McLaren in decadenza come Williams? Button dice “No!”

26 novembre 2013 15:48 Scritto da: Redazione

Dopo una stagione difficile, la peggiore da decenni a questa parte, la McLaren guarda al 2014 con l’intento di rialzare la testa e tornare subito a vincere.

mclaren-button-perez-bahrainIl pensiero, a qualche sostenitore della McLaren, è già passato per la testa. E se il periodo di crisi della McLaren fosse speculare a quello in cui è sprofondata la Williams da qualche anno a questa parte?

La pessima stagione 2013 ha fatto piombare nello sconforto il team di Woking, costretto ad affrontare una delle peggiori stagioni degli ultimi decenni. Tuttavia, al McLaren Technology Center c’è una grandissima voglia di voltare pagina e lasciarsi queste 19 gare da incubo alle spalle.

Si fa portavoce del gruppo degli ottimisti anche Jenson Button che, il prossimo anno, guiderà la squadra con a fianco il giovane rookie, Kevin Magnussen. Era stato proprio l’inglese, dopo la bella prova di Interlagos, a lanciare su Twitter l’hashtag #believeInMcLaren.

“Posso assicurarvi che c’è una buona atmosfera in squadra”, ha detto Jenson. “Abbiamo tutte le risorse e le competenze per evitare di percorrere la stessa strada della Williams. Il denaro purtroppo è il Re, in uno sport come la Formula Uno. Ma è lo stesso nel mondo del calcio, in realtà”.

Button ha difeso anche Martin Whitmarsh e tutto il management della squadra, finiti sotto la lente d’ingrandimento a causa di una stagione lontana dalla zona podio. “Abbiamo avuto dei momenti particolarmente difficili, ma siamo entusiasti di ciò che ci aspetta il prossimo anno. Ci sono dei cambiamenti piuttosto grandi grandi per tutti, forse tranne che per la Red Bull”.

10 Commenti

  • certo la storia della williams non è finita (per ora) ma comunque alle spalle non ha aziende solide come la ferrari, la red bull o la mercedes che fatturano miliardi di euro ogni anno e possono comunque sostenere eventuali annate sfortunate coprendo i mancati introiti degli sponsor…

    mi ricordo che anni fa la williams dovette vendere all’asta tutte le vecchie auto di F1 per tirare sù qualche soldino….

    la mclaren è messa uguale nel senso che a parte qualche sponsor non ha nulla alle spalle e quindi è un team che potrebbe decadere presto se non reagisce subito…

    a meno che non venga comprata dal magnate di turno che gli possa assicurare un futuro roseo…

  • Vorrei rispondere a ditino.
    Guarda che la storia della Williams non è affato finita.
    E’ vero, sono 16 anni che non vince un titolo, però vorrei ricordare che anche la Ferrari per 16 anni (dall’83 al ’99) non vinse niente, eppure poi nel giro di 5 anni vinse praticamente tutto.
    Un Team storico non lo si può mai dare per morto, per un semplice motivo: E’ un TEAM STORICO.
    Il fatto di essere uno dei Team più importanti della storia delle corse implica molte cose, una delle quali è la capacità intrinseca di attirare a sè l’attenzione sia degli spettatori, sia degli investitori.
    Pensa alla Lotus:
    Il Team aveva addirittura chiuso i batteti nel 1994, poi nel 2011 ci fu un contenzioso perchè due diversi investitori si contendevano la titolarità del marchio Lotus.

    Per cui dare per morta la Williams o addirittura la McLaren (dopo una sola stagione sbagliata) mi sembra poco lungimirante, soprattutto se detto da quello che penso sia un tifoso della RedBull, che prima è una casa produttrice di energy drink, poi una squadra di calcio e infine una scuderia di F1.

    Quando un giorno Mateschitz morirà e magari gli altri investitori non vorranno più mantenere la scuderia di F1, a chi credi che possa interessare di mantenere il marchio RedBull in F1?
    Se fossi a capo di un gruppo di investitori che vuole entrare in F1, ci entreresti col marchio RedBull oppure con Williams, McLaren, Lotus, Ferrari ecc…?

    La differenza sostanziale tra un Team Storico e un Team che non lo è, è proprio questa: il Marchio.
    Il Team può trovarsi in difficoltà economiche e di risultati, può addirittura chiudere i battenti, ma non lo puoi dare per morto, perchè il marchio di un team storico è legato alla F1 in maniera indissolubile e perciò può sempre ritornare…

    • Mateschitz morirà?! La Red Bull uscirà molto prima dalla F1.
      Il ciclo di uno sponsor in formula 1 dura, più o meno, 10 anni, perchè poi l’utilità dell’esposizione diventa minore e non giustifica più l’investimento.
      Nessuno, tranne la Marlboro, è mai stata presente più a lungo. La Red Bull non farà eccezione.
      Basta attendere che perda un titolo (cosa che personalmente, spero avvenga il prossimo anno…)e ciao..

    • stardrummond

      concordo iron…
      e aggiungo che magari in un futuro non troppo lontano potremmo rivedere in griglia vetture griffate tyrrel(ken era mitico, un personaggio incredibile al pari di sir frank, un altro mito) o perchè no brabhman, shadows ligier o brm(e perchè no alfa romeo se davvero un giorno passera al gruppo volswaken…) daltronde se come dici hanno resuscitato la lotus e perchè no la stessa sauber…

  • l’hanno solo cagata, invece la Williams è senza una £ (beata lira), e in F1 senza soldi non si va da nessuna parte.

  • RedFerrari96

    Impossibile che la Mclaren diventi come la Williams. Prima di tutto ,il budget della scuderia di Woking è molto più alto , rispetto a quello della Williams. Inoltre capita a tutti di sbagliare una vettura, anche se loro hanno azzardato moltissimo , dato che hanno voluto seguire le linee guida della vettura 2012 , e hanno deciso di innovare. Non si devono preoccupare i tifosi del Kiwi ( Non so in quanti l’ho capiranno) , ma torneranno a essere competitivi, se non il prossimo anno, di sicuro nel 2015.

  • Speriamo di no, già è stato un peccato perdere la williams come top team, la McLaren è un team storico secondo solo alla Ferrari come prestigio e importanza……

  • quando il team affonda in figure di cioccolata come quest’anno gli sponsor via via scappano e il team diventa sempre più povero e indebitato…

    il paragone con la williams mi pare azzeccato

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!