A Barcellona Rosse ancora indietro: Raikkonen 6°, Alonso 7°

10 maggio 2014 16:18 Scritto da: Valeria Mezzanotte

Il ritorno in Europa non sembra giovare agli uomini di Maranello: Raikkonen ed Alonso chiudono le qualifiche al Circuit de Catalunya ancora distanti da Mercedes e Red Bull.

gp spagna f1 2014Chi si aspettava una Ferrari rivoluzionata e pronta a diventare la seconda forza del Mondiale, tenendo testa alla Red Bull, deve ancora una volta ricredersi. La F14-T torna ad assaggiare l’asfalto dopo il podio ottenuto in Cina per mano di Fernando Alonso, ma il risultato è ancora una volta lontano dalle speranze dei tifosi. Le novità apportate alla vettura dagli uomini di Maranello sono poche e non tutte hanno funzionato, stando a quanto dichiarano gli stessi piloti nelle interviste post-qualifica. Sia Raikkonen che Alonso tengono a bada alla meglio una macchina nervosa, che necessita continue correzioni per portare a termine il giro, e i distacchi dai rivali sono pesanti: il finlandese chiude 6° a otto decimi dalla terza posizione occupata da Daniel Ricciardo, lo spagnolo è 7° a 36 millesimi dal compagno di squadra.

I primi tentativi del Q1 valgono ai ferraristi il 5° e 6° tempo, alle spalle delle Mercedes, di Massa e di Kvyat. A tre minuti dal termine Raikkonen, scivolato in undicesima posizione, torna in pista con la PZero Medium. Nel suo primo giro lanciato sul nuovo treno di mescole, però, trova davanti a sé la Toro Rosso di Kvyat e la Caterham di Ericsson, e il tempo migliore per lui arriva solo alla seconda tornata, in cui registra un 1:28.308. Alonso preferisce invece restare ai box, dato che il suo 1:28.329 è sufficiente ad approdare alla fase successiva.

Nel Q2 Raikkonen ed Alonso ottengono temporaneamente il 3° e 4° tempo (rispettivamente 1:27.355 e 1:27.602), cedendo successivamente terreno ai rivali che sopraggiungono sul traguardo. La situazione si fa caliente soprattutto per l’eroe di casa Fernando Alonso, che supera la seconda fase di qualifica grazie a soli 83 millesimi di vantaggio sulla Force India di Nico Hulkenberg.

Nell’ultima fase, dopo la sospensione necessaria per rimuovere dalla pista la RB10 di Sebastian Vettel, Fernando Alonso scende subito in pista, avendo conservato un set di gomme rispetto al compagno di squadra, e fa segnare un tempo di 1:27.563, classificandosi ultimo tra i soli quattro piloti che effettuano due run (oltre al ferrarista, Hamilton, Rosberg e Ricciardo). Raikkonen si lancia a poco meno di due minuti dal termine e conclude il proprio giro veloce in 1:27.104, sopravanzando di quattro decimi il compagno di squadra, per essere però superato a propria volta dalla Lotus di Grosjean, oggi in grande recupero. Fernando Alonso chiude quindi la sessione per la Ferrari, avvicinandosi al tempo di Raikkonen senza però riuscire a fare di meglio, fermandosi sull’1:27.140. Entrambi scalano poi di una posizione, superati dalla Williams di Valtteri Bottas.

I piloti della Rossa ancora una volta non possono far altro che commentare una prestazione mediocre. Forse Kimi Raikkonen, nonostante essere riuscito a qualificarsi davanti ad Alonso, si aspettava di più in questo inizio della tranche europea, e dopo la sessione spagnola sembra meno fiducioso del solito sulle possibilità di recupero della F14-T: ”Ovviamente non vogliamo essere in questa posizione, ma è stato un altro fine settimana difficile. Stamattina abbiamo avuto parecchie difficoltà e non ci sono grandi cambiamenti nella macchina, ancora non siamo perfetti. Purtroppo questa è la posizione in cui ci troviamo e dobbiamo continuare a lavorare. In pista dobbiamo combattere sempre parecchio e non è semplice, soprattutto per la guidabilità, è difficile mettere insieme un giro e mantenere una buona traiettoria.

