Horner: “Nessun TC sulla Red Bull”. E Vettel provoca…

3 ottobre 2013 15:56 Scritto da: Antonino Rendina

Il boss della Red Bull respinge ai mittenti ogni sorta di accusa su eventuali aiuti elettronici. Mentre Vettel irride gli avversari: “Non conoscerete mai i nostri segreti”.

horner-vettelI Tori rispondono per le rime alle accuse piovutegli addosso dopo lo stra-dominio di Singapore.

Quella della Red Bull nel sud dell’Asia è stata una prestazione che ha sconcertato i più, incapaci di dare un significato a quei 2″ e passa al giro che Sebastian Vettel era capace di rifilare ai rivali.

Molto clamore hanno suscitato le parole di Giancarlo Minardi, che ha ipotizzato una RB9 dotata di controllo di trazione.  “Aiutino” elettronico bandito in F1 dall’ormai lontano 2008.

Un’altra ipotesi fatta è stata quella di una diversa “mappa” motore per il V8 Renault di Vettel. Accuse – volendo anche denigratorie – che hanno provocato una decisa reazione dei vertici lattinari.

Iniziando dal team principal Chris Horner: Traction control? Macchè! Saremmo proprio degli stupidi a intervenire sull’elettronica del motore con un regolamento che prevede una centralina unica per tutte le squadre e scrupolosamente controllata dalla FIA”.

“L’elettronica sulle nostre due monoposto è la stessa, conforme al regolamento e pienamente controllata dalla Federazione. Ogni accusa nei nostri confronti è semplicemente infondata – continua Horner – Anche il lavoro sulla mappatura è fatto nei limiti del regolamento. E’ una cosa che fanno tutte le squadre. Lavoriamo tutti nei parametri consentiti e ormai siamo tutti vicinissimi nelle conclusioni. Nessuno trae vantaggio sugli altri dalle mappe motore. La Ferrari fa grandi partenze, eppure non sento accuse su eventuali aiuti elettronici o mappature irregolari…La verità è che a Singapore abbiamo dominato, e i nostri avversari non se lo sanno spiegare. La via più facile è pensare che imbrogliamo, quando è tutto merito di una monoposto perfetta e di un pilota all’apice della sua forma”.

Insomma sono solo chiacchiere maligne: “Queste polemiche non ci distraggono, ma veramente pensate che si possa barare con tutti i controlli che ci sono?” conclude il team principal.

Sulla stessa lunghezza d’onda di quelle del suo capo sono le parole – tra il provocatorio e l’enigmatico – che ha rilasciato Sebastian Vettel.

Il dominatore degli ultimi anni se la ride di gusto, a quanto pare:

“I nostri avversari non capiranno mai il nostro segreto. Siamo orgogliosi del pacchetto che abbiamo perchè le altre squadre non potranno mai capire come abbiamo fatto.  Migliorare la vettura è il nostro lavoro.  La “soluzione” l’abbiamo provata un bel po’ in prova e poi in gara ha funzionato alla grande. Sono molto fiducioso nei nostri segreti, perchè gli altri non ci arriveranno mai…”

99 Commenti

  • cosa che non sapevo TUTTE le monoposto hanno dei carchi resistivi per dissipare l’energia del kers.

    La quantità di energia che si può raccogliere ed utilizzare è stabilita dal regolamento, ma ovviamente non è che a metà frenata “fatto il pieno nelle batterie” si può staccare il kers sbilanciando la vettura in frenata… il kers rimane attaccato e l’energia in eccesso viene dissipata tramite appositi carichi resistivi (tipo grill del forno….)

    Quindi _SE_ la RB9 usa il kers per modulare la coppia in accelerazione non ha bisogno di installare nessun carico resistivo ne controlli extra che inviano la corrente ora al pacco batteria ora ai resistori.. è tutto già pronto, basta un buon sw !

  • Certo che questi della RB sanno proprio rendesi simpatici quando vogliono.
    Sportivi,corretti e rispettosi,dei veri gentleman insomma.

  • cmq sono sicuro che usano il kers per controllare la trazione.

  • Che campione di simpatia Vettel, poi si straniscono se prende i fischi sul podio.

    E ha pure ammesso che vince grazie alla macchina, wow!!!

  • Posso fare una domanda a tutti i tifosi di Vettel e della RedBull?
    La faccio con rispetto, quindi per cortesia, chi risponde, lo faccia con altrettanto rispetto.
    Fino all’altro giorno, fino alle ipotesi di Minardi, voi sostenevate che la RB era una macchina come tutte le altre e che la differenza la faceva solo il super pilota Vettel. Gli altri tutti incapaci di fare quello che fa lui.
    Ora la stessa RB ha ammesso che hanno dei “segreti” (non sta a me dire se regolari o meno)che fanno volare la macchina (e che pare piu’ che evidente che usi solo Vettel, l’ha ammesso anche un frequentatore di questo blog facendo notare che il sabato, con le dure, Webber era anche piu’ veloce di Vettel).Quindi, la domanda e': siete ancora convinti che Vettel sia un pilota da 2.5sec piu veloce di kimi, hamilton, alonso o ammettete che e’ un pilota forte, ma non un alieno in grado di fare questa differenza anche con altre vetture?

    • certamente non ci sono 2.5 secondi di differenza tra vettel e i vari ham kimi alonso però in questo particolare momento il binomio vettel-red bull rende pilota e macchina imbattibili per la concorrenza.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!