Kimi – Lotus, parole grosse via radio. Ma il Team si scusa

28 ottobre 2013 18:57 Scritto da: Davide Reinato

Parole di fuoco tra Raikkonen e Alan Permane dopo la bagarre tra lui e il compagno di squadra Grosjean. Eric Boullier si scusa per i toni della vicenda.

kimi-raikkonen-lotus-monzaNon è passato inosservato l’episodio controverso tra Raikkonen e la Lotus durante le fasi finali del Gran Premio d’India. Ci riferiamo al team radio arrivato poco dopo alla bagarre tra Raikkonen e Grosjean, quasi culminata con un contatto che avrebbe rovinato la gara di entrambi i piloti.

Kimi era in netta difficoltà con gli pneumatici e i freni surriscaldati, tanto da perdere 2 secondi al giro rispetto all’arrembante compagno di squadra. Romain, una volta arrivato negli scarichi di Kimi, si è lanciato in un sorpasso all’esterno della curva 4, con il finlandese che ha resistito ed ha chiuso la porta, portando la Lotus gemella verso la via di fuga.

Il team radio è stato eloquente: “Kimi, togliti da quella ca**o di strada”, ha urlato Alan Permane. E Raikkonen ha risposto per le rime, per nulla intimorito.

Sulla questione è intervenuto Eric Boullier, Team Principal della Scuderia, che si è scusato per i toni della vicenda affermando: “Con il senno di poi, questo messaggio radio poteva essere inviato in maniera meno emotiva. C’era molta tensione, oltre che a diversi problemi tecnici, e sono volate parole pesanti che sono semplicemente non appropriate. So che molti sono rimasti sorpresi e non posso che scusarmi per questo a nome della squadra”.

Il manager francese ha anche aggiunto: “I nostri piloti sono liberi di correre tra loro. E se i pneumatici di Kimi non fossero stati alle tele, tutto ciò sarebbe stato normale. Ma è vero che ci aspettavamo una manovra più facile. Parlerò con entrambi prima di Abu Dhabi”.

22 Commenti

  • Raikkonen è finlandese. Gente genuina e onesta. Se c’è un accordo quello va rispettato. Non ha di certo voluto infangare la lotus quando ha dichiarato che non lo pagavano, è nella loro cultura parlare apertamente dei problemi, la politica e l’omertà non fanno parte di quella gente un po’ strana, forse difficile da decifrare per noi. Riguardo la sua risposta incazzosita credo fosse più legata al fatto che gli hanno urlato nelle orecchie. Tuttavia entrambi hanno sbagliato clamorosamente, la squadra doveva avvertirlo prima e con calma, lui rendersi conto che il compagno arrivava con un altro passo.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!