Il segreto della Mercedes? I cerchi “refrigeranti”

30 luglio 2013 18:22 Scritto da: Mario Puca

Una foto scattata nel corso di un pit stop ci rivela un dettaglio inedito per la Mercedes. Che sia questo il segreto delle (ottime) prestazioni recenti della W-04?

mercedes cerchi

La Mercedes è stata certamente la squadra più attiva recentemente. Sin dal discusso (e punito…) test segreto in Spagna, sulla W-04 sono comparse tante novità, sia aerodinamiche che meccaniche, che abbiamo sempre puntualmente analizzato nel dettaglio. Oltre alle novità “visibili”, però, ne è comparsa una quasi “invisibile”, o quanto meno molto difficile da intercettare. Una FOTO scattata nel corso delle prove libere del Gp di Ungheria (che la Mercedes si è aggiudicata, ndr) mostra un dettaglio davvero interessante: il cerchio posteriore presenta una vistosa scanalatura nella parte interna della ruota.

Difficile dire quale sia la vera funzione di questo canale ed ancor più difficile capire cosa nasconda al suo interno, ma è altamente probabile che questo sistema serva a creare uno “scambio termico” tra l’intero della gomma e l’esterno, in modo da abbassare la temperatura dei pneumatici.

Uno dei problemi di questa monoposto, infatti, è sempre stato l’eccessivo degrado delle gomme posteriori, dovuto principalmente ad un repentino ed incontrollato aumento della temperatura delle coperture Pirelli. I tecnici di Stoccarda sono intervenuti con diverse soluzioni, in particolare modificando la geometria della sospensione posteriore (FOTO) e modificando la scatola del cambio; il tutto contornato da numerosi interventi aerodinamici lungo tutta la monoposto (muso, ali, carrozzeria, DRD, ecc.).

Il dettaglio mostratoci in Ungheria, però, potrebbe essere davvero l’arma segreta che ha consentito alla Mercedes di fare il definitivo salto di qualità ed affermarsi come concorrente principale della Red Bull in campionato.


La scanalatura percorre tutta la parte interna del cerchio; quindi è ipotizzabile che nasconda, all’interno, una vera e propria camera d’aria (FOTO) che, grazie alla grossa apertura presente nel cestello dei freni (FOTO), consente di espellere il calore che si accumula all’interno della stessa. Tale espediente consente di “refrigerare” la gomma dal suo interno, evitando l’eccessivo degrado causato proprio da temperature troppo elevate. Già nei precedenti GP avevamo notato scelte particolari per la Mercedes in questa zona della vettura; a Silverstone, infatti, la W-04 era stata dotata di cestelli asimmetrici (anteriori), volti a trasferire una quantità diversa di calore tra gomma destra e sinistra.

Proprio relativamente ai cestelli, possiamo individuare delle differenze tra quelli utilizzati nel corso della stagione fin ora disputata: nelle prime gare della stagione era già presente la presa d’aria ma il cestello era differente (FOTO Malesia  – FOTO Cina – Cestello Malesia). Il cestello “chiuso” resta tale fino in Spagna (FOTO).  Da Monaco in poi si notano i primi cambiamenti, sia relativamente alla forma della presa d’aria dei freni che ai cestelli, fino ad arrivare alla soluzione odierna, chiaramente visibile a Silverstone (FOTO).

Analizzando la posizione della scalanatura e l’apertura del cestello (FOTO), nonché della presa d’aria a sbalzo, infatti, possiamo affermare che la scanalatura nel cerchio scorra proprio su tale apertura (FOTO), contribuendo a far circolare aria fresca all’interno della camera d’aria situata tra cerchio e gomma e provvedendo quindi ad evitare che la gomma raggiunga temperature troppo elevate che ne causino un degrado precoce. Da notare, inoltre, che la scanalatura si trova nella parte della gomma maggiormente sollecitata e direttamente investita dai gas caldi provenienti dagli scarichi ed utili a sigillare il diffusore.

37 Commenti

  • Dando per scontato che il ‘venting’ dei freni sia al centro di tutto, non ho ancora letto una spiegazione che mi convinca del tutto.

