La solitudine di Alonso: la fiamma rossa si è spenta?

Un team radio controverso, un rapporto ormai difficilissimo. Fernando ironizza pubblicamente sugli strateghi in rosso, tradendo la fiducia della squadra tra lo stupore degli addetti ai lavori e l’amarezza dei tifosi.

Alonso Barcellona“Ma veramente siete degli scemi! Mamma mia ragazzi…”. Bastano queste poche, ma precise, parole di Fernando Alonso – rivolte al suo ingegnere di pista Andrea Stella, durante la Q3 di Monza – per gettare nel baratro dello sconforto migliaia di ferraristi.

E’ un team radio da considerare “straziante“, per gli effetti nel breve e medio termine che potrebbe innescare; una delle peggiori conversazioni vettura-muretto della storia della Ferrari.

Quelle di Fernando sono parole irriguardose (sebbene il pilota, forse colto di sorpresa dalla pubblicità del messaggio, afferma di aver detto “geni”), che feriscono gli innamorati della Rossa, traditi proprio nell’appuntamento di casa, e certificano – ove mai ce ne fosse ancora bisogno – la crisi in atto tra squadra e pilota.

Alonso e la Ferrari sembrano due separati in casa che mal si sopportono, con il campione spagnolo insofferente e intrappolato in una gabbia dorata dalla quale, forse, è impossibile fuggire.

Il “gioco delle scie” di Monza diventa il pretesto per urlare tutta la frustrazione accumulata in anni di miracoli a vuoto, di inutili imprese e rimonte. Gare spettacolari quanto un tramonto sull’oceano, attimi di estasi prima di una notte foriera di dubbi e delusioni.

La notte rossa, appunto, che dura dal quel maledetto pomeriggio di Abu Dhabi 2010, dove per prima la cabala – sotto forma di errori strategici e Petrov – si è messa di traverso nella storia d’amore tra la Ferrari e Nando.

Di mezzo c’è stato il 2011, e poi lo stillicidio del 2012. Con quel pacchetto di aggiornamenti portato a Singapore sbagliato e sballato, che è stato l’inizio della fine della fiducia di Alonso nel team italiano.

Non che gli si possa dare completamente torto, ad Alonso, che si è visto scappare da mano un mondiale meritato a causa dell’incapacità dell’attuale Ferrari di sviluppare degnamente la monoposto.

Ma l’atteggiamento sempre più corrucciato, le vacanze prolungate alle Canarie, il “filone” ai test di Silverstone, le continue polemiche e le frecciatine, sono stati la risposta peggiore che il pilota poteva dare alla squadra che pur lo riempie di milioni.

L’irrequietezza di Alonso fa più male dei mondiali persi. Dà la sensazione della friabilità di un terreno sul quale è impensabile costruire solide fondamenta. Le speranze dei tifosi sono (erano?) riposte in un condottiero che forse ha già alzato bandiera bianca. Stanco, stufo, aggressivo, ma anche solo. Solissimo.

Come sul traguardo di Spa, quando è passato senza che un meccanico lo applaudisse per la strepitosa gara. D’altronde perchè mai arrampicarsi sul muretto per festeggiare un pilota che non è più devoto alla causa, che non nutre più stima per i suoi uomini? Questo si, sarebbe da scemi

143 Commenti

  1. In passato di solito Nando aspettava di aver cambiato casacca prima di insultare il suo Team, adesso addirittura si permette il lusso di prendere in giro in mondovisione i suoi tecnici.

    Quello che mi dispiace però non è la caduta di stile di Alonso (perchè lui non ne ha mai avuto) ma piuttosto che la Ferrari si sia ridotta ad essere ostaggio di un personaggio del genere e del suo sponsor milionario.
    Se ai box ci fosse stata la buonanima di Enzo Ferrari, alla fine delle qualifiche Alonso sarebbe stato licenziato in tronco senza nemmeno aspettare che fosse sceso dalla macchina.
    Invece Montezemolo e Domenicali hanno ridotto questo Team glorioso a zerbino di un pilota sopravvalutato.

    Se Alonso se ne va, va via pure Santander?
    E quindi? Chi cavolo è Santander?
    Se non ricordo male non è Santander ma Ferrari ad essere il Team più vincente della storia della F1, quello che ha più tifosi e più partecipazioni al mondiale di F1.

