Malesia: la review tecnica

1 aprile 2014 16:43 Scritto da: Mario Puca

Poche le novità tecniche viste sul circuito di Kuala Lumpur. Mercedes e McLaren le squadre più attive dal punto di vista degli sviluppi.

Lewis Hamilton - Mercedes W05Quello della Malesia può essere considerato il primo vero Gran Premio della stagione, il primo che abbia realmente mostrato i valori in campo delle varie squadre. Tuttavia, i team sono evidentemente impegnati sul funzionamento delle rispettive power unit, che richiedono tutte ancora molto lavoro di messa a punto, sia per tirare fuori il massimo delle prestazioni possibili, sia per risolvere comprensibili problemi di gioventù.

Ed è così che ai box del circuito malese si contano praticamente su due mani le novità tecniche più interessanti, in gran parte volte a favorire lo smaltimento di calore generato delle unità motrici. La squadra più attiva, non solo dal punto di vista del raffreddamento, è stata la Mercedes, che ha portato il maggior numero di novità. Innanzitutto, un cofano dotato di sfogo maggiorato (FOTO) e diverso nella parte superiore, più aderente all’air-box interno (FOTO). Sempre riguardo al posteriore, inoltre, la W-05 ha mostrato un diffusore ancora modificato nella parte centrale, dove sono stati applicati dei piccoli slot (FOTO).

Quanto all’anteriore, il team tedesco ha modificato i turning vanes sotto scocca, ora dotati di slot a tutta lunghezza e dritti (FOTO), e l’inedito profilo orizzontale (già soprannominato dagli inglesi “bat-wing” – FOTO). Entrambi i piloti, inoltre, dopo aver collaudato i due tipi di ali anteriori a disposizione, hanno optato per quella vecchia, dotata di alcuni piccoli profili verticali utili a migliorare lo scorrimento dei flussi e ad evitare che i trucioli di gomma si incastrino tra i vari profili (FOTO).

muso mcLa novità più interessante l’ha portata la McLaren, che ha utilizzato un muso completamente nuovo (FOTOFOTO). Si tratta di una chiara evoluzione del disegno di inizio campionato, che mira ad estremizzare il concetto di base per far confluire più aria al di sotto della vettura (FOTO). Degna di nota, inoltre, l’ala anteriore, che pur non presentando novità, ci è stata mostrata nella sua parte inferiore, con ben quattro profili verticali incurvati per indirizzare al meglio i flussi in transito (FOTO). Novità relative alla parte centrale della monoposto, dove è comparso uno sfogo situato lateralmente tra fondo e pance, per favorire il raffreddamento delle componenti interne della vettura (FOTO – FOTO). Niente griglie e nolder per la parte terminale del cofano (FOTO).

Caterham - Lotus - Red BullUn po’ di novità anche in casa Lotus, che ha portato un nuovo diffusore, completamente diverso da quello utilizzato fin ora (FOTO). Le differenze sono tante, iniziando dal bordo laterale, non più squadrato ma leggermente inclinato; diverso anche il Gurney flap, non più a tutta lunghezza ma più corto del bordo del diffusore.  Totalmente diversi i profili verticali nella parte inferiore, sia nel numero che nella posizione, così come la parte centrale, meno bombata. Piccola novità anche riguardo al cofano asimmetrico, ora dotato di nolder sul solo lato sinistro. Solo novità di dettaglio per l’avantreno, riguardo la parte interna degli pneumatici anteriori, ora dotata di tre piccole pinne orizzontali e priva della presa d’aria sporgente (FOTO).

Quanto alla Ferrari, sulla F14T è stato utilizzato solo un cofano con sfogo maggiorato per migliorare lo smaltimento del calore proveniente dalla power unit di Maranello (FOTO), mentre il resto della monoposto (almeno per quanto riguarda la parte esterna) ha mantenuto la configurazione già vista in Australia.

Stessa cosa riguardo alla Red Bull, che ha modificato soltanto la parte alta dei flap dell’ala anteriore, aggiungendo un’ulteriore ripartizione tra i profili (FOTO – FOTO). Williams ha dotato la FW36 di un cofano provvisto di nolder come McLaren e Mercedes (FOTO).

Novità di dettaglio anche per la Sauber, con un’ala anteriore dotata di un flap più scarico (FOTO), mentre nessuna novità rilevante per Force India, Caterham e Marussia.

Tech gallery del Gp della Malesia

12 Commenti

  • la cosa che fa paura è che sono avanti di due secondi al giro ne sono quasi sicuro……..siamo caduti dalla padella alla brace.

    Domenziali …..ma come fai ad avere ancora il posto????

  • sono lucidissimo, non ho bevuto e non è un pesce d’aprile
    dalla cina si inizia a correre e la ferrari vincerà il mondiale piloti

  • Sul fatto che il campionato della Ferrari comincerà in Cina lo dico da 10 giorni cioè da quando venerdì non ho visto il che ben minimo aggiornamento in Malesia,ma che vincerà il mondiale queste sono cose da santo bevitore.

  • ragazzi segnatevi questa data 01 APRILE 2014

    il campionato piloti lo vincerà ALONSO

    dalla CINA in poi si inizia a correre!!!!

    P.S. non è un pesce d’aprile.

  • Mah a me più che altro sembra un’ulteriore conferma che a livello di sviluppo sono decisamente più avanti.. Portano soluzioni di raffinamento.. Limano la prestazione.. A lungo termine io vedo la RB avere un potenziale di sviluppo notevolmente maggiore… Anche della Ferrari penso lo stesso… Infatti credo che per loro l’obbiettivo in gara per il momento debba essere cercare di mettersi dietro le RB.. Ed è vero che in Malesia Alonso non ne aveva per passare Ricciardo in pista, ma è anche vero che quest’anno i sorpassi in pista sembrano essere piuttosto difficili per tutti.. Non giurerei sul fatto che Vettel o Ricciardo ne avessero avuto per passare lui.. E sul giro secco sull’asciutto, in prova, le prestazioni tra Ferrari e RB erano decisamente più livellate… Qualifiche sull’asciutto non se ne sono ancora viste…

    In sintesi.. Non ci metto la mano sul fuoco, non sono un veggente, ma già in Europa secondo me staremo qui a commentare il solito Vettel che ricomincia ad inanellare pole su pole, e il solito Alonso che tiene botta e si gioca le sue carte in gara come ha sempre fatto, probabilmente anche Kimi sarà in partita… Hamilton e Rosberg saranno sempre là.. Ma vedendo come si sta evolvendo la situazione secondo me il favorito per il campionato è ancora.. Ahimè per i poveri Ferraristi come me.. Il solito Vettel… La speranza è di essere lì a competere… In ogni caso rispetto a RB quest’anno sono più vicini rispetto allo scorso.. Anche se il potenziale di sviluppo del motore Renault ora è un grande punto interrogativo.. come del resto quello del Ferrari 😉

  • il dettaglio raggiunto alla mercedes mi fa pensare che lavorino proprio ad un altro livello

    • Probabilmente essendo più avanti nell’interazione tra motore endotermico e sistemi elettrici possono permettersi di concentrarsi più di altri sullo sviluppo aerodinamico.
      Quando i rivali della Mercedes risolveranno le tante problematiche connese all’interazione dei cari sistemi elettrici che compongono la Power Unit allora cominceranno a ridurre il divario con lo sviluppo aerodinamico.
      Per questo motivo non credo che il campionato 2014 sia destinato ad un totale dominio Mercedes.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!