Vettel punta Ascari, Schumi, Alonso e Hamilton al 2014

31 ottobre 2013 14:51 Scritto da: Alessandro Marzorati

La Formula Uno fa tappa ad Abu Dhabi e come ogni weekend di gara, il giovedì è la giornata dedicata alla dichiarazioni dei piloti. Mentre Vettel cerca ancora stimoli per continuare a vincere, Hamilton e Alonso pensano al futuro.

alonso_vettel_hamilton01gTerminati i festeggiamenti post quarto titolo iridato, Sebastian Vettel arriva ad Abu Dhabi con un viso molto più rilassato e tranquillo. L’obiettivo quarto mondiale è stato centrato con tre gare d’anticipo e il campione tedesco potrà fare da spettatore. Ma non sarà cosi, perché il tedesco ha intenzione di polverizzare o eguagliare ulteriori record. Il primo obiettivo del neo iridato riguarda il record di sette vittorie consecutive, che appartiene a due leggende dell’automobilismo e dello sport in generale: Alberto Ascari e  Michael Schumacher.

Non ho bisogno di stimoli per queste tre ultime gare. In Red Bull cerchiamo sempre di ottenere il massimo, perché amiamo quello che facciamo. Vogliamo solo correre e soprattutto vincere. Certo, adesso potremmo essere più rilassati dopo l’India, ma abbiamo festeggiato e adesso siamo nuovamente concentrati. E poi ho qualche soddisfazione personale da togliermi (evidente riferimento al record di Ascari e Schumacher, ndr). Ho vinto quattro titoli con una macchina superiore? Anche Fernando e Lewis hanno vinto che avevano la squadra e la macchina più forte. Anche nel passato è sempre stato così e un giorno ci ricorderanno per quello che abbiamo fatto”.

Se a Vettel rimangono solamente record personali da raggiungere in questo finale di stagione, Alonso e Hamilton dovranno lavorare tantissimo con i nuovi aggiornamenti che, in alcuni casi, potrebbero essere riproposti sulle monoposto del 2014. I giornalisti presenti in sala stampa si sono concentrati sullo spagnolo della Ferrari, soprattutto per i rapporti del pilota con la squadra.

Quest’anno l’obiettivo era di vincere il piloti e il costruttori, come è sempre per la Ferrari. Ma dobbiamo essere realisti, adesso puntiamo al secondo posto in entrambe le competizioni. A metà stagione eravamo vicini alla Red Bull, ma dopo la pausa estiva Vettel ha vinto tutte le gare, quindi… L’anno prossimo si ripartirà da zero e speriamo di iniziare bene. Continuate a chiedermi del mio rapporto con la squadra. Con loro sto benissimo, è tutto perfetto. Ad Austin mi chiederete la stessa cosa e io vi dirò che è tutto perfetto. Era perfetto, è perfetto e lo sarà anche in futuro. Kimi? Non lo conosco a livello personale e quindi non posso esprimermi. Come pilota posso dire che è molto forte, un grande campione. E’ molto veloce, gli piace vincere e ama quello che fa”.

Hamilton è ancora concentrato sul 2013, mentre il suo team ha lo sguardo rivolto all’anno prossimo, anno in cui a Brackley dovranno dimostrare un’ulteriore crescita riguardo le prestazioni e l’utilizzo di ogni compound che la Pirelli metterà a disposizione dei team nel 2014: “Complimenti alla Red Bull, che hanno fatto un lavoro incredibile. Hanno alzato l’asticella e tutti dobbiamo lavorare duramente per avvicinarci nella prossima stagione. Per fortuna si partirà da una base più equilibrata e quindi possiamo riscattarci. Non sono ancora pronto personalmente per il 2014, perché ho ancora da imparare in queste tre ultime gare e quindi mi concentro su questo finale di stagione. La squadra è già al lavoro ma sanno che sarà dura”.

15 Commenti

  • Io penso che Vettel sia un buon pilota, se non ottimo, ma non un campione. A parità di performance, nelle rare volte in cui è capitato, va sistematicamente in crisi non appena entra in duello con qualcuno. Io lo vedo come il “pedrosa” della formula uno. È vero che negli anni in cui Schumacher ha vinto la qualunque guidava un bolide, ma le sensazioni che trasmetteva erano assolutamente diverse..

