L’ex segretario FOTA: “La F1 avrà presto una crisi”

22 marzo 2014 15:28 Scritto da: Davide Reinato

L’ex Segretario della FOTA è convinto che la mancanza della associazione dei team porterà una bufera in F1.

fotaOliver Weingarten, per il grande pubblico, è un nome che non trova immediatamente un volto. Ma chi ha avuto il piacere di partecipare ad uno dei FOTA Fans Forum in giro per il mondo, sicuramente ricorderà. Stiamo parlando proprio del segretario dell’associazione dei team (Formula One Team Association), sciolta ufficialmente all’inizio di quest’anno.

Weingarten è convinto che lo scioglimento dell’associazione dei team porterà, in un futuro neanche troppo lontano, ad una nuova burrasca in Formula 1. “Penso che le squadre abbiano un fisiologico bisogno di lavorare insieme in questo ambiente, perché si possono facilmente raccogliere risultati a loro beneficio. Che sia sul lato commerciale, sportivo o di governance, non c’è dubbio che una crisi è dietro l’angolo”, ammette.

La parabola discendente della FOTA iniziò già al termine el 2011 quando scoppiò la polemica sul taglio dei costi. In quel periodo, la Red Bull Racing finì sotto accusa per avere ignorato il Resource Restriction Agreement. Non potendo venire a capo della questione, il team di Milton Keynes lasciò l’associazione, tirandosi indirettamente dietro anche Ferrari, Sauber e Toro Rosso. Una vera e propria condanna a morte per la FOTA che, però, è riuscita ad andare avanti praticamente fino ai primi giorn idi marzo.

“Quando sono entrato nella FOTA – racconta Weingarten – le squadre erano nel pieno della discussione sul controllo dei costi. La questione ha creato molti attriti tra i membri. Non potevo far nulla: alcuni team hanno lasciato e sono andati a stringere accordi bilaterali con i detentori dei diritti commerciali. Inutile negare che l’uscita di Red Bull e Ferrari abbia avuto un impatto notevole su di noi e anche la gente percepiva che la FOTA non era più così forte come quando era stata costituita. Abbiamo portato avanti un gran numero di attività, non solo per i suoi membri, ma per tutte le squadre, anche quelle che erano uscite”.

Ora che le squadre sono tornate a non avere un’unica voce, l’ex segretario della FOTA prevede guai in vista: “Avevano bisogno di un tavolo intorno a cui coalizzarsi, discutere dei problemi senza che la FIA o la FOM fossero forzatamente presenti. E al di là di tutto, chi si occuperà ora di coinvolgere i tifosi? Chi sarà il punto di riferimento che tratterà con gli organizzatori delle gare per aiutarli nella vendita dei biglietti? Chi porterà le show car per promuovere i gran premi in città? “.

13 Commenti

  • Secondo me i costruttori hanno fatto male a non continuare per la loro strada con la FOTA.
    Mi dispiace vedere come nelle mani delle FIA la F1 stia peggiorando anno per anno…

  • La Fota haimè era solo un esercizio di politica andato come è andato…male!

    • Alessandro HAMALORAI

      Intanto sembra che in Ferrari siano già saltate 2 teste che lavoravano al progetto di Kers ed ERS.
      Mentre Marmorini è rimasto al suo posto.

      Sembra quasi un segno tangibile che i problemi Ferrari siano tutti di natura elettrica ed elettronica.

  • Cari ragazzi,voi non ricordate quando la Fota,capitanata dalla Ferrari, fece calare le braghe al sign. Mosley
    Diciamo che la Fota é servita per degli scopi,poi in seno ad essa ognuno ha fatto i propri interessi,e di fatto é morta per assurdo proprio grazie al “gentlemen aagrement” ,termine coniato dagli inglesi ma.disatteso proprio da loro…
    Questa é storia,chi la ha conosciuta dovrebbe sapere come sono andate le cose.
    Meditate gente,meditate.

    • scusa ma senza lo scandalo, mosley, col cavolo che se ne andava (o meglio, si riusciva a mandarlo via).
      Per il resto hai detto quello che ho detto io, la fota aveva degli scopi, belle parole, ma quando c erano da fare i “fatti” e andare anche contro i propri interessi, la parola data non aveva piu molto valore.

      • Mosley é andato via per lo scandalo,come dici tu.
        Io mi riferisco a quando voleva imporre un tetto ai budget che era una cosa ridicola per lo standard della f1.

      • In quella situazione la Ferrari fu in prima fila,tant’é vero che ad un certo punto non risultava iscritta al mondiale,ma lo ricordo solo io?

      • Con lo smartphone é troppo macchinoso,cercheró di linkare qualcosa,se non andró in moderazione.

      • Come non detto,per chi vuole approfondire basta cercare”Ferrari-Mosley”

    • MotoreAsincronoTrifase

      Mosley ha fatto tutto il possibile per essere cacciato e poi grazie allo scandalo come detto ci e’ riuscito. Fota o non fota se non fosse stato cosi’ idiota adesso sarebbe ancora li e i motori uguali. In fondo tra il motore unico e il congelamento di motori piu’ o meno simili cambia poco, parlo dei v8. Fota o non fota le cose sarebbero andate lo stesso cosi’, mosley sclerava troppo con i motori unici.

  • Onestamente non ho mai capito a cosa realmente servisse sta “fota”. Mi sembra fosse solo un gruppo dove si parlava bene, ma appena c erano da fare i “fatti”, i discorsi cadevano tutti. Detto questo, il mondiale si è sempre svolto anche prima della fota, quindi non capisco che problemi si fa questo signore.
    (se ci sarà una crisi, e ci sarà bisogno di fare “qualcosa” in piu, uno modo lo troveranno di sicuro per mettersi d’accordo..)

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!