Austria: Ferrari a lavoro su prove comparative

20 giugno 2014 18:43 Scritto da: Mario Puca

La prima giornata di prove libere ha visto i due piloti del Cavallino impegnati nel confronto tra le varie soluzioni aerodinamiche disponibili.

Ferrari

Sono poche le novità che la Ferrari ha portato per il Gran Premio d’Austria, ma Alonso e Raikkonen hanno comunque avuto il loro bel da fare nelle prime due sessioni di prove libere, dedicandosi al confronto delle varie soluzioni di cui la F14T dispone al momento.

Partiamo dal cofano. La Ferrari ha riproposto il nuovo cofano allungato, soltanto collaudato in Canada e poi messo da parte per le temperature troppo elevate di quel fine settimana. Il nuovo elemento, però, ha subito già una modifica, con una vistosa apertura al di sotto della pinna terminale (FOTO) ed una bombatura poco prima della stessa (FOTO). Altra importante differenza (ben visibile nella foto precedente) relativamente al profilo a sbalzo (monkey seat), provato in stile McLaren, quindi con due profili fissati al pilone, oltre che in nuova versione, costituita da una svergolatura verso l’alto della struttura ad arco al di sotto della quale transita lo scarico.

Raikkonen, poi, ha svolto test comparativi sulle due versioni di supporto dell’ala della F14T, provando la versione a doppio pilone (FOTO) e quella con supporto singolo (FOTO). La scelta, per ora, sembra ricaduta sulla seconda versione, visto che entrambi i piloti l’hanno scelta per la seconda sessione di prove libere.

Nota finale per il posteriore, che presenta una piccola novità ai profili posti tra pneumatico e paratia dell’ala, diversi in numero e forma (FOTO). Piccola novità anche per la parte centrale della monoposto italiana, con una modifica ai deviatori laterali “a ponte”, lievemente allungati nella sezione verticale inferiore (FOTO). Nessuna novità, invece, per l’anteriore, anche se i due piloti hanno fatto scelte differenti circa i mozzi soffianti; solo Alonso, infatti, ha scelto la versione con il soffiaggio aperto, mentre Raikkonen ha optato per la versione chiusa (FOTO).

Al termine delle due sessioni di prove libere di oggi, le dichiarazioni degli uomini del Cavallino Rampante sono cautamente ottimiste. Pat Fry, Direttore dell’Ingegneria, ha affermato: “Tornare dopo undici anni su questo tracciato ha riservato un po’ di lavoro in più in questa prima giornata di pista, in cui Kimi e Fernando hanno completato un totale di 129 giri. Sebbene sia tra i più corti del calendario, il circuito di Spielberg presenta un’impegnativa serie di saliscendi fortunatamente già nota ai nostri due piloti, tra i pochi ad aver girato qui. L’asfalto freddo al mattino ha complicato il compito di mandare in temperatura gli pneumatici Soft, mentre nella sessione pomeridiana è andata meglio con le Supersoft. Tra le due sessioni abbiamo effettuato alcune modifiche all’assetto per rispondere alle differenti esigenze di guida dei piloti, ottenendo piccoli miglioramenti. Ovviamente questo non basta a dichiararci soddisfatti, poiché dobbiamo ancora trovare il bilanciamento perfetto e per questo motivo occorre studiare accorgimenti mirati a stabilizzare il comportamento della vettura, cercando di fare buon uso dei dati raccolti oggi. Domani sarà una qualifica molto tirata, soprattutto perché su un tracciato cosi breve anche un solo decimo potrà farci guadagnare o perdere molte posizioni in griglia, e per questo servirà un giro pulito e senza traffico. In merito al passo di gara, dietro le Mercedes troviamo un gruppo di vetture abbastanza vicine tra loro, con tempi sul giro molto simili e per questo motivo scattare da posizioni avanzate ci consentirebbe di non dover rincorrere i nostri avversari”.

Fernando Alonso pone l’attenzione sul fattore pneumatici: “Dalle gomme non è arrivata nessuna sorpresa, le Supersoft sembrano più veloci e certamente saranno le gomme della qualifica, ma per la gara è impossibile stabilire adesso quali saranno le strategie. Oggi è stato sempre nuvoloso ed è caduta anche qualche goccia di pioggia, ma se ci sarà sole nei prossimi giorni il comportamento degli pneumatici potrebbe cambiare. Le previsioni di bel tempo lasciano aperti i giochi e soprattutto la possibilità di regalare un bel weekend agli appassionati che già oggi hanno affollato il circuito”.

Raikkonen però ci tiene a riportare tutti con i piedi per terra, sottolineando:“Oggi è stata una giornata particolarmente intensa, come è normale quando si torna su una pista dopo molti anni di assenza. Nonostante le instabili condizioni meteo abbiano ridotto il tempo in pista nella prima sessione, siamo comunque riusciti a completare tutto il nostro programma, che oggi prevedeva l’analisi di nuove soluzioni aerodinamiche portate per questa gara. Insieme a Fernando ci siamo concentrati su differenti prove di assetto, io sull’anteriore e lui sul posteriore, in modo da poter confrontare i dati raccolti nella seconda sessione. Nel pomeriggio il feeling con la vettura è migliorato ma per varie ragioni, tra cui la mancanza di grip, il traffico e il vento, non sono riuscito a mettere insieme un buon giro, né a migliorare nell’ultimo settore”.

6 Commenti

  • in realtà di nuovo non c’era assolutamente nulla, piccolissime modifiche al cofano e deviatori.
    Quelle all’ala anteriore non sono migliorie, sono adattamenti alla particolare pista, lo fanno tutti, lo si fa sempre.
    Vediamo se implementeranno il cofano definitivamente.

  • AndrePredator

    Comunque non capisco perché la Ferrari abbia puntualmente bisogno di prove comparative interminabili per ogni pezzo. Perché gli altri montano i pezzi e vanno e noi perdiamo così tanto tempo?

    • comunque tutti i team quando portano nuovi pezzi fanno un confronto con quello vecchio per vedere se è meglio.
      Vedi la red bull ieri che ha provato sia la nuova ala anteriore sia la vecchia è hanno preferito usare la vecchia. per quanto riguarda il tempo che tu dici a dire la verità da quest’anno rispetto allo scosso hanno i pezzi quasi subito vanno (tranne qualcuno) tipo le modifiche portate in canada non sono state montate per un problema di temperatura

  • Per essere precisi all’anteriore c’erano due endplate diversi per l’ala anteriore, c’era un fondo diverso, c’erano due tipi di deviatori a ponte, c’erano insomma proprio poche novità no, semmai non così appariscenti.
    Tanto il problema è di motore più che di aerodinamica e domani le temperature saliranno.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!