  • La superiorità della redbull è costante e netta dalla metà del 2009, a volte hanno avuto problemi di affidabilità come 2009 e 2010 altre volte i piloti hanno fatto gli autoscontri come vettel nel 2010 ma alla fine sono sempre davanti a tutti e persino un pensionato con poche motivazioni come webber va forte, newey trasforma in oro tutto quello che disegna con lui vincere diventa un obbligo, beato chi ce l’ha!

  • Secondo me Vettel vuole vincere e battere tutti i record con la RedBull. Poi passerà a ferrari o Mclaren per essere veramente riconosciuto…. e lo sarà!
    Anche se per ora lo “odio” profondamente (insieme alla RB)

  • Se da 4 anni guidasse una Ferrari o una Mercedes, per non dire una McLaren la conoscerebbe bene quella parola…… e conoscerebbe bene anche la parola frustrazione

    • O magari al volante di una Ferrari avrebbe vinto uno (più probabile) o due mondiali, posto che nel 2010 e 2012 la superiorità RedBull o non c’era o se c’era era alterna e ‘sporcata’ dalla non assoluta affidabilità della macchina, insomma anche altre vetture potevano – e l’hanno fatto – inserirsi nella lotta per l’iride.

      • Chi può dirlo, tutto può essere!
        O magari nel 2010 dopo la cavolata del muretto ad Abu Dhabi avrebbe insultato il team peggio di Alonso, e lo avrebbe continuato a fare negli anni successivi, cosa molto probabile visto che nelle rare volte in cui le cose non gli sono andate bene per colpa del suo team da Ditino si è trasformato in Tapirino tanto aveva il muso lungo……

      • In effetti in qualche occasione ha dato segnali di nervosismo che mi hanno lasciato un pò perplesso, direi che occorrerà attendere le prime difficoltà, poi vedremo.
        Difficile fare peggio di Alonso comunque…soprattutto per la coazione a ripetere dell’asturiano…

    • Ma cavolo di discorso e’?se guidasse un altra auto??guida la red bull e vince Stop!se schumi guidava una bar neanche lui avrebbe vinto dei mondiali..se uno a caso tipo glock avesse guidato una ferrari o una redbull sarebbe ancora nel circus..e se io fossi brad pitt andrei con belen

      • Siamo a livello di bar sport dài..
        il pilota forte vince con la macchina forte..
        il resto sono davvero solo chiacchiere.

  • non conosce la parola stress, corre per divertirsi e naturalmente per vincere…

    • è tanto maturo da dare la colpa a karthikeyan del sorpasso subito da hamilton in texas, ma per favore.. pilota idolatrato e molto sopravvalutato a mio avviso.. non ci sono più signori in formula 1..

    • AlexFerrari4ever

      Malesia 2012: alza ai quattro venti il dito medio al malcapitato karthikeyan

      Valencia 2012: “È stata proprio una m***a ma non posso fare ormai più niente” insulto di vettel al malcapitato… alternatore

      Germania 2012: “Non è stato bello quello che ha fatto Lewis. Non ho capito perchè ha cercato il duello con noi. Lo trovo stupido, visto che era staccato di un giro. Se vuoi andare più forte, ma non sei in lotta per la vittoria, dovresti anche essere in grado di usare il buon senso.” attacco di vettel su una semplice manovra di sdoppiamento di hamilton

      USA 2012: come dice djmanueli da la colpa al malcapitato karthikeyan per il sorpasso subito da hamilton

      Brasile 2012: “Andrei sulla tomba di Ayrton per dirgli come guida suo nipote” attacco IMMATURO e ARROGANTE di vettel al povero bruno senna

      meno male che non conosce la parola stress… poi finche avrà un missile sotto il sederino te credo che raramente lo vedremo stressato

      • be voi alonsisti (e alonso stesso)ha fatto peggio..senza contare tutta la colpa scaricata a kimi e gros x il mondiale perso nel 2012,.scommetto ke se senna spaccava alonso in brasile avreste detto le stesse cose..figurati un pilota che puo perdere il titolo

      • AlexFerrari4ever

        io alonsista? mi spiace, hai sbagliato persona. e poi mica ho detto che solo vettel attacca e critica mentre alonso è un santo… riguardo a senna si ci stava arrabbiarsi, ma addirittura dire quelle cose… se la poteva risparmiare

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!