F1 2014, il dubbio dei motoristi: 22 gare sono troppe

Bernie Ecclestone a Monza ha rivelato che il GP del New Jersey potrebbe ancora far parte del calendario 2014. Ma il limite di cinque V6 turbo disponibili per il prossimo anno potrebbe obbligare la FIA a tagliare qualche evento.

GP GERMANIA F1/2013Il sogno di Ecclestone di ampliare il Mondiale di F1 a più di 20 gare potrebbe essere ancora una volta rimandato. Nella prima bozza di calendario proposta dalla FOM per la prossima stagione figurano 21 eventi, con il ritorno dell’Austria e le new entry di Russia e Messico. Inoltre, durante il GP d’Italia Bernie Ecclestone ha lasciato intendere che, nonostante le difficoltà incontrate dagli organizzatori del GP del New Jersey, anche questo potrebbe rientrare in lizza, arrivando quindi addirittura all’ipotesi di 22 GP in una sola stagione.

La FIA non sarebbe contraria all’aumentare il numero di gare nel Mondiale, ma per quanto riguarda l’anno prossimo la difficoltà principale è quella legata ai nuovi motori: ogni scuderia potrà infatti usufruire di soli cinque debuttanti V6 turbo per ogni pilota nel corso di tutto il Campionato. E se 20 GP erano già stati accolti come un’ardua sfida, almeno uno dei motoristi avrebbe espresso dubbi alla Federazione sull’eventualità di correre 22 gare con soli cinque motori.

Una soluzione potrebbe essere quella di aumentare il numero di motori disponibili da cinque a sei: il Regolamento Tecnico infatti può essere modificato liberamente entro il 1° ottobre, ovvero entro 20 giorni all’apertura delle iscrizioni al Campionato 2014. Si tratta però di un tempo piuttosto breve per effettuare modifiche, mentre per intervenire sul Regolamento dopo l’inizio di ottobre servirebbe l’unanimità delle squadre.

L’altro scenario possibile è che la situazione si risolva spontaneamente, considerando che i GP che hanno la certezza di comparire nel calendario 2014 per ora sono 18. E se l’ingresso di Russia e Messico, per quanto ancora da confermare, sembra piuttosto sicuro, gli organizzatori del GP di Corea hanno riserve sullo spostamento della gara di Yeongam ad aprile, avendo solo sei mesi a disposizione dopo il GP 2013 del mese prossimo. Il New Jersey, d’altronde, nonostante l’ottimismo di Ecclestone, potrebbe non riuscire a organizzare l’evento in tempo per iscriversi al Calendario. Con l’annullamento di Corea e New Jersey, quindi, il Mondiale tornerebbe a 20 gare, senza troppi grattacapi per FIA e motoristi.

9 Commenti

  1. Secondo me, aldilà dei costi c’è un altro problema da tenere in considerazione. Se come quest’anno,(in realtà capita spesso), un pilota domina sul resto della ciurma, ci si ritrova come quest’anno con ben 7 gare alla fine ma con l’interesse sempre più basso. Certo le speranze per alcuni ci sono ancora ma dovrebbero avvenire cataclismi. già adesso infatti in molti è sceso l’interesse per questo campionato, tantè che ora sono più le notizie del mercato piloti ed ingegneri a destare interesse. Figuriamoci dunque con un campionato ancor più lungo, cioè se la competizione resta serrata fino alla fine, beh più gare più spettacolo, ma se capita che già dopo 10 gare c’è un pilota nettamente davanti a tutti…vattele a seguire altre 10 gare di…noia

  2. Aumentate i motori da 5 a 6 cosi si possono fare 22 gare. A me dei costi piu alti cosi come del divieto dei test non me ne frega nulla. Più gare ci sono e più me la godo a guardarmele su Sky.

Lascia un commento