Alonso: “Differenze enormi tra qualifiche e gara”

6 marzo 2014 19:06 Scritto da: Redazione

Ecco come Fernando Alonso si aspetta che saranno le nuove gare: più strategia, meno piede pesante. E spera in una stabilità delle regole per non confondere ulteriormente il pubblico a casa.

fernando-alonso-podio-valenciaFernando Alonso è già con la testa a Melbourne, dove insieme agli altri suoi colleghi e rivali in pista troverà tantissime incognite. Parlando sul sito ufficiale della Scuderia Ferrari, lo spagnolo ha fatto il punto della situazione dopo i test invernali.

“Arriviamo al via di questo campionato dopo aver avuto solo 12 giorni di prove come squadra e addirittura solo sei come piloti. Qualche giorno in più sarebbe stato utile, visto quante cose sono cambiate in questa stagione. Nei test, ad ogni giro, imparavamo qualcosa e ci miglioravamo con una certa costanza. Credo che questo processo proseguirà in Australia, soprattutto nella prima giornata e anche nella prima serie di gare”, ha ammesso Fernando.

Il pilota spagnolo pone l’accento non solo sui problemi di gioventù della nuova vettura, ma anche e soprattutto sulle nuove regole: “Le nuove norme della F1 sono molto diverse da quelle a cui eravamo abituati. Credo che la ver ae propria idea di Gran Premio sia decisamente cambiata, in questa stagione. Il sabato e la domenica saranno molto diversi fra loro. In qualifica si potrà sfruttare al massimo la potenza della vettura, portando all’estremo la nuova power unit e cercando un risultato assoluto che, invece, in gara probabilmente non sarà più nemmeno avvicinato”.

Cambierà, dunque, l’intera visione della corsa: “Lo scorso anno, nel finale di gara, con le gomme nuove si poteva girare su tempi molto veloci. Quest’anno invece bisognerà fare i conti con il carburante a bordo e lo stato delle batterie e degli pneumatici. Bisognerà essere molto bravi a controllare questi parametri e le nuove strategie di gara potrebbero non consentirci di spingere al massimo nel finale”.

In più, Alonso si mette anche dalla parte degli spettatori, sottolineando: “Noi piloti ci abitueremo in fretta, spero che queste regole non vengano stravolte subito e rimangano invariate per qualche anno. Altrimenti gli spettatori rischiano di non fare in tempo a prendere confidenza con questa F1, molto complessa anche da guardare”.

32 Commenti

  • a me sembra che la maggior parte dei commenti a favore della ferrai siano in realtà una speranza…
    ma sarà dura…
    la scusa che si sia nascosta è priva di fondamento…
    nessuna squadra si può permettere di girare senza testare condizioni che dovrà affrontare tra qualifica e gara…tutte le condizioni vanno analizzate compreso come si comporta la vettura nel fast lap…

  • salve a tutti
    vi leggo da tempo e oggi voglio intervenire

    a mio avviso la ferrari è messa molto male
    poco carico e 100cv in meno del mercedes

    • ciao boss non è la macchina che mi preoccupa. Sono più i piloti xchè Alonso si sa che è un gran pilota basta vedere che ha tenuto testa al bibitaro (vettel) sulla sulla red bull (proggettata da newui secondo me un genio) e kimi sempre sulle sue e non aiuterà il povero Fernando quindi sarà la quinta stagione che Fer porterà sulle spalle la ferrari

  • Troppe incognite, quest’anno, per fare delle previsioni.

    Effettivamente, solo le motorizzate Renault potrebbero confermare, almeno nelle prime gare, ciò che si è visto nei test.

    I “rumors” che danno per avvantaggiate le PU Mercedes, ammesso che siano veritiere, non significa che dovrebbero vincere i GP.

    Solo dopo il weekend di Melbourne si potrebbe delineare l’andazzo del 1/3 del campionato.
    Gli sviluppi saranno l’ago della bilancia per il resto della stagione.

