La Mercedes riduce la superficie interna zigrinata dei cerchi

15 ottobre 2013 12:47 Scritto da: Mario Puca

Abbiamo colto un dettaglio molto interessante dai box di Suzuka. La superficie interna dei cerchi della Mercedes ha una zigrinatura ridotta.

cerchi mercedesAnche a Suzuka i fotografi di Auto Motor Und Sport hanno colto nel dettaglio la superficie interna dei cerchi della Mercedes W-o4. Blogf1 è stato sempre in prima linea nel parlare di questa soluzione ed ha continuato a tenere d’occhio i cerchi alla ricerca di altre novità interessanti e per capirne il reale funzionamento ed utilità.

Di recente abbiamo anche fatto una scrupolosa ricerca, scoprendo che i cerchi con questa inedita conformazione sono stati utilizzati dalla Red Bull sin dall’inizio del campionato, con la Mercedes che ha adottato tale soluzione da metà campionato e la Ferrari che, invece, ha usato una tecnica diversa (vernice termica).

Da quando la soluzione dei cerchi zigrinati è stata rivelata in tutto il suo splendore, i fotografi hanno posto maggior attenzione al dettaglio e non c’è praticamente più gran premio che non mostri questi particolari. Ciò ci ha consentito, come detto in premessa, di rilevare una sensibile differenza nella superficie zigrinata che ricopre il cerchio utilizzato a Suzuka rispetto alla versione vista ai box di Monza, che vi mostriamo qui nel dettaglio:

E’ piuttosto evidente che la zigrinatura occupa una superficie decisamente minore all’interno del cerchio utilizzato a Suzuka. Quindi, ipotizzando una funzione di “scambio termico”, si può pensare ad esigenze diverse tra i due tracciati relativamente alla temperatura dello pneumatico.

Va detto, infatti, che non è stata ancora chiarita l’utilità di questa soluzione; noi abbiamo supposto che la zigrinatura del cerchio funzioni come un vero e proprio dissipatore (FOTO), trasferendo maggiore o minore calore dall’aria interna della gomma verso l’esterno.

Proprio come un comunissimo dissipatore, infatti, l’aumento della superficie radiante, dovuta alla presenza della zigrinatura, viene utilizzata per favorire la dispersione del calore attraverso i fenomeni di irraggiamento e convezione; quindi, sfruttando anche l’aria circolante tra cestello e cerchio, si riesce a “raffreddare” meglio il cerchio, il quale, a sua volta, trasferisce il calore interno dello pneumatico, evitando il raggiungimento di temperature eccessive e consentendo quindi alla gomma di lavorare sempre nel range ideale di funzionamento, mantenendo costante tale temperatura.

Ovviamente si tratta di una nostra personalissima ipotesi, in quanto nessuno si è ancora pronunciato in maniera definitiva sulla reale utilità del sistema.

3 Commenti

  • Ma i famosi cerchi scanalati della Mercedes che avevano usato in Ungheria? Non li hanno più utilizzati?

  • Il contrario no? Riceve più calore dai freni e manda in temperatura le gomme prima. A Monza la gomma e’ meno sollecitata che a Suzuka serve più contributo e quindi più zigrinatura… Boh…

    • Certamente! Non è affatto da escludere la tua ipotesi. Io personalmente sono sicuro su una diffusione uniforme del calore lungo tutto il cerchio (anche perché il disco freno si trova in un punto preciso, quindi quel punto rischierebbe di essere più caldo delle altre zone), ma mantengo i dubbi sul reale funzionamento della soluzione. Purtroppo la sua reale utilità è conosciuta solo dai team che la utilizzano…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!