GP Spagna 2014, Hamilton conquista la pole numero 35

10 maggio 2014 15:39 Scritto da: Davide Reinato

Lewis Hamilton conquista la pole position del Gran Premio di Spagna, beffando il compagno di squadra Rosberg e lasciandosi alle spalle anche la Red Bull di Daniel Ricciardo che, domani, partirà in terza posizione. Male le Ferrari, solo sesto Raikkonen e settimo Alonso.

Hamilton - MercedesCome era prevedibile, la lotta per la Pole Position è stato un affare di famiglia Mercedes: Lewis Hamilton è riuscito a battere il compagno di squadra, Nico Rosberg, grazie ad un tempo di 1:25.232 contro 1:25.400 del vicino di box. Prima fila monopolizzata dalle Frecce d’Argento, ma alle loro spalle è successo di tutto.

Seconda fila del tutto inedita: Daniel Ricciardo porta la sua Red Bull in terza posizione, precedendo la Williams di Valtteri Bottas. Ma la vera sorpresa è Romain Grosjean che ha il merito di aver portato la Lotus davanti alle due Ferrari di Raikkonen e Alonso. Un risultato che sembrava impensabile fino a qualche giorno fa.

La E22, come aveva annunciato il team principal Gastaldi, è decisamente migliorata. Ma alla squadra di Enstone resta il rammarico di quello che potenzialmente avrebbe potuto ottenere se anche Maldonado avesse partecipato alle qualifiche. Il venezuelano, nel corso del suo primo giro, ha perso la vettura ed è andato a sbattere, distruggendo la monoposto contro il muretto di protezione, causando la prima bandiera rossa della sessione.

La sesta e settima posizione delle Ferrari è parecchio deludente per i tifosi, nonostante Alonso, fin dalla conferenza stampa, aveva fatto intuire che le possibilità di lottare per il podio sarebbero state ridotte al minimo. “Non mi aspettavo un team così poco competitivo”, ha ammesso il Presidente Montezemolo, che chiede pazienza agli appassionati per ancora qualche settimana, quando la Ferrari porterà in pista un pacchetto di aggiornamenti più corposo.

Ottavo tempo per la McLaren di Jenson Button. L’inglese della McLaren, che non ha ancora un buon feeling con la Mp4-29, ha preceduto la Williams di Massa e la Red Bull numero uno, quella di Sebastian Vettel. Ancora una volta, l’affidabilità precaria ha tradito la vettura del campione del mondo, lasciandolo a piedi proprio sul più bello, impedendogli di farlo partecipare alla Q3.

Da segnalare il quindicesimo posto di Magnussen, fermato da un problema alla power unit. Sedicesimo Vergne, con la Toro Rosso, che però verrà arretrato in ultima posizione per la penalità ricevuta durante le prove libere. Nelle retrovie, oggi, è il giorno delle sorprese: Chilton ha battuto Bianchi e Ericsson è riuscito a rimanere davanti a Kobayashi.

GP SPAGNA 2014 – RISULTATI DELLE QUALIFICHE

POS  PILOTA                TEAM                  TEMPO      GAP
 1.  Lewis Hamilton        Mercedes              1m25.232s
 2.  Nico Rosberg          Mercedes              1m25.400s  +0.168s
 3.  Daniel Ricciardo      Red Bull-Renault      1m26.285s  +1.053s
 4.  Valtteri Bottas       Williams-Mercedes     1m26.632s  +1.400s
 5.  Romain Grosjean       Lotus-Renault         1m26.960s  +1.728s
 6.  Kimi Raikkonen        Ferrari               1m27.104s  +1.872s
 7.  Fernando Alonso       Ferrari               1m27.140s  +1.908s
 8.  Jenson Button         McLaren-Mercedes      1m27.335s  +2.103s
 9.  Felipe Massa          Williams-Mercedes     1m27.402s  +2.170s
10.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault                 
                           Q3 cut-off time:      1m27.602s  Gap in Q2
11.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes  1m27.685s  +1.597s
12.  Sergio Perez          Force India-Mercedes  1m28.002s  +1.914s
13.  Daniil Kvyat          Toro Rosso-Renault    1m28.039s  +1.951s
14.  Esteban Gutierrez     Sauber-Ferrari        1m28.280s  +2.192s
15.  Kevin Magnussen       McLaren-Mercedes
16.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Renault
                           Q2 cut-off time:      1m28.472s  Gap in Q1
17.  Adrian Sutil          Sauber-Ferrari        1m28.563s  +1.799s
18.  Max Chilton           Marussia-Ferrari      1m29.586s  +2.822s
19.  Jules Bianchi         Marussia-Ferrari      1m30.177s  +3.413s
20.  Marcus Ericsson       Caterham-Renault      1m30.312s  +3.548s
21.  Kamui Kobayashi       Caterham-Renault      1m30.375s  +3.611s
22.  Pastor Maldonado      Lotus-Renault

