Libere Malesia: a Sepang la Red Bull è veloce e affidabile

28 marzo 2014 13:24 Scritto da: Giacomo Rauli

La scuderia quattro volte iridata sembra aver fatto un ulteriore passo avanti nell’affidabilità e la RB10 risulta tra le monoposto più veloci del lotto. Vettel intanto torna a sorridere

Sebastian Vettel Red BullLa Red Bull comincia a fare paura ai diretti avversari per i titoli 2014. Se nei test invernali la RB10 era risultata tra le vetture più fragili, con l’inizio del mondiale il team di Milton Keynes ha ritrovato affidabilità che ha permesso di poter esprimere tutto il potenziale della nuova monoposto affidata a Vettel e Ricciardo.

Dopo il podio conquistato in pista da Ricciardo nella gara inaugurale di Melbourne (poi revocato per eccessivo consumo di benzina nel corso della prima prova del mondiale) le RB10 numero uno e tre hanno iniziato a macinare chilometri sin dal primo turno di prove libere a Sepang, andate in scena questa mattina.

I due piloti Red Bull hanno chiuso rispettivamente al dodicesimo e al settimo posto, ma è nella seconda parte delle prove del venerdì, che Ricciardo e Vettel hanno mostrato un buon potenziale. Il campione del mondo in carica ha ottenuto il terzo miglior crono nella sessione pomeridiana, Ricciardo il settimo.

Le creature di Adrian Newey aveva già mostrato potenziale sul giro singolo, ma oggi le Red Bull sono apparse competitive anche sul passo gara. Certo, Mercedes e Ferrari sembrano più performanti, ma il team britannico sembra sulla strada giusta per tornare ai livelli imposti nell’ultimo lustro.

Vettel è tornato a sorridere, dopo i primi mesi cupi del 2014. “Devo dire che oggi è stata una buona giornata per noi. Ovviamente il venerdì non è un giorno troppo significativo, ma abbiamo potuto ricavare dati importanti per lo sviluppo della vettura e per l’assetto ideale da utilizzare tra qualifica e gara. Abbiamo ancora qualcosa da sistemare per quanto riguarda il software che gestisce la power unit Renault, ma stiamo sistemando quello che non è andato bene. Sono abbastanza felice“.

Del medesimo avviso anche Daniel Ricciardo:Penso che il team abbia appreso molto nelle due sessioni di libere di oggi. Siamo abbastanza contenti dei progressi che abbiamo mostrato di aver fatto in questi giorni. Siamo andati bene sul giro singolo, mentre sui long run dobbiamo ancora lavorare per trovare il giusto compromesso. L’umidità risulta al momento la nostra più grande sfida, ma per ora sta procedendo tutto bene“.

3 Commenti

  • dai retta a me max, gran macchina!

  • Credo sia abbastanza ovvio che la Red Bull, dal punto di vista prestazionale, sia al top anche quest’anno. La grande superiorità dimostrata negli anni scorsi sul pacchetto aerodinamico e meccanico nei confronti della concorrenza, dimostra che i progettisti sanno, meglio degli altri, come far lavorare tutti i componenti della vettura. Ne consegue che nello sviluppo della vettura nuova, pur partendo da un foglio bianco, abbiano avuto come riferimento i dati di efficienza della macchina dell’anno scorso che ha surclassato la concorrenza. Il lavoro quindi si è concentrato sul ritrovare, o almeno avvicinare quella efficienza, con i limiti imposti dai nuovi regolamenti. Gli altri invece hanno dovuto lavorare non solo per questo intento, ma anche con l’obbligo di migliorarlo perché la Red Bull ha spostato l’asticella un po’ più su. Mercedes dal punto di vista prestazionale andava forte anche l’anno scorso, ma il degrado degli pneumatici le ha impedito di confermare quanto di buono fatto nelle qualifiche. La vera sfida quest’anno sarà l’affidabilità…

    • Da quello che ho visto durante le ultime libere la Red bull era veloce nel secondo settore, ma pagava tantissimo negli altri due, un pò come la Ferrari, con la differenza, però che la rossa nei settori più veloci si difendeva meglio, ciò vuol dire che ancora una volta hanno prediletto la percorrenza curva alla velocità e non so se questo paghi con gli attuali regolamenti, fatto sta che con il turbo avere un downforce esagerato può essere deleterio anche per le gomme, perchè quando vai di trazione e la macchina è schiacciata a terra, lo sfregamento delle gomme può farne aumentare troppo la temperatura, da qui maggiore usura e possibilità di blistering, come abbiamo potuto constatare.

      Poi ho come l’impressione che in Red Bull per migliorare la guidabilità si siano spinti troppo su determinati paramentri come ad esempio il camber o anche un certo assetto rake più accentuato che possono amplificare certi fenomeni.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!