Ferrari, qualifica amara: Alonso settimo, Raikkonen decimo

7 giugno 2014 20:59 Scritto da: Diletta Colombo

Settimo posto in qualifica per Fernando Alonso in Canada; decima piazza invece per il compagno di squadra Kimi Raikkonen.

fernando alonso

La Ferrari a Montreal non è riuscita ad andare oltre la quarta fila in qualifica, deludendo così le aspettative dopo un venerdì abbastanza positivo che aveva acceso le speranze dei tifosi della Rossa di Maranello per il prosieguo del weekend. Fernando Alonso è riuscito a conquistare la settima posizione in griglia, con il tempo di 1’15″814. Il suo compagno di squadra Kimi Raikkonen, invece, partirà in quinta fila; il pilota finlandese ha infatti colto il tempo di 1’16″214, aggiudicandosi la decima piazza.

All’esordio in Q1, i due alfieri della Rossa di Maranello sono usciti entrambi montando gomme P Zero Yellow Soft. Kimi Raikkonen ha fatto registrare un tempo piuttosto alto al primo tentativo cronometrato, 1’20″313, mentre Fernando Alonso ha ottenuto la sesta posizione provvisoria cogliendo il tempo di 1’17″768. Il pilota finlandese si è successivamente migliorato, facendo registrare il tempo di 1’17″892. Verso la fine della prima parte delle qualifiche, i due piloti Ferrari hanno montato pneumatici P Zero Supersoft Red. Raikkonen ha colto il tempo di 1’17″013, inserendosi al sesto posto; Alonso ha invece fatto registrare il tempo di 1’17″010. Entrambi gli alfieri della Ferrari hanno accusato un calo prestazionale dovuto a problemi di trazione nel corso della Q1. I due piloti della scuderia di Maranello si sono qualificati per la Q2; Alonso ha ottenuto il nono posto finale; decima piazza invece per Raikkonen.

Pneumatici P Zero Supersoft Red nuovi all’inizio della Q2 per Raikkonen e Alonso; il pilota finlandese ha colto il tempo di 1’16″313, inserendosi in quarta posizione, mentre l’asturiano ha ottenuto la terza piazza provvisoria con il tempo di 1’16″131. Fernando ha scelto di restare ai box alla fine della Q2 per preservare un treno di gomme Supersoft, mentre Kimi, scivolato negli ultimi minuti della sessione al decimo posto, è rientrato in pista, riuscendo a cogliere il tempo di 1’16″245, che gli è valso l’ottava piazza provvisoria. Sia Alonso che Raikkonen si sono qualificati per la Q3, con il settimo ed il nono tempo rispettivamente.

In Q3, Fernando Alonso ha optato per pneumatici P Zero Supersoft Red. cogliendo il tempo di 1’16″131, che gli è valso la quinta posizione provvisoria. Kimi Raikkonen non è invece sceso in pista nella prima fase della Q3, non avendo risparmiato un treno di gomme nella Q2 e decidendo di non utilizzare un set di pneumatici usati limitandosi ad un unico tentativo cronometrato. Il pilota finlandese ha ottenuto il tempo di 1’16″214, inserendosi in ottava posizione. Fernando Alonso ha colto invece il tempo di 1’15″814. I due piloti Ferrari hanno dunque concluso le qualifiche piazzandosi in settima e decima posizione finale.

 Non si mostra sorpreso del risultato ottenuto Kimi Raikkonen: “La prestazione della macchina oggi non mi ha stupito in negativo; ho faticato ad ottenere un tempo competitivo a causa di una mancanza di grip. Ho commesso un piccolo errore nel mio ultimo giro, ma non avrei potuto migliorare di molto la situazione. Ci aspettavamo che il weekend sarebbe stato difficile qui; cercherò di dare il meglio in gara. Il risultato di ieri non era indicativo: ogni scuderia effettua un lavoro diverso il venerdì, quindi non si tratta di performance comparabili. Noi ci troviamo più o meno dove pensavamo di essere”.

Anche Fernando Alonso condivide il pensiero del compagno di squadra rispetto alla prestazione odierna: “Gli unici primi posti ottenuti quest’anno sono arrivati di venerdì e non certo in qualifica. Sappiamo che giriamo con meno benzina rispetto ad altri, perché prepariamo il weekend in maniera diversa. Sapevamo avremmo avuto difficoltà in qualifica, ma pensiamo di poter recuperare qualche punto alla Red Bull in ottica campionato costruttori in gara, anche se oggi sono davanti a noi. Purtroppo però non partiamo settimo e decimo per qualche inconveniente, ma perché ci sono monoposto più performanti della nostra”.

41 Commenti

  • Ora stiamo arrivando al colmo, al limite del ridicolo.
    Non sarebbe meglio progettare una vettura che sappia trarre vantaggio dal caldo come da anni aveva fatto la Renault/RB che non soffrivano le temperature alte?
    Sembra che ogni Sabato c’è n’è sia una nuova, per una volta che le nuove parti funzionavano, si torna al passato. Ma dico io uno dei due piloti non poteva almeno azzardare questa nuova via?
    Non so che pensare… Per me quest anno vedo solo figure magre e alla faccia che abbiamo due campioni del mondo, la vettura ancora una volta si dimostra un fiasco!
    Non si può dichiarare che dal Canada in poi si avranno pezzi nuovi e poi non si usano, ma qualcuno nel ufficio progetti, dimentica che siamo in estate?
    Signori questa è un emerita figura di M….a !!!

