Red Bull, ancora problemi sul sensore del carburante

28 marzo 2014 14:51 Scritto da: Davide Reinato

Anche nelle prove libere, la Red Bull di Ricciardo ha avuto un problema al sensore che misura il consumo istantaneo di carburante. Problemi simili in casa Toro Rosso: e Horner vuole un chiarimento immediato dalla FIA per evitare problemi simili a quelli già visti in Australia.

Chris Horner - Red BullAncora dati contrastanti tra i parametri della Red Bull Racing e quelli offerti dai sensori della FIA sul consumo istantaneo di carburante. Il limite dei 100 Kg per ora, superato in Australia e costato una squalifica a Ricciardo, è tornato ad essere un problema per la squadra di Milton Keynes che – durante le prove libere di oggi – ha avuto ancora problemi di correlazione dei dati.

La squadra ha più volte ribadito il proprio pensiero su questi sensori, accusandoli di immaturità tecnologica e, nella giornata di oggi, pare se ne sia avuta l’ennesima prova.

Chris Horner, Team Principal della Red Bull, ha dichiarato: “Penso che dovremmo avere ancora delle conversazioni con Charlie Whiting prima della gara. Se vedremo ancora una discrepanza dei dati, cosa dobbiamo fare? Speriamo di poter concordare qualcosa di sensato. Abbiamo avuto un guasto sul sensore di Ricciardo questa mattina, così lo abbiamo prontamente sostituito con uno nuovo per il pomeriggio e avevamo risultati differenti. Dobbiamo sperare che stia leggendo i dati in maniera esatta e si comporterà allo stesso modo per tutto il weekend. Se non lo fa, ci ritroveremo nuovamente in una situazione imbarazzante. Dobbiamo lavorare a stretto contatto con la FIA, ma serebbe una beffa se ci trovassimo nella stessa situazione dell’Australia”.

Il Team Principal della Red Bull Racing  ha voluto precisare che non è solamente un problema della sua squadra, bensì coinvolge anche altri team sulla griglia di partenza: “Altre squadre hanno avuto lo stesso problema. Sappiamo che la Toro Rosso, questa mattina, ha avuto due guasti al sensore. Anche quello della Force India di Perez, in Australia, non ha funzionato per la totalità della gara. Abbiamo bisogno di un sensore che dia dati coerenti con quello che è il rail, è questo il fatto importante. Se la discrepanza fosse di 0,25%, ci si può convivere. Ma quando è il 2%, allora diventa una situazione insostenibile”, ha concluso.

36 Commenti

  • much ado about nothing…

    i sensori sono uguali per tutti, non hanno nulla da lamentarsi, stanno semplicemente sfruttando la situazione a loro favore per far abolire la regola, come ha dichiarato oggi horner.

    siete i soliti truffaldini, imparate lezioni di stile dal cavallino

  • Io non bevo più la RedBull da almeno 3 anni.
    Sarà anche una soddisfazione scema ma almeno cerco, nel mio piccolissimo, di far capire che chi combatte in modo antisportivo non è simpatico e che gli sponsor di gente che non rispetta le regole rischiano di vedere il loro marchio danneggiato.

  • Whiting è stato molto chiaro la tolleranza è dello 0,5% se una scuderia ci dati onesti siamo pronti a collaborare . Credo che la frase dica tutto.

  • Horner se vedi delle discrepanze la sai benissimo cosa dovete fare, rallentare come hanno fatto tutti!

    E’ finito il tempo del fiocco rosa in testa! Fatti un giro sui blog tedeschi e inglesi, vedrai che anche loro non ne possono di più delle vostre polemiche!!!

  • MotoreAsincronoTrifase

    Premesso che non tifo red bull e non mi sono neanche piu’ di tanto simpatici non capisco proprio perche’ si deve attaccarli a priori. Se tutti si lamentano di qualcosa e la red bull si lamenta poi della stessa cosa improvvisamente quella cosa e’ buona e la red bull e’ ladra. Anddatevi a rileggere un po’ le news dell’inverno e vedrete che questi sensori non hanno mai funzionato e destavano preoccupazione in tutte le squadre. Nei commenti poi tutti si lamentavano di questi sensori che avrebbero potuto dare problemi. E se dite che solo loro hanno misteriosamente questo inconveniente vi invito a leggere l’elenco delle squadre con lo stesso problema. Il fatto e’ che solo loro hanno tenuto testa alla fia.

    • Il problema qui non è la difettosità o meno del sensore, il problema è che un team (Red Bull) vuole andare OLTRE le regole UGUALI PER TUTTI (come già fatto ampiamente negli anni passati, sia chiaro,)non adeguandosi a dei dettami a cui altri team che hanno patito le stesse difettosità si sono, loro malgrado, adeguati.
      Questa si chiama anarchia, arroganza, strafottenza, o come altro volete chiamarla.
      Se vogliono collaborare, insieme a tutte le altre squadre, possono farlo, se invece vogliono fare come il bimbo capriccioso che dice “il pallone (in questo caso i taaanti soldi di sponsorizzazione) è il mio e chi gioca e come lo decido io!”, beh, allora è meglio che si dedichino al calcio magari!

      • MotoreAsincronoTrifase

        questo e’ vero. Ma non capisco perche’ nessuno dica niente di questi sensori, eppure sono mesi che tutti i team dicono che non sono affidabili. Prima tolgono questa regola e meglio e’.

