Alonso: ‘Più spettacolo in F1? Dovremmo riavere il kers”

19 giugno 2014 18:15 Scritto da: Valentina Costa

Nella tradizionale conferenza stampa del giovedì che precede il ritorno della Formula1 in Austria, si parla relativamente poco delle aspettative per il weekend in arrivo e molto più del futuro dello sport. Una Formula1 che deve ritrovare il feeling con il grande pubblico, senza perdere d’occhio la necessità di contenere i costi. E Fernando Alonso propone qualche ricetta in merito…

alonso 2014

Parla poco del fine settimana in arrivo, Fernando Alonso. In un Gran Premio d’Austria che si preannuncia povero di sorpassi, la chiave di volta per tenere botta nei saliscendi del Red Bull Ring sembra passare da una buona qualifica: “il circuito è molto corto. Ci sono solo 5-6 curve nelle quali puoi fare la differenza. Credo che le macchine saranno molto vicine tra loro. Un distacco di 1-2 decimi può significare trovarsi in posizioni molto diverse, dunque dobbiamo fare un giro perfetto sabato”.

L’asturiano è tra i pochi piloti attivi ad avere già corso in Austria con una Formula1 ma, a differenza, ad esempio, di Jenson Button, ha un atteggiamento molto tiepido nei confronti dell’ex-A1 Ring: “ho corso qui nel 2001 e nel 2003, ma, se devo essere franco, non ho molti ricordi di questa pista: è passato troppo tempo”.

Fernando Alonso è invece assai più eloquente quando si parla del futuro dello sport. Dopo le ultime deliberazioni della F1 Commission (che ha adottato la proposta di tagliare il numero di test stagionali nel 2015 e di limitare all’Europa quelli pre-campionato), che puntano a rendere più sostenibili i costi per le scuderie, l’altro problema che si pone con urgenza è quello di ravvivare lo spettacolo di una Formula1 che sta vedendo crollare i propri ascolti.

Credo che lo show che abbiamo messo su quest’anno non sia stato abbastanza soddisfacente in alcune gare”, afferma candidamente Alonso. “Inoltre, quando un team è dominante come la Mercedes in questa stagione, gli spettatori probabilmente desiderano più azione. Il Gran Premio del Canada è andato in questa direzione e sembra che sia stato apprezzato. Cercheremo di offrire uno spettacolo migliore nelle prossime corse e se i team o i fan hanno delle idee, saranno le benvenute”.

La strada che ha preso lo sport in questi anni è quella del taglio dei costi”, continua l’asturiano. “Ci sono alcuni aspetti positivi in questo, come quello di ritrovarsi con una griglia più nutrita; d’altro canto questo è l’unico sport in cui non ti puoi allenare, il che non è l’ideale. Se per i piloti con esperienza non è un gran problema, per un rookie che arriva dalla Formula3 e prova una pista soltanto nelle libere, lo diventa. Tuttavia il contenimento dei costi è questione importante”.

Quando gli viene chiesto quale può essere la ricetta per ridare brio alla lotta in pista, il pilota della Ferrari sembra avere le idee piuttosto chiare. “Qualsiasi idea deve essere strettamente connessa con il problema del contenimento dei budget, e questo non è facile. A mio parere sulle nostre vetture dovrebbe tornare il Kers. Ora abbiamo un sistema elettrico di recupero dell’energia che ci dà spinta su rettilineo, ma non ci aiuta nei sorpassi: tutti usiamo la stessa energia negli stessi punti, dunque diventa impossibile sopravanzare gli avversari”.

L’altro grande tema è quello delle gomme: riportare la competizione tra i produttori di pneumatici potrebbe mescolare le carte in tavola. Si potrebbe anche, ad esempio, prendere spunto dalla MotoGp ed aiutare i piccoli team, dando loro gomme o carburante differente in gara”.

Con chi gli chiede cosa pensa delle difficoltà di Sebastian Vettel ad adattarsi alla vettura di quest’anno, soprattutto rispetto alle prestazioni del compagno Daniel Ricciardo, Alonso è lapidario: “Non lo so davvero. Abbiamo già abbastanza problemi a casa nostra. Non siamo affatto competitivi al momento, quindi non ci guardiamo attorno”.

