Mercedes, dominio assoluto. Terza doppietta di fila

20 aprile 2014 11:34 Scritto da: Diletta Colombo

Terza doppietta Mercedes di fila: trionfo per Lewis Hamilton nel Gran Premio di Cina davanti al compagno di squadra Nico Rosberg.

Lewis HamiltonÈ di nuovo uno-due Mercedes in Cina. Dominio assoluto per Lewis Hamilton, che ha vinto il Gran Premio di Cina conquistando la venticinquesima vittoria in carriera e la terza di fila in questo mondiale 2014. Secondo posto per il compagno di squadra Nico Rosberg, che mantiene per quattro punti il comando della classifica piloti.  
Partenza agevole per Hamilton, che ha mantenuto la prima posizione e ha cominciato la gara su ritmi irraggiungibili per gli altri, staccando Vettel e gli altri di quasi un secondo al giro. Grandi difficoltà in partenza invece per Rosberg, che è scivolato in settima posizione, dopo un contatto con Bottas.

Nel corso del primo stint, Hamilton è riuscito ad essere estremamente costante, aumentando il gap rispetto al resto del gruppo grazie ad una serie di giri sull’1’43; da notare il poco graining delle sue PZero Yellow Soft, sia sulle anteriori che sulle posteriori, che ha permesso al pilota britannico di allungare il suo stint continuando ad aumentare il suo vantaggio. Rosberg, dal canto suo, ha superato Hülkenberg nel corso del secondo giro e Massa al quarto giro, accusando un degrado delle gomme anteriori che probabilmente non gli ha permesso di sfruttare la velocità della W05 in rettilineo nel corso del suo primo stint.

Pit stop per Nico alla fine del tredicesimo giro; PZero White Medium per il tedesco, che è rientrato in pista in settima posizione, e ha sorpassato Vergne nel corso del quindicesimo giro, grazie alle ottime prestazioni fatte registrare grazie agli pneumatici nuovi. Lewis è entrato ai box per il suo primo pit stop alla fine del sedicesimo giro; il pilota britannico ha mantenuto agevolmente la prima posizione, dopo aver montato gomme medie. Anche nel corso del secondo stint, Hamilton ha continuato a fare registrare prestazioni nettamente superiori al resto dei piloti in gara. Duello serrato con Vettel per Rosberg nel corso del giro 23; il quattro volte campione del mondo ha risposto ad un tentativo di Nico alla curva 14, ma si è poi dovuto arrendere alla superiorità della W05.

Ultimo pit stop per Nico Rosberg alla fine del giro 37; il pilota tedesco ha montato un altro set di PZero White Medium, facendo registrare ottimi tempi, e riuscendo a sorpassare agevolmente Alonso nel corso del giro 43. Hamilton si è fermato alla fine del trentottesimo giro per montare un altro set di gomme medie. Nel corso del suo ultimo stint, il pilota britannico ha gestito il suo vantaggio con tranquillità, andando a vincere il Gran Premio.

Grande soddisfazione per Toto Wolff, che scherza sulla possibile reazione di Lauda al fatto che Hamilton abbia raggiunto il suo stesso numero di vittorie in F1: “Questo è un grosso problema; cercheremo di far capire con gentilezza a Niki che c’è una nuova generazione di piloti competitivi. Tutti sottolineano le grandi prestazioni della nostra power unit, ma credo che sia il pacchetto motore-telaio la chiave del nostro successo”.

Palpabile la gioia di Lewis Hamilton: “I tifosi sono stati fantastici qui, ho sentito molta energia che mi ha spinto a fare bene. Non avrei potuto ottenere questa vittoria senza l’incredibile lavoro da parte del team; non riesco ancora a capacitarmi di quanto sia performante questa monoposto. Il duro lavoro di tutti i tecnici sta dando i suoi frutti. Anche la gestione delle gomme è stata ottimale; sono contento anche perché Nico ha ottenuto dei punti importantissimi per il mondiale costruttori“.

Nico RosbergNon voglio dire che sono ancora leader del mondiale perché voglio rimanere tale. Questo weekend è stato negativo per me, tutto è andato storto e in gara non avevo accesso  alla telemetria, il che ha reso tutto più complicato. Anche la partenza è andata male; ho avuto un piccolo contatto con Bottas, ma per fortuna la mia monoposto non ha accusato grossi problemi. Grazie alla scuderia per l’ottima monoposto messa a nostra disposizione. Non sono però soddisfatto di questo secondo posto e spero che il prossimo weekend di gara a Barcellona sia positivo”.

 

35 Commenti

  • Isac mi fa che è la fidanzatina nascosta di Hamilton :-D. Nn roderti il fegato per gli anni passati, stai sereno e goditi queste gare! Che magari le prossime potranno essere più complicate.

