Williams, gara stregata in Cina: 7° Bottas, 15° Massa

21 aprile 2014 01:02 Scritto da: Valentina Costa

Gara durissima per il team di Grove in Cina: un clamoroso errore al primo pit stop condanna Felipe Massa a una gara di risalita dal fondo; mentre Valtteri Bottas, senza telemetria per tutta la corsa, si incaglia dietro Nico Hulkenberg, senza riuscire ad andare oltre il settimo posto.

williams garaShanghai non sorride alla Williams: nonostante una vettura decisamente competitiva, stavolta anche sul bagnato, sono degli episodi a caratterizzare il Gp della Cina di Felipe Massa e Valtteri Bottas, sin dalle primissime battute di gara.

Felipe Massa scatta molto bene dalla sesta posizione: sfila Rosberg all’esterno e poi si butta all’interno. Non vede però Fernando Alonso. Il ruota contro ruota, con tanto di rimbalzo per il brasiliano, è inevitabile, ma le vetture non risentono della botta, ma mentre Alonso riesce a sfilare Daniel Ricciardo, Massa guadagna solo una posizione rispetto allo start. Poco fortunato anche Valtteri Bottas, che allo spegnimento delle cinque luci rosse si vede sbarrare la strada dalla frenata improvvisa di Nico Rosberg, con cui arriva al contatto. Il finlandese si ritrova decimo alla prima curva, ma non demorde: nei primi giri riesce ad avere ragione in successione di Kimi Raikkonen e Romain Grosjean.

Dopo le prime convulse fasi iniziali, le due Williams si stabilizzano in sesta e ottava posizione, divise dalla Force India di Nico Hulkenberg. Il tedesco, pressato da Valtteri Bottas, comincia a farsi minaccioso negli specchietti di Felipe Massa: all’undicesimo giro il brasiliano viene dunque richiamato ai box per rompere l’impasse e montare gomme medie fresche. E lì che la sua gara viene compromessa: i meccanici scambiano clamorosamente le ruote posteriori, montandole al contrario. La sosta diventa un calvario: Massa ne esce ultimo in classifica con un distacco impossibile da colmare. La sua rimonta, alla bandiera a scacchi, non va oltre la 15esima posizione.

Valtteri Bottas, da parte sua, rimane incagliato dietro a Nico Hulkenberg, non riuscendo ad avere la meglio nonostante un distacco minimo dalla Force India: non può neanche tentare il sorpasso attraverso il cosiddetto “undercut”, la strategia della sosta anticipata, perché al giro 31 i due entrano appaiati al box per il secondo cambio gomme. Chiude settimo, a un 1.4 secondi dal coriaceo tedesco.

Ho fatto una altra gran partenza oggi e stavamo lottando per le prime posizioni. Ho sentito il contatto con Fernando [Alonso, ndr] ma fortunatamente la macchina non ha subito danni e ho potuto continuare”, afferma Felipe Massa. “C’è stato un errore al primo pit stop: e quello effettivamente mi ha fatto perdere la gara. E’ una situazione frustrante e qualcosa su cui lavorare per essere sicuri che non accada di nuovo. Abbiamo tempo per lavorare intensamente e migliorare la vettura per la Spagna”.

E’ stata una buona gara, nonostante il duro contatto al via che mi è costato diverse posizioni“, dice Valtteri Bottas. “Ho anche dovuto fare tutta la corsa senza il supporto della telemetria, che non è esattamente la cosa più facile del mondo. Abbiamo fatto progressi per tutto il weekend, il che è ottimo. E’ bello fare passi in avanti e cercheremo di fare lo stesso per la Spagna in queste tre settimane di tempo”.

E’ stata una gara agrodolce, dato che la macchina era veloce”, afferma Rob Smedley. “Abbiamo fatto una buona strategia e il team ha lavorato bene. Ciò che è accaduto al pit stop è un vero peccato per Felipe e per l’intera squadra, ed è qualcosa su cui indagheremo per fare in modo che non accada nuovamente, dato che ci è costato punti pesanti quest’oggi. Una macchina in top ten è segno che abbiamo ritmo e questo ci dà ottimismo, dunque cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno in previsione della Spagna“.

 

3 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!