Parla senza sorrisi anche Fernando Alonso”Sicuramente avremmo voluto fare di meglio, ma è andata così, non siamo riusciti ad essere più veloci. Ora dobbiamo pensare a recuperare qualche posizione e prendere più punti possibile in gara”. Lo spagnolo è amareggiato, ma non può dire che sia sorpreso: dopo aver tenuto a tenere basse le aspettative durante le interviste del giovedì, Alonso spiega ancora una volta che non bisogna mai costruire castelli in aria sui risultati delle prove libere: ”Abbiamo visto di nuovo che il venerdì e il sabato giriamo con meno benzina rispetto agli altri, e quindi in qualifica le nostre posizioni peggiorano sempre. Vedendoci davanti nelle prove libere sapevamo comunque che oggi pomeriggio avremmo sofferto di più. È stato un weekend difficile fino ad ora per quanto riguarda il grip, non solo per noi. Adesso dobbiamo concentrarci sulla gara e anche valutare quale sia la strategia migliore, se con 2, 3 o 4 soste” L’asturiano parla poi degli sviluppi Ferrari. ”Qualcuna delle novità che abbiamo portato è stata positiva e qualcuna no, dobbiamo fare qualche modifica e riprovare. Sicuramente abbiamo più carico aerodinamico rispetto alla Cina, ma come ho detto tutti hanno avuto poco grip oggi. Alla fine siamo dove eravamo, siamo migliorati ma sono migliorati tutti, quindi lottiamo sempre per le stesse posizioni.

48 Commenti

  • mclaren_no_grazie

    fateci caso nei suoi anni in Toyota Marmorini non ne ha azzeccato uno, i suoi motori erano i meno potenti nonostante dietro ci fossero i soldi del più grande gruppo automobilistico mondiale. Ma His che fine ha fatto ?? Ha progettato i 10 cilindri che hanno dominato negli anni 90 in Renault e in quelli Ferrari dal 2000 al 2006 (mi sembra pure gli 8 cilindri li abbia impostati lui) in più è stato quello che introdusse le valvole pneumatiche sui 6 cilindri Renault turbo nel 1987. Ripeto se un motorista non riesce con soldi infiniti come potete credere lo faccia con pochi ??

  • pierodestradis

    Il problema è che…….
    è che………………….
    Ecco questo è il problema.

    Concordo con colori i quali ritengono sia meglio un’atto di umiltà e sincerità da parte dei tecnici Ferrari, oltre ad attributi grossi, per decidere che il campionato 2014 è bello che andato (e non solo per la Ferrari), rifare la vettura, portarla a metà stagione e svilupparla durante i GP che rimangono così gettando le basi per un migliore 2015.
    Non sono un tecnico ma i punti sensibili da rifare (e non ci vuole Newey per capirlo) sono:
    1) sospensione anteriore via quella schifezza usata da 3 anni;
    2) via quell’obbrobrio di muso (la Ferrari è l’unica con il muso così abbassato, mi ricorda quando in piena rivoluzione ala di gabbiano alla ferrari ancora tenevano il muso tutto a terra….), Brutto ed inefficiente;
    3) Power unit;
    4) softwere;
    5) pance, solo le meno aerodinamiche del circus;

    Ps, la Sauber, nel suo piccolo, anche se senza grandi risultati (ma la vettura è acerba)ha di fatto una versione B della macchina già qui in Spagna. Meditate tecnici della Ferrari, meditate….

  • che vergogna!
    ormai siamo al livello di Lotus e Williams, McLaren ci soffia sul collo.
    è dai test precampionato che non si vede nulla che migliori davvero la monoposto!
    Tolto il miglioramento dovuto al carburante (ma quello è Shell!) faticherebbero persino in Q2

  • non parliamo degli aggiornamenti alla p.u….paghiamo ancora ben 8 km\h da mercedes

    8kmh, per giunta raggiunti per pochi istanti, non sono assolutamente niente, anzi differenze simili le si vedevano a sfavore della redbull nei suoi anni di dominio ergo i 2 secondi beccati non sono nemmeno lontanamente attribuibili a quella differenza di velocità. Il problema è che questa vettura è PESSIMA nell’INSIEME, non è questione di potenza, anzi 8kmh considerando la SCHIFOSA trazione in uscita non sono nemmeno così tragici, anche considerando che girino più scarichi

  • Dai che domani in partenza Grosjean alla prima curva ritarda la frenata, si incolla Ricciardo Rosberg e Hamilton e Bottas così Alo e Kimi arrivano 1* e 2*…

  • Fabietto la pompa magna del Canada non deve spaventarti dopo tutte le caxxate scritte da questo inverno ormai sono pochi quelli che ci credono

  • La cosa sconvolgente è che oltre ad essere inefficiente ste Ferrari sono le più brutte del circus. …non c’entra niente? Vero ma nel mondo di oggi l apparenza conta è parlare di una bella Car attira sponsor e quindi soldi…cazzate lo so … ma a volte è meglio semplificare le cose quando non funziona niente…sprofondo rosso.