  • zio ma cosa centra ? tutti portano sviluppi….ma evidentemente quelli della mercedes funzionano di piu..

  • bella idea,una domanda stupida :Ma la ferrari e gli altri team di queste miglioriee ne sanno qualcosa?

  • Soluzione semplice quanto geniale se veramente fosse questo il segreto mercedes. Se tale scanalatura serve a rafreddare il pneumatico dall’interno, sul cerchio interno dovrebbe essere presente una bombatura utile a far circolare l’aria fredda quanto a rinforzare il cerchio, ma guardando le foto del cerchio della mercedes di hamilton a silverstone dopo che gli è esplosa la gomma, non si vede nessuna bombatura atta a far circolare aria e a rinforzare il cerchio. Cito il gp di silverstone perchè. l’articolo dice che la soluzione del cestello freni con l’apertura per far circolare l’aria all’interno della scanalatura è presente dal gp di monaco in poi, dunque anche a silverstone utilizzavano tale soluzione

    • Ecco se c’era a Montecarlo allora è il solito specchietto per le allodole, ragazzi è innegabile che il fattore gomme sia fondamentale…
      La Ferrari è attualmente rimasta spiazzata dalle nuove gomme, ovviamente anche gli sviluppi cannati non hanno giovato. Ma basta analizzare l’andamento del campionato per vedere come alla variazione delle gomme sono variate drasticamente le prestazioni, la Lotus sembra molta e sepolta addirittura si parlava di sviluppi mancati a seguito della crisi finanziaria…. Ed eccola risuscitare nell’arco di due gare. E’ il valzar delle nuove gomme… La stessa mercedes era stata fortemente criticata in Germania… e al solito si parlo’ anche di sviluppi sbagliati adesso che non consuma piu’ le gomme gli stessi sviluppi hanno del miracoloso. Io dico che un buon sviluppo di puo’ fare guadagnare 1 decimo quindi un pacchetto che evolutivo di budapest sostanzioso che funizioni per benino ha il potenziale di un guadagno al messimo di 2 3 decimi. Quando invece la Ferrari perde 2 secondi… cioe’ il vantaggio di un secondo nei confronti della Mercedes con hamilton doppiato si trasforma oggi in uno svantaggio di un secondo allora mi pare evidente che gli sviluppi possano influire al massimo al 30% la differenza è nelle gomme.

  • Non si vedono punti di collegamento tra parte esterna ed interna del cerchio! Non posso credere che siano due parti separate, il pneumatico da solo non potrà mica far fronte alle forze longitudinali e trasversali, si distruggerebbe. Devono per forza esserci degli elementi di collegamento interni. Ma poi i pneumatici di F1 hanno la camera d’ aria? Mi pareva proprio di no. In questo caso deve esserci sicuramente altrimenti la gomma non starebbe in pressione…

    • Ovviamente non c’è nessuna camera d’aria. Il cerchio poi non è diviso in due, semplicemente ha una scanalatura che consente di refrigerare dall’interno (a quanto pare).

      • un profilo concavo continuo che fa il giro completo quindi, tipo una “galleria”. La maggior superficie metallica aumenterebbe di molto lo scambio termico in effetti. Io aspetterei a trarre conclusioni però, in rete cominciano già a vedersi spiegazioni più o meno fantasiose, anche perchè questa superficie di scambio andrebbe in qualche modo modulata, altrimenti provocherebbe problemi di warm-up.

  • ryudoctor
    ci sono tante interviste in cui brawn l anno scorso diceva che i lavori in galleria del vento avrebbero permesso al team di cambiare marcia nel settore sviluppo vettura durante la stagione…non dimentacare poi che la mercedes ha preso il capo dell aereodinamica della lotus(elliott) e il trio costa,bell e willis era arrivato quando la w03 era gia stata delibarata da chi c era prima(owen e bigois)per cui questa è la prima mercedes del nuovo corso…aggiungo che il 1 luglio è arrivato un certo paddy lowe che si sta occupando a detta di brawn dello sviluppo di questa vettura…

    • Se la mettiamo su questo punto, allora posso dirti che anche la Sauber ha portato sviluppi incredibili… dagli scarichi a rampa ecc.. La Lotus non ha portato invece quasi niente ed è attualmente piu’ competitiva della FErrari. Credo ti stia aggrappando solo agli sviluppi, quando invece è evidente che il fattore chiave era ed è quello del test segreto. Ho fatto notare che a Silverstone tutti i team non hanno portato i pacchetti evoluti apparsi poi a budapest ?
      Ci sara’ un perche?
      Il test di Silverstone vale 10 rispetto a 100 di quello mercedes a Barcellona… !