  • e’ inspiegabile come utenti come razorf1 che era abbastanza oggettivo ora sia diventato catastrofista e addirittura riesuma il troll “john” che esalta come “mitico”. questi test hanno fatto delle vittime, no, non i team ma i commentatori che si sono fatti prendere dai tempi e illazioni ridicole senza pensare che nessuno e’ certo di finire un gp!. ora non solo devi finire davanti per prendere punti ma anche la gara…a meno che non ci sia una moria di p.u e ritiri allora il punteggio va’ a chi si sia fermato dopo, o ha fatto piu’ giri in quel momento. tutte indicazioni che dicono di fatto che nessuno e’ certo di vincere e arrivare al traguardo, nessuno! capito razorf1 alias estimatore di john?.

  • visto il numero di macchine motorizzate mercedes, ci si potrebbe addirittura fermare alla Q2, ma anche in questo caso niente panico.

    • Proprio a questo mi riferivo quando parlavo di bilanciamento tra prestazioni della vettura in qualifica e in gara…….. Poi certo che fermarsi un Q2 sarebbe già un bel handicap per la gara.

      Secondo me la maggior parte delle gare saranno condizionate dall’affidabilità almeno nei primi mesi, sarà un mondiale incerto, ci sono un sacco di incognite, non vedo l’ora che sia sabato prossimo!!!!

      • non 6 il solo Fabio leggi la mia rxp a boss e capirai di cosa ho paura

  • quindi niente panico se dovessimo beccare 2 secondi nella qualifica…..

  • Personalmente credo che questa F1 così complessa da seguire continuerà a piacere e ad essere seguita dai più appassionati, ma gli spettatori meno appassionati potrebbero allontanarsi, non a tutti piace seguire le strategie, cercare di capire “più a fondo la gara”, molti vogliono vedere spettacolo in pista, sorpassi e duelli che secondo me ci saranno sempre meno perchè facilmente quando un pilota sta spingendo magari l’latro ha già spinto prima e adesso deve risparmiare gomme e/o carburante.

  • Ma secondo voi avrà senso cucinarsi il motore al sabato per una posizione in griglia che conta pochissimo ?

    • In qualifica si fanno molti meno KM che in gara, in teoria se ti parte il motore in qualifica ci sono buone probabilità che magari ti sarebbe partito durante la gara che quindi non avresti ultimato…… quindi credo che tanto vale spingere in qualifica.

      Piuttosto valuterei se vale la pena avere una vettura che sul giro secco va fortissimo ma poi in gara meno oppure avere una vettura che sul passo gara va forte ma poi in qualifica è 7/8, vedremo quale team avrà trovato il miglior bilanciamento tra qualifica e gara

    • poz se 6 Alonso no xchè lui i sorpassi li sa fare meglio di tutti guardate cosa fece a valencia nel 2012

  • alexredpassion

    Non mi spaventa la F1 complessa da guardare, mi spaventa che in gara le macchine andranno “a passeggio”, mi spaventa che lo spirito della competizione esca snaturato da questa nuova F1. Ma gli pseudi-ingegnerini da bar sono tutti contenti perchè ora c’è la TECNOLOGGGIAAA.. poi vedremo dove saranno quando, passata la sbornia della novità, il grande pubblico si stuferà di spendere i soldi per andare per circuiti e di pagare la pay-tv per una categoria che forse non è più così speciale.

    • Gilles_27

      Sarò stufo quando Ecclestone opterà di andare in Aserbaidschan al posto della Germania,
      Sarò stufo quando la RB pur di imporre il proprio volere, farà cambiare regolamento e gomme con il campionato in corso!
      Ma saró felicissimo se la Ferrari e i piloti saranno in grado di vincere i rispettivi titoli mondiali!

      • alexredpassion

        d’accordissimo su tutto, ma il mio è un discorso diverso. E sia chiaro.. spero di sbagliarmi, di essere clamorosamente smentito. Amo troppo e da troppo tempo la F1, non riesco nemmeno ad immaginare di vivere senza.

    • perdonami, ma la f1 è SEMPRE stata tecnologia, spesso nemmeno applicata alle vetture di serie (e viceversa, vedi abs)

  • Gilles_27

    Resto del opinione che partire davanti nella griglia, resta comunque la cosa prioritaria, perché a maggior ragione rischi meno incidenti in partenza,… Che altrimenti ti rovinano un weekend fatto di troppe strategie e pochi fatti.

