Chris Pook: “Long Beach nel calendario di F1 entro il 2016″

21 marzo 2014 13:22 Scritto da: Giacomo Rauli

Il progetto per riportare Long Beach nel calendario di F1 prosegue e l’obiettivo dei promotori del Gran Premio è quello di avere la terza gara negli Stati Uniti entro il 2016

Long-BeachI promotori del possibile Gran Premio di Long Beach fanno sul serio. Il progetto di riportare il tracciato statunitense in calendario di Formula Uno è avviato e dal 2016 potremmo avere ben tre gare sul territorio federale degli Stati Uniti.

I dieci milioni di dollari che servirebbero per la dovuta ristrutturazione del tracciato e delle strutture circostanti sarebbero pagate dal gruppo di promoter che hanno preso carico del circuito, senza influire sull’economia della cittadina e dello stato americano. Le spese indirette, a carico dello stato della California, sarebbero del tutto ripianate dagli introiti del Gran Premio.

Il circuito, oltre alla sicura ristrutturazione, avrebbe bisogno di ulteriori infrastrutture, dedicate allo svolgimento di eventi inerenti al Gran Premio ma utilizzabili anche per appuntamenti di contorno. I promoter hanno assicurato che le nuove strutture sarebbero poi lasciate in utilizzo al comune della città nell’arco dell’intero anno, eccezione fatta per il fine settimana che ospiterebbe il Gran Premio.

I proventi dell manifestazione dovrebbero derivare in gran parte dal flusso di appassionati accorsi da ogni stato della federazione americana. Infatti, stando a ricerche compiute dal pool di persone che porta avanti il progetto di Long Beach, il novantotto per cento di tifosi arriverebbe da fuori città (ma anche fuori dagli Stati Uniti), mentre solo un due per cento sarebbe rappresentato dai residenti della cittadina californiana che si affaccia sull’Oceano Pacifico.

Chris Pook, responsabile dei promotori del possibile Gran Premio californiano, ha fatto sapere di aver intenzione di inserire Long Beach nel calendario di Formula Uno entro il 2016, portando così a tre le gare svolte sul suolo statunitense. Il tracciato situato sulla costa ovest degli Stati Uniti si aggiungerebbe al circuito della capitale texana, ossia Austin e l’enigmatico appuntamento del New Jersey, ormai rimandato da troppi mesi. Ricordiamo che nel suolo americano si corrono altri due GP, ovvero quello del Canada (Montreal) e del Brasile (Interlagos), con la possibile prossima aggiunta di una gara a Città del Messico.

3 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!