Mattiacci raduna il team: “E’ tempo di ricaricare le batterie”

Mattiacci

Dopo l’amara trasferta canadese, il Team Principal della Ferrari – Marco Mattiacci – ha voluto radunare la squadra e fare il punto della situazione dopo due mesi dal suo insediamento, al posto dell’uscente Stefano Domenicali. Presente al meeting anche il Presidente Montezemolo che ha confermato tutta la sua fiducia al nuovo direttore della Gestione Sportiva.

L’incontro si è tenuto a Maranello, poco prima della partenza della squadra in vista dell’Austria dove, questo fine settimana, si tornerà a correre dopo dieci anni di stop. Marco Mattiacci ha riunito tutti nei locali della Nuova Logistica per chiarire i punti chiave del progetto di rilancio della squadra. Ha parlato dei cambiamenti necessari per rendere l’organizzazione più efficiente e, allo stesso tempo, ancora più unita. “L’unico obiettivo della Ferrari è quello di tornare a livelli di vertice”, si legge in un comunicato del Cavallino.

Si torna a parlare di discontinuità e di coraggiose innovazioni, due aspetti che – senza dubbio – sono in parte mancati in queste ultime stagioni. Basti pensare all’approccio molto conservativo della Casa di Maranello sui motori per rendersene conto: mai girare fuori specifica, per evitare rotture clamorose che si ripercuoterebbero sull’immagine della Ferrari nel mondo. Nel corso della riunione, Mattiacci ha anche parlato di quello che intende fare nel medio e lungo termine e ciò conferma che il suo ruolo non sarà solo temporaneo. Le fasi del programma esposto non si limitano alla prossima stagione, ma hanno lo scopo di creare un gruppo di persone che siano in grado di aprire un nuovo ciclo vincente dando il massimo risalto al valore di tecnici, ingegneri e motoristi. Sarà vera gloria?

15 Commenti

  1. Sono indietro con lo sviluppo e recuperare correndo è ancora più difficile.
    La Ferrari non è un colosso automobilistico ma un azienda infinitamente più piccola di mercedes e Renault.
    Forse con i test liberi avrebbe accusato minore distacco . Anzi certamente meno se non alcun distacco.
    Rifare un f1 dallo zero assoluto è stato uno sforzo enorme per mercedes figuriamoci per Ferrari, Renault diveva pensare solo al motore e non mi sembra andare tanto bene neppure quello.
    St altranno l esperienza sarà maggiore e le gomme speriamo più gomme e meno pietre.
    Sono sicuro che i valori in campo si livelleranno .

  2. “…mai girare fuori specifica, per evitare rotture clamorose che si ripercuoterebbero sull’immagine della Ferrari nel mondo.”

    Questa frase la scrissi io in un commento qualche giorno fa ma mi venne detto che erano delle “cavolate”.

    Ora chi è che le dice le cavolate, eh????

    1. Ma che te la prendi a fare… la Ferrari ha questo atteggiamento da sempre, che non lo sa è perchè segue la F1 da poco.
      Pero’ è normale che non si puo’ essere tutti concordi con le opinioni degli altri, l’importante è discuterne amichevolemente senza portare rancori… e visto l’andazzo non nutrire i troll stanno qui per creare flame, non per discutere e argomentare.

  3. Tendenzialmente è un articolo basato sulle speculazioni c’è un unico virgolettato : “L’unico obiettivo della Ferrari è quello di tornare a livelli di vertice”.
    Vabbè certo che l’ambizione non puo’ essere peggiorare fino all’arrivo di Newey 😀 😀

      1. Si lo so, era una maniera per esprimere i miei dubbi che in futuro possa cambiare qualcosa se non arriva una figura tecnico-carismatica che rimetta in ordine le cose, serviva Brawn.

Lascia un commento