      Poi ci si aggrappa agli specchi degli aggiornamenti e il musetto che è stato cambiato non vuole dire che questo sia positivo anzi significa che non ha funzionato come alcuni sviluppi sulla Ferrari.

  • la mercedes sta sviluppando benissimo la macchina…modifiche costanti all ala anteriore,all ala posteriore…addirittura un muso nuovo in germania poi nuovamente modificato in ungheria…le geometrie delle sospensioni a montecarlo…il cofano motore modificato piu volte..delle telecamere montate sull ala anteriore in gara in germania che permettono al team di controllare l usura in qualsiasi momento anticipando la fase prima del crollo(hamilton a budapest è entrato nel momento giusto..al 9 giro…vettel 1 giro ha alzato in maniera incredibile i suoi tempi)..piu tante altre cose che non si vedono….e non è finita qui…ross brawn ha detto che nelle prossime 2-3 gare arriveranno gli aggiornamenti piu importanti della stagione…se il problema gomme è risolto definitivamente la caccia al titolo per hamilton è possibile

  • Annettiamo che sia questo il segreto dell’usura delle gomme adesso risolto. Ma una cosa del genere sarebbe controproducente per le qualifiche.
    Non mi sono aggiornato sul regolamento ma fino al 2010 i cerchi facevano parte integrante degli elementi da ” congelare ” ricordate i dadi della Ferrari con aletta ?
    ricordo bene che quel dado non poteva piu’ essere copiato dagli altri perche’ era un elemento omologato per la vettura 2010… infatti nel 2011 molti copiarano quell’elemento anche la Redbull. Ora se il regolamento è rimasto invariato, quella scalanatura doveva esserci gia’ da inizio campionato e non ci possono essere cerchi con scanalatura e cerchi senza..
    Se poi il regolamento è cambiato allora… è un altro discorso.

    • Semplice domanda: Ma gli altri team usano la stessa soluzione? Se no la ditta produttrice dei cerchi, allora, li costruisce in questa maniera esclusivamente per mercedes, se sì vuol dire, invece, che tutti i team sono equipaggiati con questa soluzione, cosa che mi sembra altamente improbabile…

      • Non c’è una monomarca di Cerchi …
        Ogni team monta i Cerchi della marca che vuole,
        In particolare la Mercedes monta “Advanti”

      • I cerchi per regolamento, facevano parte del telaio che doveva essere omologato ad inizio stagione e poi non poteva piu’ essere cambiati. Mi pare pero’ che ogni team potesse avere un suo disegno specifico anche con lo stesso fornitore, anche se ultimamente i famosi cerchi Ferrari con aletta sono apparse su altre monoposto che hanno lo stesso fornitore Ferrari del 2010, adesso la Ferrari ha OZ della REdbull e questo servirebbe anche per fare lavorare i freni di diversa concezione rispetto alle ferrari che vanno dal 2009 al 2011

      • Si non c’è un monomarca, ma come ho scritto sono certo che fin dal 2010 i cerchi dovevano avere un disegno omologato e poi non potevano piu’ essere modificati nell’arco della stagione. Adesso non so se il regolamento è stato cambiato, ma una volta nemmeno il telaio poteva essere modificato una volta omologato.
        Infatti se qualcuno ricorda bene la Ferrari era famosa per fare dei telai diversi nell’arco della stessa stagione alleggerendoli, un altro cavillo che sulla carta doveva servire a risparmiare soldi, ma anche a togliere vantaggi tecnici alla Ferrari che era maestra nella scelta dei materiali.

