Domenicali spiega: “Alonso esagerò, così intervenne LCdM”

23 ottobre 2013 16:28 Scritto da: Antonino Rendina

Il capo della Rossa ammette che l’asturiano, con le polemiche estive, oltrepassò i limiti consentiti. Per questa ragione intervenne Montezemolo. Ma la stima della Ferrari verso Alonso è intatta.

alonso-bahrain-ferrari-f138L’attrito, la frizione, la tensione, ci sono stati. Tra Alonso e la Ferrari la temperatura, a cavallo di un’estate già calda di suo, ha toccato massime tropicali.

D’altronde con quella F138 piantata nelle prestazioni, stantia rispetto a una concorrenza spietata, i Gp di Germania e Ungheria furono il calvario scatenante di un nervosismo comprensibile, bensì non propriamente giustificabile.

Alonso criticava: squadra, ingegneri, gomme. Tutto e tutti. Spesso la frustrazione porta a sfoghi di cui ci si pente a mente fredda, ma che paiono giusti,  se non inevitabili, a caldo.

Fu allora, lo ricorderete, che intervenne il presidente Montezemolo per bacchettare il pilota di Oviedo. Con un rimprovero, pubblico, che sembrò ufficializzare una crisi in atto tra le parti.

Dopo quasi tre mesi – e qualche altra bella sconfitta sul groppone – a tornare sull’argomento, per fare chiarezza, è il team principal Stefano Domenicali, che ha parlato agli spagnoli di As:

“La tirata di orecchie a Fernando? Be’ se io ho qualcosa da dire ai miei uomini, penso agli ingegneri, lo faccio in privato e anche in modo severo. Ma pubblicamente difenderò sempre la scuderia. Alonso ad un certo punto ha superato il limite, per questo il presidente Montezemolo intervenne, parlandogli anche in privato, come  poi ho fatto anche io”. 

La Ferrari difese la sua filosofia, non poteva accettare frecciate pubbliche da parte di un dipendente di tale caratura. La famigerata ramanzina non ha però cambiato la stima che il team nutre nei confronti del suo pilota di punta:

Se negli ultimi quattro anni abbiamo sfiorato il titolo per ben due volte, il merito è del talento di Alonso. Noi non siamo stati capaci di mettergli a disposizione una macchina degna della sua classe” ha affermato Domenicali.

Il team principal della Ferrari ha chiuso parlando del momento della Red Bull, e spiegando perchè la Ferrari non ha interpellato la FIA sulla presunta irregolarità dei Tori:

“E’ ingeneroso paragonare Vettel ad Alonso. Sebastian è un grande pilota, ma avere una macchina così aiuta eccome. La Red Bull sta facendo un gran lavoro, tutti noi cerchiamo di capire le ragioni di tanta superiorità, ma senza avere delle prove non possiamo accusarli di violare il regolamento”.

18 Commenti

  • se Alonso avesse avuto un compagno competitivo avrebbe vinto 2 mondiali…ma dove? in psichiatria, forse..
    visto che e’ risaputo che non sopporta un rivale nella propria scuderia..
    volevate una Ferrari alonsocentrica?tenetevela..non e’ la mia Ferrari questa…

  • stardrummond

    X VITOMAX
    scusa e mai ieri sera hai mangiato pesante?
    io ho semplicemente espresso la mia opinione sulla situazione che lega alonso alla ferrari e soprattutto su quello che dice l’articolo… sempre che tu l’abbia letto perchè è scritto anche nel titolo a caratteri cubitali: “alonso ha esagerato!”
    poi se tu non sei daccordo ok, nessun problema ma più che stare a dare del menomato alla gente potresti dare le tue motivazioni….
    senza rancore
    ciao

  • Se Enzo Ferrari vedesse come si è ridotta la Ferrari in questi ultimi 4 anni, credo che morirebbe di nuovo, ma non prima di aver cacciato a calci un po’ di persone.
    A cominciare dal suo “Delfino” LCDM, per proseguire con Domenicali e per finire con i due piloti.

