Ferrari, miglioramenti a Sepang. Alonso 4°, Raikkonen 6°

29 marzo 2014 12:33 Scritto da: Valeria Mezzanotte

Un bel giro di Alonso sotto la pioggia e uno straordinario intervento dei meccanici sulla sua vettura portano lo spagnolo in quarta piazza sulla griglia malese. Raikkonen migliora il proprio feeling con la F14T, ma è 6°.

KUALA LUMPUR (MALESIA) 28/03/2014  © FOTO STUDIO COLOMBO X FERRARINelle caldo malese, volti più distesi in casa Ferrari rispetto a quelli due due settimane fa: il lavoro da fare per raggiungere le posizioni di vetta è ancora tanto, il muretto è stato ancora una volta lento nell’interpretare le condizioni della pista, e le prestazioni viste sul bagnato devono sempre essere prese con le molle, ma per il momento si può dire che tra le Rosse viste a Melbourne e quelle di Sepang i miglioramenti si vedono. Fernando Alonso, nonostante qualche brivido di troppo nel Q2, e grazie ad uno straordinario lavoro dei suoi meccanici che riescono a rimetterlo in pista rapidamente dopo un contatto con Kvyat, si porta in seconda fila, in quarta posizione alle spalle delle Mercedes e dell’eterno rivale Sebastian Vettel. Per la seconda volta, comunque, lo spagnolo vince il duello in casa con Kimi Raikkonen: il Campione del Mondo del 2007 è infatti sesto, con un secondo di distacco dal compagno di squadra.

Fernando Alonso scende in pista rapidamente nel Q1, mentre Kimi Raikkonen attende qualche minuto in più nei box. Sotto la pioggia fanno segnare tempi sensibilmente più alti delle Mercedes, ma ampiamente sufficienti per arrivare alla seconda fase: 1:58.889 per Alonso, 5°, e 1:59.2257 per Raikkonen, 7°.

Nel Q2 i ferraristi optano per delle gomme intermedie a differenza della maggior parte dei rivali. Come in Australia, però, quella del muretto si rivela essere la scelta sbagliata: Raikkonen comunica rapidamente nel team radio che è necessario passare alle full-wet. Anche Alonso si avvia ai box, ma prima di poterli raggiungere finisce largo alla curva 9 e, forse colpa della scarsa visibilità, rientra con troppa fiducia in traiettoria, senza accorgersi dell’arrivo dell’esordiente della Toro Rosso Kvyat: il pilota russo prosegue infatti sull’interno della curva ed il contatto è inevitabile. È la F14T ad avere la peggio, con la rottura della sospensione sinistra. Il Vicecampione torna lentamente ai box, mentre la qualifica viene temporaneamente sospesa per permettere ai commissari di recuperare i frammenti della Rossa lasciati sull’asfalto. Per qualche istante il sabato del pilota di Oviedo sembra concluso, ma il lavoro degli uomini di Maranello è encomiabile, e oltre ogni previsione riescono a riparare il braccetto dello sterzo in meno di 4 minuti. Dopo il ripristino della sessione, quindi, Alonso torna in pista, e sotto la pioggia battente i piloti del Cavallino riprendono la corsa al Q3 – mentre dalla direzione gara fanno sapere che l’incidente tra lo spagnolo e Kvyat sarà indagato dopo la qualifica. Raikkonen fa segnare un primo tempo con cui scivola fino alla decima posizione, prima di far registrare un 2:01.532 che gli vale la settima piazza. Il tempo di Alonso è invece 2:01.356, con cui ottiene la sesta posizione. Al termine della sessione Kimi Raikkonen sceglie di restare ai box, a differenza del compagno di squadra che torna in pista per un ultimo tentativo, senza però migliorarsi ulteriormente.

Raikkonen è il primo a scendere in pista nell’ultima fase delle qualifiche di Sepang, e completa il suo primo run in 2:01.218, rapidamente battuto dalla solita Mercedes di Lewis Hamilton. Alonso chiude il primo giro in 2:00.175, riuscendo a tenersi dietro, per cinque millesimi, la W05 di Rosberg. Un Iceman concitato avverte il muretto del cattivo stato delle proprie gomme anteriori, ed entrambi i ferraristi effettuano un pit stop per montare un nuovo set di full-wet e lanciarsi per un ultimo giro. Nessuno dei due riesce però a migliorare il proprio crono. Raikkonen resta sesto, mentre Alonso viene superato all’ultimo istante da Nico Rosberg, e scivola quindi in quarta posizione. Comunque un risultato soddisfacente per lo spagnolo, che agguanta la seconda fila.

