Hembery: “In 10 punti, ecco come sono cambiate le Pirelli”

4 aprile 2014 22:00 Scritto da: Redazione

Pirelli fa il punto sulle gomme dopo i prime due Gran Premi. Ottimizzati Grip e Prestazioni. Le vetture girano di più nel weekend. Nelle libere del Bahrain, le Soft brillano per affidabilità. Si va verso una gara a due soste.

paul-HemberyIl direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha fatto il punto sulle caratteristiche del range di pneumatici 2014, in un incontro con la stampa accreditata in circuito, svoltosi oggi in Bahrain, dove le mescole P Zero White medium e P Zero Yellow soft sono le protagoniste del week end di gara.

Ecco in 10 punti le principali caratteristiche degli pneumatici sviluppati da Pirelli per il campionato in corso.

1. Più energia scaricata sulle gomme dallo slittamento

Pirelli ha innovato le mescole e i profili del range di gomme da asciutto per far fronte al maggior pattinamento e al minor carico aerodinamico. Paul Hembery: “Le vetture slittano di più quest’anno e ciò ha un effetto sulla prestazione degli pneumatici. L’energia trasmessa alle gomme dalle nuove vetture è inferiore solo del 5% rispetto allo scorso anno, ma invece che provenire dall’accelerazione laterale in curva, parte di questa energia proviene dallo scivolamento”. Il che comporta maggior degrado termico.

2. Ridotti i marbles in pista

Questo era uno degli obiettivi di Pirelli ed è stato centrato. Paul Hembery: “Ne abbiamo visto qualcuno in Malesia, ma non è un dato indicativo, essendo quella pista particolarmente abrasiva”.

3. Gomme da bagnato: minor aquaplaning e più prestazioni

Pirelli ha rinnovato le mescole e il disegno delle gomme wet. Paul Hembery: “In Malesia abbiamo notato che il punto di cross over (ovvero, il momento nel quale passare da una gomma all’altra) con le intermedie si è ravvicinato e questo rende la wet utilizzabile in più occasioni. Inoltre, non abbiamo avuto alcuna evidenza di aquaplaning. La gomma disegnata per questa stagione funziona addirittura meglio con le temperature più basse: nei test sul bagnato a Barcellona ha fatto registrare tempi sul giro inferiori di tre secondi rispetto alla versione precedente”.

4. Graining diminuito

Tutte le mescole impiegate finora in Campionato (solo la supersoft non è stata utilizzata) hanno mostrato meno graining. “Il fenomeno – ha spiegato Hembery – tende a sparire dopo pochi giri”.

5. Spiattellamenti spariti

Benchè il bloccaggio in frenata sia maggiore quest’anno, si vedono meno spiattellamenti grazie alle nuove mescole.

6. In media gare a 2 pit stop

Con così tante novità sulle vetture 2014, è stato solo in Malesia che la strategia pneumatici è davvero emersa. Paul Hembery: “Hulkenberg ha completato la gara con sole due soste, mentre la nostra previsione era di tre pit-stop. Considerata la rapida evoluzione delle vetture di quest’anno, vedremo sempre più gare a due soste.”

7. Perchè il degrado è importante

L’usura è il consumo fisico dello pneumatico, ed è stata ridotta in modo sostanziale quest’anno (per questo si hanno meno marbles). Il degrado è un’altra cosa: è la perdita di prestazione sul giro degli pneumatici. Paul Hembery: “E’ strano quando i piloti parlano di degrado: è un fenomeno necessario; se non ci fosse non avremmo nessun pit stop. E’ un parametro essenziale per creare la strategia”.

8. Pneumatici meno stressati di prima

Nonostante la maggiore coppia, l’impronta dello pneumatico posteriore non è sottoposta agli stress dello scorso anno – grazie alle nuove costruzioni. Paul Hembery: “Possiamo vedere questo cambiamento nei profili di usura: sono leggermente concentrati al centro dello pneumatico.”

9. Differenze prestazionali nella norma tra le due mescole

Pirelli mira ad avere una differenza di un secondo tra tutte le mescole. Obiettivo raggiungibile entro la fine dell’anno. Paul Hembery: “Siamo rimasti un po’ sorpresi dal divario tra la mescola dura e quella media, che è stato di un secondo e mezzo in Malesia. Questo è stato dovuto ad un minore livello di carico aerodinamico rispetto all’inizio della stagione: la gomma dura non è sollecitata tanto come in passato, per questo scivola di più. Miglioramenti nelle prestazioni renderanno questo divario minore”.

10. Più vetture in pista

Pirelli ha messo a disposizione set di pneumatici extra per la FP1 e la Q3; ciò ha portato ad avere più vetture in pista. Paul Hembery: “L’obiettivo è stato raggiunto. Nella prima mezz’ora della FP1, le squadre hanno fatto 10 o 12 giri con le gomme extra, ma potevano farne molti di più. La nostra intenzione era quella di avere tutte le vetture top nella Q3, per i fan, senza penalizzare gli altri.”

8 Commenti

  • berniejails

    A macchine pietose gomme pietose

  • cmq era così bello il mondiale dentro al mondiale, bastava mettere la regola che i team potevano a loro discrezione scegliere la gomma più adatta alla pista ed al loro telaio
    questo avrebbe generato miglior concorrenza senza degenerare invece hanno voluto il monomarca e lo vediamo tutti è penoso!
    come a dire ora che la Pu migliore è della mercedes tutti i team monteranno mercedes questo sport è morto non ha senso, non puoi sorpassare senza pensare che se sei impreciso ti infliggono i punti, penalità etc… era così bello la lotta a denti stretti il difendersi con lo zigzag etc… quello era la f1 ora è solo passerella

  • Loro non devono fare niente..non è la Scuderia che va da loro e gli dice fammi le migliori gomme..è la FIA che va e gli chiede determinate gomme e la Pirelli esegue..perciò non cominciate come solito a commentare in bimbominchiese..

  • quante soste sono previste per il bahrain ???

  • fittipaldi

    Scusate ma a me viene da ridere……la Pirelli e’ in regime di monogomma e pensa a fare strategie !!!!
    E se ci fossero due o tre concorrenti cosa farebbe……la III guerra mondiale ????????

  • Per quanto se ne dica secondo me Pirelli sta facendo un gran bel lavoro da quando è entrata in F1, centrando sempre gli obiettivi che gli vengono richiesti. Unica pecca lo scorso anno quando hanno dovuto cambiare le gomme a stagione in corso compromettendo gravemente l’andamento del campionato.

  • Mi sembra ridicolo che il fornitore di pneumatici si ponga degli obiettivi come avere tutte le vetture top in q3 o impostare il degrado in modo da richiedere un tot di più stop. Loro dovrebbero fare la miglior gomma possibile, i team una macchina veloce e che arrivi al traguardo, i piloti dovrebbero solo guidare come meglio sanno fare.
    Ma che cavolo di sport è diventato questo?!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!