Alonso e Raikkonen, Silverstone un’occasione persa?

18 luglio 2013 14:19 Scritto da: Antonino Rendina

La scelta dei due top driver di saltare i test di Silverstone ha diviso gli appassionati, e intanto Vettel non rinuncia a girare con la Red Bull.

alonso-raikkonen-australia-podioIl primo e il secondo della classifica generale; loro che seguono a debita distanza il battistrada Vettel. E sognano, tra mille difficoltà, di battere l’armata Red Bull. Ma se hanno l’occasione di allenarsi, decidono di non farlo.

In principio fu Fernando Alonso a scuotere la Ferrari con la secca dichiarazione: “Farei a meno di questi test di Silverstone riservati alle gomme”.

 L’asturiano poi ritrattò parzialmente, pensando che nei test si potesse lavorare liberamente sulla macchina. Ma dopo l’ultimo veto della Fia, Fernando ha rinunciato definitivamente al suo giorno di prova.

Assente a Silverstone, ma impegnato lunedì al simulatore. Alonso non è stato però l’unico big “ribelle”, seguito a ruota da un altro campione amato ed esperto, Kimi Raikkonen appunto.

“Se questi in questi test non si possono provare più cose sulla monoposto, tanto vale che me ne sto a casa”. Laconico e schietto il finlandese, che ha rinunciato anch’egli ai test inglesi riservati allo sviluppo delle Pirelli.

E così i Km in macchina vengono centellinati. Quando grandi piloti del recente passato (pensiamo ai vari Hakkinen e Schumacher per non andare troppo indietro) avrebbero fatto carte false per il semplice gusto di guidare. Altra epoca, e vien da pensare che il divieto delle prove private abbia finito per imborghesire questi gladiatori ben remunerati.

Alonso e Raikkonen hanno mandato i loro scudieri (seconde guida più tester sia per Ferrari che Lotus) a fare il lavoro sporco, dando appuntamento alle loro monoposto direttamente a Budapest. Sebastian no, il tedeschino è meticolosamente attaccato al suo lavoro e, nonostante fosse l’unico a poterselo davvero permettere, è lì a Silverstone a sgobbare a fianco ai giovanotti.

Peccato allora, perchè sorge forte il dubbio che Kimi e Fernando abbiano perso una bella chance di farsi vedere, di mettere un po’ di fiato sul collo a Vettel, per fargli capire che ogni metro percorso è fondamentale, che loro ci sono sempre e comunque. Un po’ più di fame insomma, l’avremmo apprezzata eccome.

35 Commenti

  • ah! Io l’ho sempre detto che Alonso avrebbe sprecato un’occasione! Da Kimi me lo sarei potuto aspettare, ma da Alonso, che parla sempre di “attacco psicologico nei confronti dell’avversario” si è dimostrato poco furbo e arrendevole.
    Quasi rimpiango Schumacher, che ci mise diversi anni prima di vincere con la Ferrari (4, se non sbaglio), ma non mi pare abbia mai avuto un atteggiamento così “da prima donna”. E poi è anche colpa della Ferrari, che non ha le capacità di imporsi sui propri piloti: insomma, il sedile della Rossa è un posto ambito da tutti e non sarebbe proprio difficile trovare un degno sostituto di Alonso che, o si da una regolata, o prende e se ne va. è anche vero che alla Ferrari serve un buon pilota che sappia collaudare la vettura, ma se il suddetto pilota perde sempre la pazienza..

    • E che doveva fare Alonso? Partecipare a dei test veramente inutili buttando e sprecando tempo, togliendo tempo preziosissimo per la rossa allo sviluppo macchina concesso dalla FIA solo con i giovani al volante?
      A volte mi sembra che pur di dare contro ad un pilota non si leggano e capiscano le notizie.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!