    La scenata di Alonso a Monza ci ha fatto capire che la Ferrari è ormai ostaggio di questo pilota e del suo sponsor. O meglio ce lo ha fatto capire il fatto che non c’è stata alcuna reazione significativa a tale comportamento da parte dei vertici della Scuderia.

    Una tirata di orecchie?
    Dare degli scemi (letteralmente “dei scemi”) alle persone che lavorano tutto l’anno per farti guadagnare qualche decimo, per giunta in un team radio ascoltato da tutti, è una cosa troppo grave perchè passi inosservata.
    Invece è rimasto tutto come prima, segno che nella Scuderia Ferrari ormai non c’è nessuno in grado di mettere in riga i piloti.

    Spesso ci si chiede il perchè la Ferrari abbia perso peso politico in F1.
    Ma se non riescono a tenere a bada i propri piloti, come pensano di farsi valere con le altre scuderie?
    In Ferrari il problema non è tecnico (perchè negli ultimi 4 anni almeno due macchine sono riuscite molto bene) ma è dirigenziale.
    Infatti dopo l’addio di Todt, la Ferrari ha perso molta credibilità nel rapporto con le altre squadre e nel rapporto con i vertici della F1.

    PS:
    Anzichè cercare di trovare le prove dell’irregolarità della RedBull, perchè le altre squadre non pensano a come migliorare le proprie macchine?

    • stardrummond

      come spesso mi accade leggendo i tuoi commenti anche questa volta mi trovo daccordo su molte cose che dici, soprattutto quando citi il drake!
      cmq come ho già detto precedentemente alonso dopo quest’estate dove francamente ha fatto di tutto tranne che il pilota in lotta per il titolo(non si è presentato ai test sulle gomme per poi piangere perchè le gomme sono un problema, è stato in ferie 4 settimane senza mai presenatrsi qui a maranello, si è deconcentrato o meglio concentrato solo ed esclusivamente per cimentarsi come salvatore diventandone proprietario di una squadra di ciclismo, la ex euscaltel euskadi, ect ect) e cosa assolutamente gravissima con le sue affermazioni ha reso ridicolo l’ambiente ferrari, personalmente ha perso parecchio della mia stima, e ovviamente non solo mia!
      inoltre credo proprio che l’avvento di kimi sia proprio una scelta fatta a doc per riportarlo “sulla terra” e torglierli quella posizione da uomo solo al comando e superparty (come se fosse su un piedistallo e tutti ai suoi piedi o meglio capricci, incredibile ad esempio le sue dichiarazioni a tutela di massa e contro proprio kimi prima del passaggio in rosso di iceman, cosa che ritengo ancor più grave di uno sfogo a caldo via radio-box, proprio perchè a mio avviso un pilota pur forte che sia non puo’ a mio avviso decidere e dare valutazioni sulla scelta di un altro pilota da parte di nessuna scuderia, figuriamoci poi della ferrari, ma stiamo scherzando!!! un pilota deve guidare e se possibile interagire coi tecnici nello sviluppo della monoposto. chiuso) oramai divenuta per sua colpa, alquanto scomoda!

      • Tutti esperti!
        Alonso non avrebbe fatto il pilota?!
        ma che diavolo dici !
        ” proprietario di una squadra di ciclismo”
        ma che c’entra!
        qui c’è una massa di menomati terribile!
        “ha perso parecchio della mia stima”, credo che Alonso sene farà una ragione se un luminare del motorsport come te nonlo stima più.
        Tutti a giudicare…bravi!
        In una qualsiasi azienda, è il capo che è responsabile di tutto per cui….

        P.S.: grazie per averci spiegato tra parentesi il ridicolo “superparty”
        ma vaffanbagno!

  • La Ferrari dovrebbe solo RINGRAZIARE Alonso, uno dei piloti più forti di tutti i tempi, sicuramente il più forte di oggi. Senza di lui negli ultimi anni sarebbe sparita nelle retrovie. Quando in un sodalizio, di qualunque genere, economico, politico o sportivo, una delle due parti è nettamente inferiore all’altra (come in questo caso la Ferrari), questa dovrebbe solo coprirsi il capo di cenere ed accettare le critiche.

