Lotus in the USA! Grosjean è d’argento dietro Vettel

17 novembre 2013 23:17 Scritto da: Diego Mandolfo

Menomale che c’è Grosjean: il francese è secondo ad Austin. Kova rimane fuori dai punti

romain USALa Lotus riesce nell’obiettivo di rosicchiare ancora qualche punto alla Ferrari, ma non grazie al pilota che era stato ingaggiato proprio per dare il proprio contributo a tal fine. I punti, 18, sono infatti tutti di Grosjean che ha conquistato un fantastico secondo posto, dietro Vettel e davanti a Webber. Il neo-team mate, Kovalainen è finito infatti fuori dalla zona punti. Avrebbe fatto meglio Davide Valsecchi? Non lo sapremo mai: fatto sta che l’esperienza del finlandese, ancorché capace di conquistare un ottavo posto in Qualifica, non è stata sufficiente a mantenere un pari livello prestazionale anche in gara.

Veniamo appunto alla gara, abbastanza noiosa nel complesso, se non fosse stato proprio per Romain che ha dato il proprio contributo per renderla meno piatta e meno Red Bull_centrica. Il francese della scuderia di Enstone parte molto bene, avvantaggiandosi anche dal fatto di scattare dal lato gommato della pista texana. Davanti a lui c’erano le due Red Bull di Vettel e Webber. L’australiano, alla sua penultina gara in F1, ha dovuto fare i conti con il lato sporco del tracciato e con la sua proverbiale difficoltà a schizzare veloce allo spegnersi dei semafori. E così, Romain conquista subito la seconda posizione dietro il già quattro volte Campione del Mondo. Vettel ha fatto la sua gara davanti a tutti, Grosjean ha fatto la sua, difendendosi in partenza dall’arrivo di Hamilton, che a sua volta aveva passato l’australiano della Red Bull, e poi dallo stesso Webber, soprattutto nell’ultima parte di gara. Ha gestito molto bene gomme e pressione ed è riuscito infine a salire sul secondo gradino del podio.

Heikki Kovalainen invece, nonostante l’esperienza cui si era voluto affidare Boullier, parte ottavo ma perde subito posizioni, scivolando fino alla 12esima. Il finnico rimarrà sempre ai margini della zona punti, anche a causa del secondo pit stop, durante il quale monterà le gomme hard e sostituirà il musetto. Il sostituto di Raikkonen rientrerà al 17esimo. In verità, Heikki, dopo il primo pit, si era installato al 10° posto, salvo poi essere passato da Di Resta prima e da Rosberg poi. Heikki concluderà poi 15esimo. Grosjean invece effettua la sua sosta ai box al 30° giro, dopo aver condotto per un po’ la gara. Al rientro si riapproprierà del secondo posto per non mollarlo più fino alla bandiera a scacchi. La gara del francese della squadra di Enstone ha confermato l’ottimo stato del pilota transalpino e della scuderia nero-oro. Romain, negli ultimi cinque Gran Prix, ha totalizzato ben 75 punti. Alla fine di questa stagione manca solo una gara, quella di Interlagos: a questo punto la Lotus (315 punti) punterà a colmare il gap di 18 punti dalla Ferrari (333 punti), che a sua volta spera di di riacciuffare la Mercedes (348 punti).

2 Commenti

  • La più grande goduria della gara di ieri è stata nel vedere come si comportava Kovalainen.Questo pilota “abituato a lottare nella zona punti” che navigava (o meglio naufragava) in fondo al gruppo e a momenti lottava con i suoi ex colleghi della f1 di serie B. Di certo Valsecchi non avrebbe potuto fare peggio,e vedendo il livello di chi si è giocato i punti non è difficile immaginare che il risultato finale sarebbe stato migliore.Quel antipaticone di Boullier parla di sfortuna ma questa volta la colpa è tutta sua! Complimenti

  • Ottimo Romain, si conferma in forma gara dopo gara, ma con un Vettel/Red bull così è impossibile vincere. Sul Kova non mi pronuncio neanche, col senno di poi sarebbe stato bello vedere Valsecchi su quella monoposto, tanto peggio non avrebbe fatto, al più si incidentava

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!