  • Io dico che la stagione e’ lunga, nel 2013 Nico fece pole a barcellona e a montecarlo (dove poi vinse) cioe le 2 prossime gare: questo non vuol dire che anche quest anno stara’ davanti a lewis in quelle gare ma x dire che lo scorso anno prime di quelle 2 gare TUTTI scrivevano esattamente quello che si dice oggi e cioe che Nico non potra’ impensierire Lewis. Ieri a Race Anatomy c era Dino Chiesa il patron di entrambi quando facevano il kart e li conosce bene: secondo lui i 2 piloti sono molto vicini come prestazione dove Lewis e’ piu talentuoso ( secondo me lo e’ rispetto NON solo a Rosberg..) e Nico invece piu “lavoratore”. Bellissime le foto che ha portato dove si vedevano Lewis e Nico piccolissimi: il biondino e il neretto, che figata. Poi c era una letterina scritta da Nico per Dino chiesa che pareva la lettera che i bimbi scrivono a Babbo natale.. Stupenda!

  • hamilton finora è stato perfetto,eppure è secondo in classifica,pesa sempre come un macigno lo zero di rosberg il quale in un weekend un po’ storto arriva comunque secondo e fa 18 punti.
    ora si torna in europa,volendo giocare con il calendario e le caratteristiche dei piloti sui circuiti credo che a barcellona partano alla pari,nel senso che hamilton non ha mai vinto ma ha fatto ottime gare ma l’anno scorso fu probabilmente una delle sue peggiori della carriera.
    a montecarlo si dice giustamente che hamilton è uno dei migliori e concordo,ma a mio parere il miglior pilota in assoluto del circus nei cittadini è rosberg.
    in canada in teoria lewis strafavorito visto che è il suo circuito per eccellenza,in austria si parte da zero,mentre a silverstone mi auguro che si riprenda ciò che la sfiga gli ha tolto l’anno scorso.
    però non capisco perchè in tanti diano per scontata la resa di rosberg,alla fine quello in testa è lui e ha già dimostrato l’anno scorso di saper reagire a dei momenti un po’ difficili.

  • @ francesco_kimi rispetto la tua opinione, pero permettimi nn corrisponde proprio alla realta..citi il 2010 dove Hamilton e stato il pilota che ha sbagliato meno proprio quei due errori che citi te..anche se singapore e stata piu una carognata di webber a mio avviso..vettel soprattutto e alonso sbagliarono piu di lewis quell anno durante la stagione,la grande mclaren come dici tu fu fino a circa meta stagione poi si perse nello sviluppo..e nel finale di stagione si trovo indietro sia a red bull che ferrari..e questo te lo possono confermare anche i tifosi mclaren..se citi il 2012 mi vengono dei dubbi che tu abbia seguito bene tutte le gare…altrimenti capiresti che quell anno hamilton fu eccellente..

    • concordo,nel 2010 hamilton fece una sola vera cappellata,a monza.
      per il resto,di sbavature ed errori qua e là sparsi durante un’intera stagione ne fanno tutti dal primo all’ultimo dei piloti.

      nel 2012 non ricordo errori,se proprio si vuole trovare il pelo nell’uovo l’aver cercato di resistere a maldonado a valencia con gomme finite,ma anche lì definirlo grave errore è esagerato.
      per il resto stagione strepitosa,con 4 potenziali vittorie andate in fumo per colpe non sue quando era in testa.

    • qui c’è gente che ha la memoria FOTTUTA. Nel 2012 vorrei ricordare a questi fenomeni che dopo Monza Hamilton era SECONDO NEL MONDIALE DAVANTI A VETTEL quando di gare alla fine ne mancavano solo 7, quindi eravamo a 2/3 del campionato. Benissimo, dopo quella gara Hamilton collezionò 3 ritiri a singapore, abu d’habi e interlagos quando era IN TESTA ALLA GARA, gare che avrebbe quasi sicuramente vinto. Fate un pò i conti di quanti punti ha perso solo in quei tre gran premi. Non parliamo poi della vaccata del team a barcellona e degli errori al box nei primi gran premi che gli fecero perdere una marea di posizioni. Quell’anno Hamilton con una macchina inferiore alla red bull avrebbe vinto il mondiale se fosse stata una monoposto più affidabile. Errori di hamilton, errori, ma quali errori? Quell’anno per me fu ai limiti della perfezione, forse solo a valencia sbagliò a non accontentarsi del quarto posto, ma fu maldonando comunque a buttarlo fuori.

      Nel 2010 quei due ritiri consecutivi gli son costati cari ma vettel e alonso fecero molti più errori di lui nel corso del campionato, qui nessuno si ricorda la stampata del fenomeno asturiano in belgio….

  • Chi crede a fortune e sfortune è solo uno sfigato!

    • No.
      E’ chi finge che non esistano che, delle due l’una: o è nato con la camicia e si prende meriti non propri, oppure trova una scusa per demolire l’antipatico di turno.
      Enzo Ferrari, in uno dei suoi rari momenti di onestà, disse di preferire un pilota fortunato ad uno bravo.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!