  • se per tutti è uguale non vedo perchè loro sono gli unici a non poterci convivere… magari si beccano una squalifica per tutto il campionato

    • MotoreAsincronoTrifase

      anche il kers e’ uguale per tutti ma solo alla ferrari non l’hanno fatto usare per i primi giri. Personalmente apprezzo piu’ chi lotta come i bibitari che chi si cala le braghe come domenicali.

  • Luke Flaming

    Quindi con questo vorrebbero dire che i tempi li hanno fatti ancora con i parametri sballati e non con quelli regolari? va beh non me ne frega, mi frega invece che in gara questi si inventeranno ancora la stessa sucsa,andranno per cavoli loro e la FIA non dirà nulla, e poi lo rifaranno di nuovo in bharein fino ad arrivare al processo. E poi se vinceranno il ricorso tutti i team se lo prenderanno per l’ennesima volta in quel posto perchè tutti hanno voluto rispettare i regolamenti e loro invece no.

    • MotoreAsincronoTrifase

      infatti la fia non ha fatto nulla in australia. Non credo che stavolta non rispetteranno l’rdine fia poiche se li hanno squalificati una volta lo faranno ancora ecc. Se vinceranno il ricorso presso il tribunale internazionale e’ solo perche’ presenteranno delle prove che dimostrano che avevano ragione, prove che saranno visibili anche alle altre squadre.

  • E guarda caso i problemi li ha sempre la Banda del Buco.

    • MotoreAsincronoTrifase

      che io sappia questo problema l’hanno avuto 5 scuderie su 12. Soltanto che solo loro hanno protestato.

      • Più che protestato, sono andati contro le disposizioni FIA, cosa invece fatta dagli altri. Non è con queste ripicche che la Red Bull può contribuire a migliorare la situazione.
        Anzi, penso proprio che mirino ad abolire il sensore, o a far alzare il valore del limite di flusso, per il proprio tornaconto personale, per tornare a vincere.
        Come dissi già in passato, in Formula 1 la politica è sempre stata una presenza forte, ma ora credo che si stia oltrepassando il limite.
        In questo modo il “giocattolo” si romperà inevitabilmente.

      • MotoreAsincronoTrifase

        se e’ cosi’ speriamo che ci riescano. La regola dei 100 kg/h e’ ridicola.

  • notizia bomba, il genio di newei a trovato il modo di riprodurre l’effetto coanda, a messo il flussometro nel popò dei piloti, guidano a bocca aperta e scaldanio l’aria che confluisce nel popò dove c’è il flussometro, il flussometro è collegato tramite tubo drs che sfoga nel diffusore, ecco spiegate le discrepanze di dati, ricchiardo mangia i fagioli in umido che energizzano troppo i gas di scarico, mentre vettel mangiando ceci e carciofi rientra nei parametri!!!!! ecco xchè vettel considera la nuova f1 schit, povero cecio là tutta nel popò

  • contebaracca

    mi procurano il vomito…

  • Ma tanto quest’anno non la spuntano, i crucchi devono vincere…

  • Non è che Horner non abbia ragione.. se i sensori fanno schifo bisogna trovare una soluzione..

    Ma cioè non toglie che se c’è una regola seppure stubida, mal pensata, inapplicabile, ne parli al momento opportuno nelle sedi opportune, non in pista durante il primo GP quando la tua squadra sta facendo schifo. E se infrangi la regola.. paghi..

  • non cìè niente da fare!!!!
    ogni caXXo di anno ne trovano una..
    loro, se stanno in difficoltà, trovano la parte deboel del regolamento e beatamente fottono tutti gli altri..cominciano a fare casinoe alal fien la spuntano..

    io vi voglio dire una cosa..
    questa storia dei sensori è strana.
    perchè se ne lamenta solo al squadra che è stata più in difficoltà durante i tests??

    in qualche modo red bull ha trovato la maniera di far funzionare quel cesso di motore che hanno..ma per farlo non possono rispettare il limite dei 100kg/h.

    loro deliberatamente rubano e fregano..
    tutto questo casino è finalizzato a far abolire il limite..perchè a lorod a fastidio..
    e penso che alla fine ci riusciranno..

    d’altronde il recupero miracoloso dai etst all’ australia è quanto meno strano..ed è stato ottenuto con scelte non regolamentari..

    se ci riescono questo è il 5^ mondiale rubato..

    vediamo che si rompe le paXXe prima..la FIA o noi tifosi..

  • E’ patetico che voglia coinvolgere anche altre squadre, vada per la Toro Rosso, visto che appartiene alla stessa famiglia, ma sappiamo già chi è che non ha voluto ascoltare la FIA, in ogni caso la discrepanza di dati si verificherà sempre e comunque se la vai a cercare, quindi sostituisci anche 100 sensori fino a quando non trovi quello che fa per te ma non dire che sono TUTTI sballati, sai bene che non è vero.

    In ogni caso credo che Horner sia obbligato a seguire la sua tesi, perchè se accettasse subito e passivamente le imposizioni della FIA ammetterebbe implicitamente di avere torto, mentre se le mettesse in discussione ancora una volta comportandosi anarchicamente rimedierebbe altre squalifiche con matematica certezza, quindi non deve fare altro che continuare a dire che i sensori sono sballati. Un comportamento piuttosto puerile direi.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!