      • Non c’entra niente ma anche i copricerchi ideati dalla Ferrari furono banditi… dal regolamento del 2011

      • Si ma i Advanti sono della O.Z la quale fornisce i cerchi anche alla red bull ferrari e lotus.

      • http :// img1. auto-motor-und-sport . de/Mercedes-Formel-1-GP-Deutschland-5-Juli-2013-19-fotoshowImageNew-8c389ad7-700556.jpg
        in questa foto si vede che al gp del canada avevano cambiato disegno dei cerchi per poi ritornare indietro strano vero…? 😀

      • scusate era il gp di germania e scritto anche sulla foto 😀

  • similitudine fluidodinamicaGuardate che la soluzione è veramente interessante!
    Io penso che non serva solo ad espellere il calore in eccesso, ma anche a tenere sotto stretto controllo la pressione del pneumatico.
    Se veramente è nascosta una camera d’aria nel cerchio, questa sarà soggetta alla pressione dell’aria proveniente dalle prese d’aria del cestello, quindi sarà dipendente dalla velocità. Quindi in rettilineo la pressione aumenterà (quindi visto l’angolo di camber diminuirà l’impronta a terra e quindi l’attrito ed il conseguente riscaldamento), a bassa velocità, invece, la pressione diminuirà quindi aumenterà l’impronta quindi l’attrito e la trazione alle basse velocità.
    In più mi sebra di cogliere un altro elemento interessante:
    Con questo disegno (se effettivamente il cerchio presenta la scanalatura per tutta la lunghezza senza soluzioni di continuità) le due spalle del pneumatico lavorano in modo asimmetrico. Il carico è trasferito dal cerchio al pneumatico solo dalla spalla esterna utilizzando di fatto il pneumatico come elemento elastico molto più efficace in accelerazione ed in frenata.

  • Però bisogna ammettere che è una soluzione semplice ed efficace…magari avessimo degli sviluppatori così fantasiosi in Ferrari…

    • magari quelli che postano si informassero prima.

      La Mercedes soffre di surriscaldamento eccessivo, la Ferrari fa fatica a scaldarle, quindi adoperare sta soluzione è controproducente.

      • MotoreAsincronoTrifase

        penso intendesse l’avere idee semplici e funzionali come questa, non avere questo dispositivo in particolare.

      • Bravo motoreasincronotrifase, qui c’è troppa gente che parla prima di leggere…

  • Chi è che gli produce i cerchi?

  • il problema sai qual’è?che è impossibile che con solo la galleria del vento tutti questi sistemi funzionino al primo colpo..ora lasciamo stare la ferrari che è un altro eccesso..ma cavolo la Mercedes da sola ad ogni gara porta cosi tanti aggiornamenti da superare in numero quelli di tutti i team messi insieme..assurdo sto fatto..in più devo dire che nei precedenti 3 anni nonostante aggiornavano la vettura non hanno mai avuto cosi tanto successo..nel senso dal 2010 al 2012 in un certo senso sono rimasti sempre allo stesso livello..nel 2013 in metà anno hanno rivoluzionato una vettura..e non una volta..ad ogni gara..ora due sono le cose..o l’anno scorso si sono preparati alla grande per il 2013..o il test segreto ha veramente fatto miracoli..o sono dei geni..

    • l’anno scorso hanno interrotto lo sviluppo alle prime gare per ristrutturare la galleria e l’hanno ripreso le ultimissime gare.

      Negli anni addietro la Mercedes aveva una galleria del vento limitata al 50% che ne ha minato l’intero sviluppo e una squadra tecnica che ha deludente, mentre ora hanno riorganizzato il settore racing, hanno cambiato i vertici, cambiato i ruoli delle figure, il metodo di lavoro, la struttura inglese e hanno preso Elliot, Costa e Lowe oltre ad Hamilton,

      • concordo in pieno con paolo, anche perche come ha detto anche alesi nn potevano avere tutte queste soluzioni gia al test e impossibile..stanno lavorando alla grande..

  • Sicuramente avere tanti galli in un pollaio non è facile gestirli però se non sei un genio,un idea vincente ciascuno ti fa diventare vincenti.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!