E lo spagnolo si presenta infatti ai microfoni sereno, con un sorriso che, dopo una qualifica, i ferraristi non vedevano da molto tempo: Il lavoro dei meccanici è stato veramente incredibile, devo ringraziarli tantissimo perché in tre minuti hanno cambiato la sospensione. Si parla tanto di queste macchine così difficili da riparare, ma i nostri ragazzi sono davvero ben allenati, hanno fatto un lavoro super. È stato un brutto incidente, ed è strano farne uno così in un giro di rientro, c’erano condizioni molto brutte, ma siamo riusciti a tornare in pista anche se la macchina non era perfettamente riparata: riuscivo a spostare lo sterzo con un dito nelle curve a destra, in quelle a sinistra facevo fatica usando entrambe le mani. Sicuramente c’è qualcosa da sistemare sulla convergenza. Parlando delle prestazioni viste in pista, Alonso torna più serio. Già concentrato sulla gara di domani, vede dei miglioramenti della Ferrari rispetto ad alcuni rivali, anche se gli uomini di Stoccarda continuano ovviamente ad avere un vantaggio enorme: ”Ieri la Mercedes ha girato con molta più benzina, abbiamo visto già stamattina nelle libere che erano un secondo più veloci. Sull’asciutto sappiamo che sarà difficile avvicinarle. Le altre squadre sono più vicine: non abbiamo più la McLaren o la Williams davanti, come invece è successo in Australia. Cerchiamo di lottare per il podio, credo che dalla quarta e settima posizione possiamo provarci. Dobbiamo avere una gara senza problemi: abbiamo visto a Melbourne che l’affidabilità è importantissima, e non possiamo ancora essere sicuri al 100% che vada tutto bene”.

Meno tranquillo Kimi Raikkonen, che commenta così la propria sessione: ”Sono state qualifiche difficili, avevo pochissima aderenza e continuavo a slittare lungo la pista. Alla fine il risultato va bene, sicuramente meglio della scorsa gara. Ho più confidenza con la macchina, anche se è piuttosto simile a quella di Melbourne. Nei prossimi GP arriveranno altri aggiornamenti e potremo ancora migliorare. In questo weekend intanto la situazione è insidiosa con queste condizioni, vedremo come sarà domani”.

Ovviamente Stefano Domenicali guarda già alla gara, dopo aver elogiato i propri meccanici: ”Abbiamo dovuto cambiare un tirante, i ragazzi hanno fatto un lavoro straordinario in condizione estreme, non era assolutamente facile. I nostri meccanici sono straordinari, in questo sappiamo di avere un vantaggio su tanti altri. Quanto ai risultati, dobbiamo essere soddisfatti anche se gli altri vanno forte. Partiamo dal lato pulito, e l’importante è essere lì. Peccato per il terzo posto, ma all’ultimo giro Rosberg è andato forte”.

In attesa delle decisioni dei commissari sull’episodio Alonso-Kvyat, la Ferrari quindi riparte da Sepang con l’obiettivo podio. Pioggia permettendo.

25 Commenti

  • Lo so mi ripeto sono orgoglioso di essere tifoso Ferrari oggi nel Q2 son stati STREPITOSI,questa é la dimostrazione che non molleranno fino alla fine.E non vedo perché lo dovremmo fare noi tifosi FORZA FERRARI SEMPRE.

  • Lodi alla Ferrari, solo lodi! Sul tratto guidato e sui curvoni siamo i migliori al pari di red bull, segno che hanno capito,forse grazie ad allison, dove sbagliavano approccio sull’aerodinamica l’anno scorso. Devono tirare solo fuori il meglio dalla PU per potersela giocare contro il mega investimento che ha fatto il colosso Mercedes! Forza Ferrari!

  • Domani due davanti rompono e guadagniamo due posizioni…. 😉

  • mimmo stigazzi

    Adesso abbiamo capito perchè alonso era una pippa in qualifica. Aveva lo sterzo troppo preciso!