16 Commenti

  • Ha detto KERS? Ha pronunciato seriamente quel acronimo, che è stato l’inizio di tante fallimenti regolamentari?
    Per tornare ad avere spettacolo ci vorrebbe un bel po’ di coraggio,
    Iniziando ad aver anche visualmente delle ali che non sembrano delle scalinate, ma biplani e basta.
    E l’ala posteriore dovrebbe essere un po’ più larga, senza DRS. Come le gomme più larghe, così da garantire che questi motori (tanto non si torna indietro) possono scaricare la potenza senza troppi problemi in accelerazione e non siano schiavi del aerodinamica quando si sorpassa.
    Offrire ai moristi, la possibilità di poter cambiare componenti durante l’anno, per recuperare terreno, è un dato di fatto che la Mercedes vincerà il mondiale, perché la concorrenza non può modificare componenti come per esempio il turbo.
    Caro Alonso questo sarebbe un pensiero di un tifoso, pensiero che l’acclamata Task Force dice di voler “sentire” ma non farà, dato che parlate ormai da decenni di Budget e Spettacolo per i Fans ma poi i soldi come per magia ogni anno ci sono, per voi!
    Quindi non mi illudo resterà tutto come è adesso, e sono sincero la Ferrari venderà anche più macchine stradali, ma vedo sempre meno passione e appassionati, e non è colpa dei tifosi.

  • alexredpassion

    kers???
    non ci sei proprio fernà… motori veri, benzina a fiumi e adrenalina.. ecco di cosa abbiamo bisogno!!

  • contebaracca

    Per fare la formula costruttori gommai ci vogliono altri due costruttori perché pirelli non è interessata al f1 se non da unico fornitore perché ha sempre detto che una f1 con più gommai il guadagno pubblicitario è inferiore al costo e darebbero forfait

  • ahahahahah
    che vi avevo detto?
    ci vorrebbe un altro costruttore di gomme e che le faccia solo per voi vero fernà???
    così si rivince qualche cosa…
    vai montezuma! ora con renzi ce la puoi fare!
    ahahahahah

  • Due piccoli appunti: 1 “se i team o i fan avranno idee saranno le benvenute”
    Ma quando mai la FIA o Bernie hanno ascoltato i fan?
    2: ho rivisto la gara d’Austria del 99 con Hakkinen che ha rimontato dall’ultima alla terza posizione, il tutto senza Kers, Drs né niente.

  • contebaracca

    Il posteriore è incredibilmente complesso.
    Allison?

  • c’è da dire che quest’anno, portano davvero novità ad ogni gara, al reparto aero gli si puo’ dire poco…lo sviluppo è costante

    il problema sta sempre nel progetto di base, come la macchina viene partorita, e quest’anno anche nel motore inferiore a quello mercedes(purtroppo)

  • il posteriore sembra bello aggressivo, speriamo la pista dia i riscontri giusti

  • Riporterei anche questo passaggio che mi pare manchi dell’intervista: “Abbiamo alcune componenti che arriveranno e a ogni gara cercheremo di valutarli. Domani in prova vedremo, cercheremo di comprendere quali mettere sulle macchina sabato e quali avranno invece bisogno di altri test per essere integrati con la macchina. Domani sarà un venerdì di test e speriamo di mantenere quelli buoni per il weekend di gara“.

  • Il lavoro di Allison si incomincia a vedere finalmente, speriamo che il nuovo pacchetto funzioni e sia deliberato per la gara…

    img1.auto-motor-und-sport.de/Ferrari-Formel-1-GP-Oesterreich-Spielberg-19-Juni-2014-fotoshowBigImage-8edc40f7-787973.jpg

    pbs.twimg.com/media/Bqf7VxdCUAIkMdo.jpg

    • Per ora c’è l’ala posteriore monopilone e il cofano “sexy” 😉 nulla di davvero nuovo. Spero possa girare in gara, perchè Domenica farà caldo ed in più il circuito è parecchio sopra il livello del mare, il motore gira al massimo per il 75% del giro, quindi anche qui per tutti ci saranno problemi di raffreddamento. Questo in teoria vediamo Sabato.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!