    Quello che mi fa incazzare di più però, sono alcuni tifosi (o presunti tali) della Ferrari che addirittura si permettono di giustificare Alonso.
    La strategia poteva essere pure sbagliata, ma mai Alonso si sarebbe dovuto permettere di dire una cosa del genere, per giunta in un team radio (PS: lo sanno tutti che i team radio che vanno in diretta mondiale).
    Tantomeno lo si può giustificare per via dei 2 mondiali persi negli ultimi 3 anni, visto che in entrambi i casi anche Alonso ha avuto pesanti responsabilità.

    Alonso non merita di stare in un team come la Ferrari, farebbero bene a Maranello a pensare a 2 piloti nuovi per il prossimo anno.

    1. Sottoscrivo ogni singola parola!!
      E mi permetto di aggiungere: non solo non è giustificato per via della strategia sbagliata, ma è anche “colpevole” di una qualifica pessima effettuata in normali condizioni, a parità di tutti gli altri

  2. In passato di solito Nando aspettava di aver cambiato casacca prima di insultare il suo Team, adesso addirittura si permette il lusso di prendere in giro in mondovisione i suoi tecnici.

    Quello che mi dispiace però non è la caduta di stile di Alonso (perchè lui non ne ha mai avuto) ma piuttosto che la Ferrari si sia ridotta ad essere ostaggio di un personaggio del genere e del suo sponsor milionario.
    Se ai box ci fosse stato la buonanima di Enzo Ferrari, alla fine delle qualifiche Alonso sarebbe stato licenziato in tronco senza nemmeno aspettare che fosse sceso dalla macchina.
    Invece Montezemolo e Domenicali hanno ridotto questo Team glorioso a zerbino di un pilota sopravvalutato.

    Se Alonso se ne va, va via pure Santander?
    E quindi? Chi cavolo è Santander?
    Se non ricordo male non è Santander ma Ferrari ad essere il Team più vincente della storia della F1, quello che ha più tifosi e più partecipazioni al mondiale di F1.

    Quello che mi fa incazzare di più però, sono alcuni tifosi (o presunti tali) della Ferrari che addirittura si permettono di giustificare Alonso.
    La strategia poteva essere pure sbagliata, ma mai Alonso si sarebbe dovuto permettere di dire una cosa del genere, per giunta in un team radio (PS: lo sanno tutti che i team radio che vanno in diretta mondiale).
    Tantomeno lo si può giustificare per via dei 2 mondiali persi negli ultimi 3 anni, visto che in entrambi i casi anche Alonso ha avuto pesanti responsabilità.

    Alonso non merita di stare in un team come la Ferrari, farebbero bene a Maranello a pensare a 2 piloti nuovi per il prossimo anno.

  3. Ho sentito la conferenza di Alonso e non ha mai detto che si stesse complimentando.. Ha spiegato che era una critica perche’ l’anno fatto uscire mentre stava arrivando Rosberg nel giro veloce. Gli hanno detto di rallentare per farlo passare e lui gli ha criticati perche’ poi se lo sarebbe trovato nel giro veloce in mezzo. Doveva stare zitto ma gli ha dato dei geni- scemi..amen

  4. I team radio vengono trasmessi in ritardo non in tempo reale, quindi da casa in effetti non sempre si capisce a cosa si riferiscano, ma che si stesse complimentando…… Dai chi vogliamo prendere per il c… Il tono era chiaro!
    @Lazza: però se vogliamo dirla tutta non si può negare la stagione fantastica disputata l’anno scorso! Quest’anno in effetti non sembra sempre al top (e il clima teso non aiuta ne lui ne il team) ma l’anno scorso non era certo lui l’anello debole!

  5. Mi sorprende che non si sottolineino tre cose: 1.Alonso non é recidivo, é la recidiva fatta uomo, saremo alla trentesima frase/dichiarazione da licenziamento. 2. Domani alonso parte quinto dietro a massa e hulk:una vera prestazione da scemo!!! 3. Che mondiale alonso…malesia, monaco, nurburgring,pressoché tutte le q3…hquando si é perfetti non é solo comprensibile, ma é doveroso sputtanare la tua squadra, giusto no??? Ma sto spagnolo vi ha obnubilato la mente?

  6. Quante storie..ha avuto ogni anno una macchina non al top o solo per qualche gp,un compagno inesistente, gli potranno anche girare le BBBalle o no??
    ma chi se ne frega del blasone..io sono Ferrarista e non tifero’ Alonso se andra’ via ma oggi e domani e’ o la va o la spacca!Vi e’ chiaro questo concetto? se finiamo dietro Vettel il mondiale e’ finito!Anche lui e’ un essere umano e all’ennesima cavolata ha sbottato e certo non lo ha fatto pensando che potessere essere registrato e mandato in diretta!

