli

Paddy Lowe, ex direttore tecnico della McLaren ora alla Mercedes, ha risposto alle critiche delle ultime settimane volte a colpire il reparto progettazione, secondo alcuni troppo affollato e incapace di produrre i risultati sperati

Paddy-Lowe-McLaren_2747480Dall’arrivo in Mercedes di Lewis Hamilton e Paddy Lowe la Mercedes ha iniziato a fare sul serio dopo tre stagioni di buio pesto e totale. Tre stagioni e una sola vittoria dal 2010 al 2012 mentre, dopo soli nove Gran Premi disputati quest’anno, il team di Brackley ha conquistato due vittorie con Nico Rosberg e cinque podi totali (tre con Hamilton e i due successi del tedesco). I due ex Woking sono stati decisivi per il salto di qualità del team anglo-tedesco, ma decisivo risulta essere l’apporto del trio di progettisti formato da Bell, Costa (ex Ferrari) e Willis.

La “triade” Mercedes, formata da ingegneri di spicco con alle spalle decenni in scuderie di alta classifica, è stato al centro di feroci citiche negli anni passati per gli scarsi risultati in pista, mentre la diretta concorrenza volava verso duelli risolti spesso all’ultima gara del mondiale. La W04, monoposto affidata al talento di Hamilton e Rosberg, è risultata sin dai test di Barcellona (escludiamo i test di Jerez per scarsa affidabilità della componentistica) una delle più veloci del lotto e la più performante sul giro singolo.

I risultati ottenuti dopo nove Gran Premi sono confortanti, ma le polemiche nei confronti dei progettisti non accennano a placarsi. La W04 è ancora carente di carico aerodinamico e spesso sfrutta male gli pneumatici, producendo graining e un anomalo consumo che va a influire sulla performance in gara.

Paddy Lowe, ultimo arrivato nell’organigramma tecnico di Brackley, ha espresso il proprio giudizio sul lavoro svolto dai colleghi sulla monoposto di questa stagione e sulle critiche che da un triennio minano il reparto progettazione AMG Mercedes F1:Alcuni dicono che la Mercedes abbia troppi direttori tecnici, ma a me sembra che tutto funzioni al meglio. Negli ultimi dodici mesi abbiamo fatto grani progressi e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La mole di lavoro, soprattutto quest’anno e durante il prossimo, sarà enorme. Essere in tanti aiuta a svolgere ogni operazione necessaria per fare un’ottimo 2013 e preparare il cambio di regolamento previsto per la prossima stagione al meglio“.

Lowe sembrerebbe il principale candidato a rilevare Ross Brawn come direttore tecnico del team, ma sino al possibile avvicendamento l’ex direttore tecnico McLaren continuerà a cercar di migliorare la monoposto: “Se sarò io a sostituire Ross Brawn lo scopriremo più avanti. Ora il mio compito è quello di aiutare la Mercedes nel processo di miglioramento. Qui non abbiamo bisogno di rivoluzioni, le cose funzionano bene, lo staff è di altissimo livello e la vettura ha mostrato miglioramenti sensibili rispetto allo scorso anno. Non dimentichiamo che nel 2009 questo team ha vinto i mondiali (quando ancora di chiamava Brawn GP, ndr), per cui dovremo solo sistemare alcuni dettagli per fare in modo di rasentare la perfezione“.

6 Commenti

  • Team vincente! Queste sono le premesse. Ci vorrà tanta pazienza però ce la faremo! Paddy Lowe saprà integrarsi e trovare la soluzione ai problemi della Mercedes lavorando sodo come tutti! Lewis è davvero in ottime mani con Ross Brawn!
    McLaren deve essere ringraziata per il salto di qualità. Adesso vediamo chi portava tutto il loro ‘peso’ sulle spalle. Chissà quante altre pole/vittorie Schumi avrebbe vinte? Però deve sentirsi orgoglioso per il lavoro fatto dalla Mercedes. Speriamo che la gara In Ungheria non sia troppo ‘brutta’

  • guardandola in qualifica non mi pare affatto una macchina carente a livello di carico aereodinamico…oppure come lo spiega il dominio su una pista come silverstone ?? il problema è solo legato alla gestione delle gomme…vi ricordate dov era la mercedes negli anni passati ?? non si puo fare un salto di 10 metri ma la mercedes sta arrivando al vertice.

    • il problema è SOLO legato alla gestione delle gomme…
      ah ah ah come se fosse una cosa secondaria…

      Quello è il punto focale, la gestione delle gomme, vedi Ronny una monoposto puo’ essere velocissima in qualifica e poi carente in gara proprio per quello.

      E’ veramente facile fare una monoposto veloce in qualifica che se ne frega della gara, tanto poi con i test segreti si sistema tutto, del resto la Mercedes era gia’ veloce in qualifica anche negli anni scorsi anche se poi i tecnici hanno cercato di mediare le prestazioni fra gara e qualifica riducendole il sabato.
      La Ferrari che non ha mai brillato in qualifica è cosi’ perche’ ha impostato una monoposto per la gara e nell’arco del campionato ha cercato di recuperare in qualifica, poi sono cambiate le gomme e tutto è stato azzerato.

      Una volta le monoposto potevano essere regolare per la qualifica e per la gara con gomme differenti, allora si che venivano fuori le vere prestazioni delle monoposto. Ora chi riscalda prima le gomme e chi riesce a trovare il compromesso fra gara e qualifica fa la prestazione migliore. Sarebbe bello tornare come una volta, assetto da qualifica e assetto da gara togliendo l’assurdita’ del parco chiuso e del limite di gomme.
      Ma si sa’ c’è qualche team di cui non faccio il nome, che tramite una deroga riesce ad avvantaggiarsi in maniera esponenziale rispetto agli altri che non possono nemmeno copiare questo sistema perche’ non hanno il beneficio di tale deroga.

    • Ciao Ronny,

      ti do la mia opinione..la mercedes da quando è rientrata ha avuto come pilota un certo Micheal Schumacher che in termini di sviluppo della vettura non credo sia secondo a nessuno…il mio dubbio è che schumacher abbia guidato lo sviluppo verso una macchina fortissima (se avessero avuto gomme di pietra alla bridgestone), purtroppo schumi è arrivato con gomme di pastafrolla quindi..il giro in qualifica lo riescono a fare bene..anche meglio della redbull perchè il potenziale della vettura c’è..che ne dici??

  • strana concezione di “vincente”, non c’è che dire…

    • Beh se i vincenti degli ultimi 4 anni sappiamo tutti come lo sono diventati credo che stanno seguendo nel migliore dei modi la giusta strada!dagli qualche mesetto e vedi che anche questi giungeranno al vertice..ovviamente lo dico in buona fede

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!