  • In Ferrari l’ultimo dei problemi del prossimo anno sono i piloti. Negli anni passati se Alonso avesse avuto un compagno in grado di togliere punti agli avversari avrebbe potuto vincere almeno un mondiale.
    Poi lo sfogo di Alonso ci stava, non puoi correre 4 stagioni al 110% rischiando ad ogni gara con una macchina che è sempre stata inferiore agli avversari.

  • se è vero che Alonso ha sbagliato nelle critiche (tutto da dimostrare viste queste dichiarazioni), questo cretino di Domenicali è davvero penoso.
    Sputtanare cose interne accusando di poca discrezione gli altri dimostra non solo che è un incompetente in fatto di leadership ma anche che è un uomo di m*rda.
    E’ chiaro che c’è una lotta interna tra lui e Alonso, non mi stupirei se Nando avesse chiesto la sua testa o che lui stesso stia ormai per andar via.
    Che gentaglia c’è in Ferrari!

  • Se uno è stapagato e se ne sta zitto anche se nulla va nel verso giusto, allora si che sarebbe un semplice pilota-impiegato.
    Nonostante viene pagato a peso d’oro dalla Ferrari, a Fernando invece importa soprattutto vincere! Sono 4 anni che per un motivo o l’altro siamo in questa situazione! Sono rabbioso io da tifoso per tutto ciò, figuriamoci lui che si siede su quella monoposto!
    In alcuni frangenti forse ha esagerato, ma io ci vedo solo una voglia pazzesca di vincere, di migliorare!

  • stardrummond

    beh una cosa è sicura, dopo quest’estate alonso con le sue recriminazioni e critiche a pioggia, giuste o meno, si è giocato la leadership assoluta da prima guida (se era per lui e lo ha detto e ridetto fino alla nausea, avrebbe tenuto massa come compagnio di squadra, posizione che ovviamente gli permetteva di essere la prima guida e di fare il bello e cattivo tempo compreso questi capricci…o compreso il fatto di decidere di non partecipare ai test sulle gomme per farsi i cxxxi suoi) e credo fermamente che la scelta di kimi sia stata anche in funzione di tutto quello che alonso si è permesso di dire quest’estate!
    e da questo punto di vista sono sicuro che la ferrari abbia fatto solo bene!!!
    se è veramente uno dei migliori piloti(e io lo credo tutt’ora, nonostatnte tutto) lo dimostrerà il prossimo anno, facendo meglio di kimi(e qui qualche dubbio ce l’ho perchè ritengo kimi veramente forte), ma intanto dal prossimo anno non sarà più su un piedistallo più alto deglialtri componenti del team, e di conseguenza non si potrà piu permettere di sparare mxxxa sui suoi colleghi!!!

  • La Ferrari ha saputo gestire benissimo quel brutto momento di tensione.
    Sul comportamento di Alonso, ho già sprecato fin troppe parole…

  • io dopo quello che disse a Monza l’avrei tirato fuori dalla macchina e con un calcio lo rispedivo da briatore…

  • quando la scuderia per la quale tu pilota professionista corri ti paga 30 milioni di euro all’anno per correre…

    non si dovrebbe MAI sputare sul piatto in cui si mangia…

    sopratutto in un momento di crisi finanziaria come questo…

    • Se si spendono cifre pari allo stipendio di Alonso è perchè la Ferrari se lo può permettere. Da pilota capisco che i soldi vanno bene, ma lui voglia vincere non essendo un impiegato e che quindi abbia la rabbia in corpo. Detto questo il suo comportamento pubblico è stato sbagliato e la strigliata di LCDM è stata giusta. però non tiriamo in ballo i soldi, tutti i volti noti della F1 son pagati ben piu di un operaio o di un impiegato, che ci sia la crisi o no. E, a mio parere, sono TUTTI pagati troppo

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!