  7. Alonso ha dichiarato: “La parola era geni, si riferiva alla necessità di far passare Rosberg in pit lane in quel frangente di qualifiche. Mi stavo complimentando con la squadra. Il problema è che voi davanti a un computer non riuscite a capire il contesto di un team radio che viene pubblicato in tv in ritardo e oggi di polemica proprio non bisogna farne perché la squadra ha fatto un lavoro perfetto e finalmente domenica grazie al quinto posto avrò dopo tanto tempo gli alettoni della Red Bull vicino alla prima curva”

    si stava complimentando con la squadra….certo….

  8. Si e poi…..
    Calma….se proprio si vuole lui resta e lo sponsor pure,caso mai prendiamo il terzo delle qualifiche,al posto di Massa,che lo bastona ben bene ,che poi abbassa pure io toni.

    Comunque io x il messaggio radio me ne frego…..l’auto qui c’è ora tocca al super pilota far vedere che c’è.
    Nelle prove non c’era.

  9. Ps ho risentito il team radio…ha detto GENI e non scemi pero’ non cambia la sostanza…vai e incazzati con chi e’ al comando in modo professionale e non da rock star viziata….mammamia meno male che quest’anno alla fine ho deciso di non andare a monza….quanti bei soldini risparmiati…

  10. @king schumy
    Si michael sbatte’ i pugni ma in privato non si e’ mai sognato di dire ai suoi che erano scemi in pubblico, se l’ha fatto lo ha fatto in privato…una differenza non da poco…alonso puo’ anche aver ragione…ma facendo cosi’ e’ passato dalla parte del torto…si perde e si vince assieme…vai da montezzemolo a dire che sono tutti scemi, non si fa in pubblico e di certo non a monza…se domani per pura follia del destino alonso vincesse non si meriterebbe nemmeno un applauso…ripeto ha ragione ad essere incazzato, ma ha dimostrato a tutti di non avere le palle e il polso di michael schumacher…

    1. Sono d’accordo, infatti secondo me Alonso ha profondamente sbagliato nel dire quelle cose via radio sapendo che poteva andare in diretta mondiale. Io sono uno di quelli che crede nel detto “i panni sporchi si lavano in casa”, SEMPRE, aggiungo io.
      La reazione di Alonso è comprensibile per tutto ciò che ha vissuto sportivamente parlando in questi 3 anni ferraristi e per l’immane pressione derivante dall’insieme di fattori già citati, ma non giustificabile, su questo siamo d’accordo.

      PS: di Schumacher Alonso non ha neanche il piede, e le prestazioni in qualifica lo testimoniano.

  11. Sono sinceramente offeso. Capisco…capisco Alonso…capisco tutto…ma no, cn michael questo non sarebbe mai successo e soprattutto mai a monza…a questo punto se se ne vuole andare via che se ne vada pure, un caposquadra non fa cosi, anche se ti girano i coglioni se sei un guerriero come hai sempre sostenuto da tale devi comportarti e non da don abbondio, inoltre i panni sporchi si lavano in casa e non davanti a migliaia di persone che hanno pagato per venire a vederti…NON TI MERITI PIU’ LA MIA STIMA. Mai stato cosi’ deluso da un pilota in rosso.

    1. Michael aveva la “sua” squadra, nel senso che se l’era scelta lui (leggi il mio post qui sotto), quindi sapeva quello che faceva. Alonso è nelle mani di gente incompetente (per esempio tutti gli addetti allo sviluppo macchina) e palesemente inadeguiati (massa e domenicali per citarne due) che gli sono già costati un paio di mondiali, per non dire 3.
      Sono due situazioni diverse e non comparabili, ovviamente l’uomo Alonso e il pilota Alonso sono 3-4 gradini sotto il Kaiser, ma cercate di mettervi nei suoi panni.

    2. io questo gioco delle scie non lo capisco,è difficile da attuare, negli ultimi anni lo si vede fare solo a loro creando solo confusione senza nessun risultato. sono rimasti al ricordo di molti anni fa(troppi) di un vataggio di scia che ebbe schumi da Barrichello, non sarebbe meglio aggiornarsi?

Lascia un commento