  • Forse quando parlavano di step evolutivo in Canada si riferivano alla prossima stagione.

    Io capisco che in quanto addetti ai lavori, avranno i loro buoni motivi per effettuare una scelta piuttosto che un’altra. Ma ciò che non piace ai tifosi è questo continuo illudere in modo incoerente. Oltretutto penso che continuino a lanciare proclami solo per una questione si SPONSOR. Tutti quelli che hanno sborsato milioni alla Ferrari non penso che siano molto contenti. Ecco perché al di là di tutto non possono permettersi di ammettere pubblicamente che il progetto F14T sia un totale fallimento.

    Detto questo, penso che come primo anno con questo tipo di motori sia normale vedere (Mercedes escluse) tutti questi alti e bassi da parte di tutti. L’anno prossimo sarà molto diverso secondo me. Tutti (A parte Honda)avranno un bagaglio tecnico importante maturato sul campo cui lavorare.
    E li per la Ferrari non ci saranno davvero più scuse.

  • Brutte notizie per la Ferrari, Adrian Newey ha rinnovato con la Red Bull…. :(

  • Un po’ tutti date giuste interpretazioni ai problemi Ferrari, ma ci sono cose che non mi tornano e dal 2009, facendo un po’ di comparazioni anno dopo anno, ho notato che l’ala anteriore è praticamente sempre la stessa soffiatura più soffiatura meno, dal cambio regolamentare del 2009 nonostante i vari arrivi di Sanchez, De Beer, lo stesso Allison, semplice, con sola funzione di downforce basica, senza tentare di deviare l’aria ai lati degli pneumatici come ormai d’uso per quasi tutte le scuderie, si è cercato di avere una funzione simile con i mozzi soffianti, ma anche lì per problemi di temperature freni si è desistito. Quindi dove sta il problema reale della Ferrari nel elaborare una ala anteriore che abbia funzione portante sull’aerodinamica della vettura e che dia un po’ più di precisione all’anteriore? Non è un problema di quest’anno ma non capisco davvero il perché di talune scelte che sia push o pull la sospensione anteriore il problema sta ancora la e per ora mi sto concentrando solo su quello.

  • comunque alla ferrari manca integrazione tra i reparti della ges e questo è molto grave.
    E’ inaccettabile che vengano portato aggiornamenti aereodinamici che poi non possono essere utilizzati per problemi di affidabilità.

    vanzini ha fatto un ‘analisi per me condivisibile,
    l’arrivo di mattiacci ha suonato la sveglia, e tutti sono stati messi alla prova e sulla corda….
    i vari reparti hanno cominciato a lavorare molto e sfornare aggiornamenti per cercare di essere all’altezza, solo che, sembra quasi che ognuno abbia lavorato per conto suo….
    un ‘orchestra in cui non c’è un direttore, mancanza vera e propria di integrazione, manca una figura di coordinamento e a montreal se ne è avuta la prova

    • Hai ragione, ma ora l’urgenza è trovare un buon motorista che prende le redini di un reparto che ha davvero bisogno.
      Poi sono sempre più convinto che Newey verrà… ma dal 2016, che sia un bene od un male non lo so, ma se le cose stanno così avremo da soffrire ancora 2 o 3 anni minimo.
      Considerimo poi gli innumerevoli cambi regolamentari, speriamo ci sia ancora la F1 😀

      • Beh, avrebbe comunque molto senso. 2017, sospensioni attive e cerchi da 18″, il volpone si starà già leccando i baffi.

  • Lele ti do ragione..ma non so se hai visto le libere di venerdi..la vettura era totalmente diversa..non scivolava come il sabato ha fatto..e lo si vedeva chiaramente..a mio modo di vedere la vettura si non è ad altissimo livello ma non aver usato il pacchetto ci ha molto indeboliti..chiariamo non è che abbiamo perso secondi..pero quei due 3 decimi che ieri in qualifica valevano la seconda fila..

    • Condivido il tuo punto di vista ryu, se è vero che hanno scartato il nuovo pacchetto per via delle temperature interne con solo 25° non oso pensare cosa succederà quando andremo in circuiti con temperature superiori ai 30°…. Sicuramente come dice Beppe manca una figura che coordini i lavori interni alla Ges…l’unica cosa positiva e che gli aggiornamenti funzionano per il resto non ci siamo!!! Cmq speriamo in una bella gara, magari qualcuna davanti rompe :)

    • Comunque curioso che quei cofani allargati (mi sbagliero’ ma mai visti) erano lì belli e pronti… non so se fosse una cosa che li ha sorpresi o che già sapessero tutto, mah vedremo.

  • Per me esiste una sola parola.

    Vergogna.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!