  • a parte l’enorme difficoltà nello schivare le pubblicità superinvasive del sito che mi fanno scaldare il computer come stessi vedendi un film in 4K.
    Leggendo le dichiarazioni di Raik non c’è andato leggero, ha detto la macchina non è cambiata. :O
    Riguardando le quali che non ho potuto seguire, ho notato che tutte le auto a parte le Merc scivolavano coem saponette, il segreto vero della Mercedes è l’utilizzo degli pneumatici, sono gli unici a cui funzionano bene, altro che TC.

    Per la Ferrari temo moltissimo Monaco e sono terrorizzato dopo la pompa mediatica dei giornalai dal Canada, un circuito tutto freni e trazione che dovrebbe mettere ancora più a nudo i problemi…
    Personalemnte farei come si faceva negli anni belli, una vettura completamente nuova già a metà campionato che poi sarà evoluta per il prossimo, adesso come adesso tra motore e telaio saremo appena dietro le RB ma mamma mia che pena.

  • Qua c’è da rivoluzionare la macchina! In primis lo schema delle sospensioni, distribuzione dei pesi e telaio, cose fondamentali per un auto da corsa. Sicuramente c’è da migliorare la p.u. ma come il kart ci insegna, senza un buon telaio neanche con il miglior motore vai da nessuna parte. La cosa che mi sorprende e che nessuno prende dei provvedimenti!

  • Ok Fabietto.
    ma che tristezza
    :(

  • Io penso che in ferrari sia ora di fare un progetto a medio-lungo termine..c’è bisogno di fare una ristrutturazione del team, ci vuole a capo una persona che abbia esperienza in F1 e sappia come si vince..che sappia mettere le persone al posto giusto e soprattutto sia in grado di individuare gli elementi che non sono da ferrari!!
    ci sono solo due persone in grado di fare ciò..e sicuramente una di queste non è il buon Mattiacci che non ha la minima esperienza in f1,ed arriva da tutt’ altro mondo in un team che al momento è allo sbando..e poi Montezemolo ha ancora il coraggio di ridere e scherzare durante le interviste..mah

  • È finita.
    Tutti migliorano (Vedi Lotus)
    Ma io dico Allison ripudia questa F14t …..ok ma ti pago e finora che cosa hai fatto???????,?,,
    Tutte diventano principesse alla Ferrari ma!

    • Aspettiamo a dare giudizi su persone che si sono trovate davanti l’ennesima vettura evoluta dal 2012 figlia di Fry e di scelte assurde, perchè se questo schema telaio sospensioni ha problemi di trazione dal 2012 non so quale mago abbia deciso di riproporlo con i turbo che hanno una erogazione ancora più violenta. Più che altro mi sembra evidente che manchino fondi, inutile addossare a fornitori, consulenti, burocrazia e gallerie responsabilità che vengono dall’alto, se negli ultimi tre anni sono stati portati solo piccoli pezzi e quest’anno ancora meno e con tempi assurdi ovviamente c’è un problema di denaro o della sua gestione oltre a una gestione elefantiaca dello sviluppo, cosa sulla quale FRY lavora dal suo arrivo, ma non mi pare migliorata anzi…

  • Il problema è ancora più palese degli altri anni la vettura non trazione in nessuna curva è un contro sterzo continuo quindi è impossibile accelerare altro che cavalli.

  • wildioshiba

    povero alonso… che frustrante dev’essere… secondo me ci aspettano tanti tanti anni di sofferenze

  • il problema è…
    che non si capisce il problema !!!

    i mozzi forati in cina, qua bocciati,
    l’ala anteriore, leggermente modificata, bocciata
    l’ala posteriore è stata mantenuta….
    non parliamo degli aggiornamenti alla p.u….paghiamo ancora ben 8 km\h da mercedes

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!