La Force India sprofonda nelle retrovie a Austin

18 novembre 2013 10:48 Scritto da: Ilaria Della Pepa

Fuori dalla zona punti al GP degli Stati Uniti: la Force India raccoglie un misero sedicesimo posto con Di Resta, mentre Sutil è costretto al ritiro nel corso del primo giro per un incidente con Pastor Maldonado.

Di Resta Force IndiaSi interrompe la striscia positiva di risultati della Force India: dopo un buon bottino nelle ultime gare, la squadra indiana non raccoglie punti ad Austin, tornando a casa con il poco entusiasmante 16esimo posto di Di Resta e il ritiro di Adrian Sutil.

Il weekend texano non era partito in modo brillante, con i due piloti schierati oltre le prime file, pur puntando su una buona strategia per arrivare in Top 10.

Di Resta ha messo in piedi (in extremis, come vedremo) una strategia a due soste: l’inglese è partito con le medie della qualifica, per poi passare alle dure e a un ultimo treno di pneumatici medi usati di emergenza per gli ultimi giri. Queste le parole di Paul: “Sono partito bene e mi sembrava di essere performante, ma appena dopo qualche giro ho iniziato a capire che le nostre gomme non ci aiutavano e che anche il passo gara mancava“.

Il degrado degli pneumatici ha cambiato sensibilmente i piani di Di Resta, che aveva pianificato col Team di fermarsi soltanto una volta ai box: “Peccato per il peggioramento ulteriore delle nostre prestazioni” continua “perchè a 9 giri dalla fine cercavamo ancora di fare una sola sosta. Sono stato costretto a un ultimo pit-stop per difendere la mia posizione, ed è un vero peccato, visto che tutto sommato eravamo ottimisti per questa gara“. Tra una settimana l’ultima gara in Brasile e Di Resta non può che sperare nell’arrivo di un risultato migliore: “Siamo amareggiati per questo GP poco proficuo, ma ora possiamo solo pensare alla gara di San Paolo per finire la stagione nel miglior modo possibile“.

Per Adrian Sutil la delusione è ancora maggiore ovviamente, visto che il tedesco ha corso appena qualche curva di questo GP delle Americhe: l’incidente con Pastor Maldonado lo ha messo subito fuori gioco, e per lui la gara è finita anche peggio delle qualifiche, dopo le quali si era classificato 17esimo.

Adrian racconta così la sua versione dei fatti, con un pizzico di amarezza: “Che sfortuna questo weekend. Fino alle libere ero competitivo e contento della mia vettura, poi tutti i problemi della qualifica. Ero partito bene, guadagnando qualche posizione, ma all’improvviso Maldonado ha urtato la mia gomma posteriore sinistra e ho perso immediatamente il controllo della monoposto. Non so davvero come abbia fatto a colpirmi, la pista è molto larga lì, io ero al mio posto e poteva usare lo spazio a destra o sinistra senza starmi così attaccato. Davvero un brutto modo per finire un GP“.

Dalla delusione di Sutil alle parole di Vijay Mallya, che ovviamente prevedeva un weekend diverso: “A dispetto delle speranze” commenta il Team Principal Force India “lasciamo gli USA senza alcun punto. Sutil ha concluso la sua gara troppo presto e per Di Resta non ha funzionato la strategia a una sola sosta, che volevamo ripetere dopo i buoni risultati di Abu Dhabi. Sapevamo di dover combattere oggi per raccogliere qualche punto, ma è andata peggio del previsto. Speriamo che a Interlagos, nell’ultimo GP del 2013, la fortuna ci aiuti un po’ di più“.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!