58 Commenti

  • Come giá ho detto alcune volte, hamilton è un gran fenomeno.
    quando l’ambiente che lo circonda non è ostile con lui con manovre di danneggiamento nei suoi confronti tipo quelle che una blasonata squadra ordinava al suo secondo pilota detto sgaloppino, che riuscirono ad innervosirlo (e ci mancherebbe) sciupando una serie incredibile di occasioni per risultati che gli spettavano, bhe, non ce nè per nessuno.
    rosberg è un gran pilota, ma hamilton lo stà massacrando.
    tutta questa premessa per dire che la mclaren con due mezze comparse non và da nessuna parte.
    button non è stato valutato correttamente (a parte il 2012) vicino ad hamilton solo per i motivi sopra elencati..altrimenti sarebbe stato ridicolizzato…e se hamilton avesse 2 mondiali in più in tasca nessuno avrebbe da ridire…
    cmq, spero che hamilton possa raccogliere nei prossimi anni quello che gli spetta e ha lasciato per strada…le potenzialità sembrano esserci ..

  • x Gass nel caso non l’abbia letto:

    Dal 1994 al 2005 non tifavo per nessuno, dopo la morte di Ayrton ho sofferto molto e il mio interesse per la F1 scemò, guardavo quando potevo le gare ma nessuno sapeva “accendermi” il cuore come Ayrton fino a quando…..nel 2005 guardando una gara di F.3 vidi un ragazzino con un casco giallo che era velocissimo per curiosità comincia a seguirlo fino alla GP2 quando la mattina di domanica era tradizione sedersi davanti alla TV per vedere Gara2 della GP2 dove Lewis dava spettacolo…..ecco il ragazzino con il casco giallo aveva “riacceso” la passione per il motorsport……il resto è storia.

  • La Ferrari è una vettura valida nelle curve veloci, mentre è disastrosa in trazione e curve lente.

    Oltre al motore, uno dei problemi principali a mio avviso è la rigidità elevata del telaio.

    In ogni caso sono abbastanza convinto che la Mercedes utilizzi qualcosa (probabilmente di legale) che faccia da controllo di trazione, non credo sia possibile recuperare tutto quel distacco rispetto alla concorrenza in termini di meccanica pura. Hanno trovato nel corso del tempo qualche soluzione veramente azzeccata.

  • @gass
    Intanto, nn tifo per nessun pilota ma semplicemente per la Ferrari, e come ho già scritto prima, a questa Mercedes si devono fare i complimenti perché è riuscita a fare una super vettura che è 2 secondi più veloce delle altre. Se guardiamo con attenzione alla red bull delle passate stagioni, nn aveva un vantaggio così enorme, come dici tu lo ha avuto solo a Singapore e con Vettel, e il perché Webber nn riusciva ad avere le stesse prestazioni del compagno, era dovuto semplicemente che Vettel con il suo stile di guida sfruttava al meglio le capacità della vettura. Detto questo, la mercedes di quest’anno è veramente un astronave, basti pensare alla Cina, dove Rosberg nonostante i vari errori è riuscito ad arrivare secondo. Quindi penso che alla fine chi dei due piloti Mercedes vincerà il mondiale il 95% sarà stato merito della vettura, e questo nn vuol dire sminuire i due, ma semplicemente con una macchina così superiore nn si possono apprezzare le qualità di un pilota.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!