  • Io volevo solo riportare un mio vecchio commento, perchè ora sono tutti qui a lodare le capacità di recupero della Red Bull, ma a mio avviso i problemi patiti durante i test nascondevavano qualche tentativo di utilizzare le unità elettriche a fini diversi da quelli previsti, forse a ricreare una sorta di T.C., ma evidentemente le cose non sono andate come previsto per cui in RBR hanno dovuto fare un passo indietro, ma visto e considerato che non si poteva riprogettare ex novo la vettura, la hanno adattata aumentando l’assetto rake (e si vede) ed aumentando l’inclinazione delle appendici aerodinamiche, in questo modo hanno una vettura che è ancora stabilissima in curva, ma nei tratti veloci hanno bisogno di una maggiore spinta propulsiva, da qui la necessità di avere dei picchi di consumo “maggiori”, tuttavia in queste condizioni “estreme” fino a quando le condizioni meteo lo permettono si possono difendere, anche utilizzando degli assetti particolari, ma quando si arriverà nei G.P. più caldi cosa faranno???

    Naturalmente è solo una ipotesi, ma vedremo col tempo….

    • ehm, scusate ho postato sull’articolo sbagliato…

    • per me mercedes ha un tc, anche capelli nella telecronaca rai faceva notare che ‘ l’unica vettura che in alcune curve non slitta con le gomme, evidentemente sono riusciti tramite mgu-h e mgu-k a trovare il buco per inserire il famigerato tc, che aveva rbr lo scorso anno, a voglia a spendere per gallerie del vento se poi hai il tc…..sveglia ferrari….

      • io stesso sono stato uno dei primi ad ipotizzarlo nei test invernali….è assolutamente più che plausibile vista la mole di centraline che gestiscono tutti i vari sistemi

      • In effetti inserire un TC con tutta questa elettronica non dovrebbe essere così impossibile… Alla Ferrari dovrebbero capire che, dopo 5-6 anni passati con difficoltà a scaricare la potenza all’uscita dalle curve lente, forse pensare ad un TC potrebbe non essere male…

  • Io mi ritengo soddisfatto della prestazione. ..anzi nn mi sarei aspettato a 7decimi…peccato x acemen ma sono sicuro che entro due/tre gare sarà un osso duro…cmq bella reazione della ferrari in due settimane si vede che è meglio dell’Australia. ..ora speriamo in un buo risultato e poi tocca Bahrain, dove spero che la Ferrari porterà aggiornamenti sostanziosi. ..W Ferrari

  • Peccato per la toccata in q2 di Alonso: con la vettura a posto avrebbe potuto fare meglio.
    Detto ciò buona qualifica di entrambi: sono li davanti e se la gara dovesse essere una lotteria potranno “partecipare” anche loro non essendo troppo lontani dai primi.

  • beh meglio di melbourne anche io mi allineo con ryudoctor,potete anche non vincere o andare a podio, ma avete dimostrato almeno di reagire. dove siamo?, ma difficile dire, viste le prove dietro mercedes sicuro ma forse anche rbr. dico forse perche’ c’e’ sempre il sospetto che sia illegale, io lo penso. il riferimento e’ mercedes, non e’ solo la p.u tedesca, fosse solo quello sarebbe piu’ facile, le altre scuderie con la stessa p.u arrancano. credo sia una completa sublimazione di telaio, motore e tecnici. c’e’ anche da dire che sono davanti con lo sviluppo,ad ogni gp portano aggiornamenti anche se piccoli, e migliorano. ferrari ha ancora la p.u non a livello mercedes e telaio e aerodinamica da sviluppare in grande fretta,non chiediamo la vittoria ad oggi non e’ possibile, ma uno sforzo di menti e tecnici per sviluppare diverse soluzioni, sperem.

  • comunque mancano ancora una decina di km/h per essere a livello mercedes….raikonnen ha parlato di aggiornamenti anche nelle prossime gare, speriamo che riescano ad implementare queste benedetto software e trovare potenza

  • Ripeto per me potete anche non vincere o far podio..ma sto vedendo una ferrari che vuole riprendersi..AVANTI cosi ROSSA!

  • Guardate che Raikkonen è sesto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!