Lotus, Grosjean: “Non avrei mai scommesso sul podio”

27 ottobre 2013 14:46 Scritto da: Redazione

Romain Grosjean contento e sorpreso, al tempo stesso, del podio ottenuto nel Gran Premio d’India grazie ad una strategia di una sola sosta.

vettel-grosjeanChi non risica, non rosica. E’ il proverbio preferito in casa Lotus che, al Gran Premio d’India, ha dimostrato che in certi casi osare porta qualche buon risultato. Dopo l’errore nelle qualifiche di ieri, Grosjean aveva quasi perso la speranza. Senza più niente da perdere, la Lotus ha optato per una strategia ad una sola sosta ai box che, anche secondo Pirelli, sembrava impossibile.

“Non ci avrei scommesso neanche una nocciolina per questo terzo posto, oggi. Dalla diciassettesima posizione non avevo grandi speranze e la strategia migliore sui computer mi dava la quarta posizionale finale. Ma la macchina, di colpo, è tornata veloce come venerdì. Il ritmo di gara è stato eccezionale e la strategia coraggiosa ha pagato”, ha riferito Grosjean subito dopo la gara.

Romain, nelle fasi finali della corsa, si è ritrovato ruota a ruota al compagno di squadra Raikkonen. Nonostante fosse più lento per un problema ai freni, Kimi non ha agevolato il sorpasso del compagno di squadra, arrivando addirittura a sfiorarlo. Grosjean, però, ha minimizzato sull’accaduto: “Kimi era in una stiauzione difficile. Ho perso un po’ di tempo, ma non importa. La cosa positiva è stata raggiungere il podio e abbiamo una buona macchina per le prossime gare”.

Tutto in salita il Gran Premio d’India per Raikkonen. Anche per lui la Lotus ha riservato una strategia ad una sosta, ma un problema di surriscaldamento dei freni gli ha tolto il ritmo giusto per conquistare un podio. “Ho fatto i primi 20 giri praticamente senza freni. Erano talmente caldi che quando mi avvicinavo a qualcuno li perdevo completamente. E, infine, abbiamo perso anche le gomme. E’ stato molto deludente”.

E proprio sul piccolo contatto con Grosjean, Raikkonen ha avuto uno scambio d’opinioni via radio con l’ingegnere, decisamente colorito, partorendo un’altra perla dei suoi team radio più famosi.

15 Commenti

  • Comunque quando Kimi era ancora il figliolo prediletto,ovverosia prima di firmare per Maranello,quando il Team chiedeva a Grosjean di farsi da parte per farlo passare Romain si spostava e kimi passava.
    Tutto normale in linea di massima,i valori in campo sono cambiati,e comunque,anche per dei problemi avuti con i freni,kimi non era in condizione di lottare,quindi più che giusto farlo passare.
    Di sgradevole c’è stato il tono e il modo di quel team radio che sicuramente sarebbe potuto essere più elegante e diplomatico,nei modi,ma sopratutto se l’avessero fatto qualche curva prima in modo da non arrivare al contatto in curva,sarebbe stato sicuramente meglio.

  • notevole lo stile lotus, notevole… mi chiedo cosa ci faccia ancora kimi in squadra. tutti sorrisoni e tweet simpatici, poi ti fanno notare che gli stipendi si devono pagare nei tempi stabiliti, e questo è il risultato: insultare per radio un pilota che ha l’unica colpa di averli portati a podio con una certa frequenza, e che ha regalato la prima vittoria stagionale ad un team che tutto sommato non è che abbia mai brillato più di tanto. La macchina c’è e c’è sempre stata, il muretto meno, molto meno, e questa è solo l’ennesima prova del dilettantismo che ancora pervade Enstone.
    Se proprio doveva finire così, a pesci in faccia, tanto valeva montargli male una gomma, avrebbero ottenuto lo stesso risultato (ricordo a tutti che se kimi non fa punti la lotus spende molto meno) facendo magari più bella figura.
    E io che mi chiedevo come mai non si portasse almeno l’ingegnere di macchina in Ferrari…
    ieri è stato tenuto in pista di proposito con le gomme alle tele. Non ditemi di no per favore, se io da casa mi accorgo che prendere 2 secondi al giro è una strategia di m***a vorrei capire che diavolo ci fanno fior fior di ingegnere al muretto e alla telemetria.
    sono disgustato dalla piega che sta prendendo la F1, troppi dubbi, troppe anomalie ingiustificabili, troppa politica, con la FIA colpevolmente muta. Lo scorso anno sono partite minacciose direttive ai piloti sul linguaggio da tenere in pista e fuori, poi dobbiamo assistere a uno show del genere senza che nessuno, e dico nessuno, muova in dito.

  • AHHAHA io amo kimi…quando da queste perle mentre guida.

  • Grosjean nn è altro che un bambino viziato che si è comprato il sedile della Lotus a suon di euri. E poi guarda caso, da quando Raikkonen ha annunciato che andrà alla Ferrari l’anno prossimo, grosjean ha cominciato ad andare bene.

  • Vuoi vedere che la Lotus, pagando Kimi in base ai punti che porta a casa, sta cercando di sabotarlo per non pagarlo eccessivamente, a discapito del campionato costruttori??? Mumble… comunque gran gara di Romain

  • Far fare a Kimi 51 giri sulle stesse gomme era una follia!

  • Alan Permane: Kimi, get out of the fuckin’ way!!!

    Kimi: Don’t shout there, fuckin’ […]! I’ll get out of the way when… when i’ll have a chance but not in… in the last fast corners

    Sono curioso di sapere come convinceranno Kimi a correre ad Abu Dhabi: in Lotus non lo pagano da mesi e poi lo trattano così in gara, chi glielo fa fare di correre le ultime 3 gare?

    • Per loro fortuna Kimi corre per divertirsi e correrà anche le ultime gare sbattendosene di tutto.
      Che vergogna però, un pilota del genere non merita di essere trattato a pesci in faccia in questo modo solo perchè se ne va…

  • lotus impazzita,o forse troppo superba per pensare che kimi finisse la gara senza problemi.
    bene invece grosjean,sempre più costante,sempre nelle zone alte della classifica,sarebbe stato un secondo posto sicuro senza la follia di ieri in qualifica.
    sono contento comunque per il ragazzo che sta dimostrando di poterci stare benissimo in un team di alto livello in f1,ne ha combinate di tutti i colori ma se poi è evidente la maturazione tanto di cappello.
    bravo romain.

  • Ragazzi non sono ferrato in inglese, mi traducete il team radio? Bip esclusi ovvio

  • Bravo Grosjean per una gara regolare (ma sinceramente niente di che rispetto a Suzuka ad esempio), ma in Lotus si sono bevuti il cervello.
    Si vedeva chiaramente che quelle gomme non potevano fare più di 40/45 giri.
    Va bene che Kimi e la Lotus sono ai ferri corti (basta vedere il team radio per niente scherzoso), ma penalizzare in tal modo il proprio pilota è scandaloso.

    • No, più che altro potevano prendere Grosjean (che fino a prova contraria è ancora la seconda guida) e metterlo lì a coprire le spalle a Kimi tenendo a bada Massa, che sarebbe stato fattibilissimo. Così hanno perso 9 punti costruttori, con cui avrebbero colmato metà della distanza con la Ferrari…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!