Brundle: “Piloti paganti? Non sempre manca talento”

13 gennaio 2014 08:47 Scritto da: Valentina Zuliani

L’ex pilota inglese parla della questione dei piloti paganti: un fenomeno in preoccupante aumento anche a causa dei costi sempre più alti per competere in Formula 1.

partenza australiaTroppi piloti paganti in Formula 1? Secondo Martin Brundle, ex pilota e ora commentatore Sky, la risposta sembra essere affermativa. Dal palco dell’evento Autosport International, a Birmingham, l’inglese ha fatto notare come stia diventando sempre più presente nel campionato della massima serie automobilistica, la presenza di drivers con la valigia.

“Il problema principale – ha detto Brundle – è che bisognerebbe evitare che fosse così costoso far correre le auto. In questo modo non si avrebbe più bisogno di cercare tutti quei soldi”. Non si può negare, infatti, che i costi per competere in Formula 1 siano talmente ingenti da rendere impensabile la sopravvivenza dei team senza gli sponsor: “In un modo o nell’altro bisogna trovare qualcuno che paghi. Che sia Santander seguendo Alonso, oppure la Vodafone quando insistette per avere Hamilton e Button per il mercato inglese, da qualche parte bisogna trovare qualcuno che ci metta i soldi”.

Uno degli esempi più recenti, a cui lo stesso Brundle fa riferimento, è senza dubbio quello della Lotus, divenuta protagonista dell’ultima parte della stagione 2013 più per i suoi problemi di liquidità che per i risultati in pista. E cos’ha fatto, quindi, la Lotus per ritrovare un po’ di respiro? Ha dato uno dei suoi sedili a Pastor Maldonado che, com’è noto, può contare su una bella valigia di dollari da mettere a disposizione del suo nuovo team.

Esiste, quindi, un vero e proprio “problema” piloti paganti nel circus? “Non c’è dubbio che sia un fenomeno sempre più presente sulla griglia di partenza – continua Brundle – ma non è detto che un pilota pagante non possa essere un pilota di alto livello.” A tal proposito il cronista della TV inglese prende come esempio Niki Lauda che “dovette chiedere un prestito per pagarsi i suoi primi anni da pilota di Formula 1″ e ammette che anche lui non fu immune da tal problema “Io stesso – continua – promisi a Ken Tyrrel 150.000 sterline per correre anche se non le avevo. Fortunatamente lui mi disse che sapeva che io non avevo a disposizione quella somma, ma che mi voleva comunque come suo pilota”.

Togliendo, quindi, tutte le ipocrisie, il fattore “valigia” è sempre stato presente nel mondo della Formula 1, solo che oggi sembra essere ai massimi storici e diventare un problema molto serio per quei piloti che si vedono soffiare il posto da colleghi che sicuramente non sono dotati di più talento: “E’ triste e snervante vedere piloti come Paul di Resta rimanere senza sedile sapendo che altri ce l’hanno solo perché portano soldi”.

La soluzione che propone Brundle e che sembra quella migliore affinché a prevalere sia il talento al posto degli sponsor sarebbe che fosse la Formula 1 stessa, come federazione, a tener d’occhio e finanziare i piloti più meritevoli nelle junior series in modo da far prevalere veramente il talento. Ma siamo sicuri che questo basterebbe?

1 Commento

  • MotoreAsincronoTrifase

    No, non basterebbe. Il talento ormai e’ secondario. Piloti come maldonato che portano 35 milioni hanno soffiato il posto a hulkemberg. Per cui il talento non l’hano neanche preso in considerazione.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!