  • Alessandro HAMALORAI

    @ Redazione

    1 ora fà è uscito un articolo dal sito della Gazzetta dello Sport in cui si afferma che Schumacher stia respirando da solo.

    Si hanno conferme?!

  • Vai in McLaren finché sei in tempo Fernando o addio mondiale. Hanno sfornato un motore davvero penoso viste le ridicole velocità di punta di Sauber e Marussia (risp. 314,8 km/h e 313,0 km/h). Non solo, la Ferrari è stata la squadra che ha usato un assetto più scarico possibile perché rischia addirittura di non terminare la gara a causa dei consumi.
    Velocità di percorrenza di curva davvero scarse, stanno ancora smanettando con i software per cercare di trovare più potenza.

    La coperta è corta [cit. mitico John]

    • Ad essere precisi l’assetto scarico è da attribuirsi ai primi 4 giorni del Bahrain (dove anche lì aveva sì le velocità di punta più alte) ma la classifica qui riportata è relativa agli ultimi 4 giorni di prove del Bahrain; in questo caso la Ferrari ha utilizzato ali da carico (non si sa quanto, ma di sicuro aveva già abbandonato la veste aerodinamica “vergine” della prima settimana). Inoltre oltre alle velocità massime alla fine del rettilineo, la Ferrari ha avuto il recoprd anche alla speedtrap all’uscita di curva (non ricordo quale) e quela è sicuramente indice che il carico l’aveva eccome (senza carico non si ha una buona percorrenza curva, senza la buona percorrenza non si può accelerare in modo sufficientemente rapido da ottenere una buona velocità). Io dico di attendere almeno l’australia (e non sarà sufficiente per capire i reali valori in campo) così avremo una prima indicazione. Insomma, di John ce n’era uno, non riesumarlo, ti prego! :-)

    • Gilles_27

      Quando anche il rispettato bisettimanale tedesco, Auto Motor und Sport, dichiara che la Ferrari abbia seguito tutto un altro programma rispetto alla concorrenza, allora a maggior ragione hanno ipotizzato che hanno nascosto il vero potenziale della vettura.
      Dato che i tempi li prendevano in settori totalmente differenti da quelli “ufficiali”, e non percorrendo mai tutto il giro col piede a tavoletta ma rallentando in qualche settore, dopo aver raccolto i dati a loro utili.
      Quindi caro razor le informazioni che tu è che noi abbiamo a disposizione, sono solo superficiali e non dicono nulla sul vero potenziale di ogni singolo team. Che poi una Williams stia in carreggiata come sui binari, allora bisogna complimentarsi con questo team per il lavoro fatto fin qui. Ma i punti si faranno la domenica a Melbourne e nei Gp seguenti…
      Diciamo allora calma, lavoro e sangue freddo Forza Ferrari! :-)

    • stardrummond

      john lasciamo dov’è ti prego, anche perchè era tutto fuor che mitico…
      cmq personalmente la penso in maniera molto differente da te, anzi ritengo proprio che la p.u. ferrari sia nata bene, e non abbia niente da invidiare alla mercedes!
      “tempo” questo è l’unico verbo che abbia un senso da qui a domenica sera dopo il primo gp!

  • che voglia dire che sabato ci sarà da soffrire ma si potrà recuperare in gara?

    • Ma, secondo me non fa riferimenti del genere, dice che le cose dal sabato alla domenica possono cambiare radicalmente, stop, a mio avviso nemmeno lui sa esattamente come stanno le altre scuderie, ma sicuramente c’è chi ha lavorato anche per la qualifica e chi questo non lo ha fatto e lui il miglior tempo non lo ha certamente ottenuto sul giro singolo, quindi non ha lavorato per la qualifica, poi noi ferraristi potremmo anche avere una gradita sorpresa, ch sa…..

    • bhè, questo io l’ho già messo in conto.

  • KingSchumy

    @Redazione, credo ci sia un errore nella frase “Qualche giorno in più non sarebbe stato utile, visto quante cose sono cambiate in questa stagione.”
    C’è un “non” di troppo.

  • gli scorsi anni era l’aereodinamica a farla da padrone nei prossimi anni saranno i motorini della lego.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!