Williams e i piccoli errori in Austria

25 giugno 2014 13:37 Scritto da: Alessandro Bucci

Rob Smedley torna a parlare del Gran Premio d’Austria della Williams Mercedes, evidenziando gli elementi che non hanno permesso al Poleman Massa di mantenere una posizione migliore in seguito al primo pit-stop. Il brasiliano ha infatti concluso in quarta posizione, preceduto anche dal compagno di squadra Bottas.

Monaco-Vector MARTINI Powerboat unveiling.

L’improvviso risveglio della Williams al Gran Premio d’Austria 2014, ha riportato in auge un nome legato alla Storia della Formula 1, cosa che non può che fare bene all’attuale massima serie. Tuttavia è legittimo domandarsi quanto e quando il team di Grove riuscirà a rimanere nelle posizioni alte dalla classifica, visto che le caratteristiche dei circuiti sembrano cambiare di molto i valori in campo, Mercedes a parte ovviamente.
Nelle ultime ore sembrerebbe essere stato dimostrato che il team britannico disponga dello scambiatore di calore acqua-aria montato nel telaio, proprio come la scuderia Mercedes, fattore che avrebbe permesso alla squadra inglese di fare un importante passo avanti.

La prima fila con entrambe le monoposto, ottenuta nelle qualifiche austriache dopo ben undici anni, aveva galvanizzato il team di Sir Frank che, in gara, non ha gestito proprio al meglio un elemento importante come la strategia. Il Poleman Massa si è infatti ritrovato in quarta posizione, dietro al compagno Bottas.

Non possiamo essere contenti. Avevamo una macchina in prima posizione e dopo un pit-stop ci siamo ritrovati quarti, questo per me è molto deludente” ha affermato Rob Smedley, rilevando comunque le attenuanti del caso: “L’in-lap di Felipe è stato più lento di quello di Valtteri che ha invece fatto il record per la Williams in corsa, in sostanza (Bottas ndr) ha guadagnato otto decimi e Massa ha anche lottato sul giro di uscita con la gomma warm-up…”.

Smedley si è rivolto al team dopo il week-end austriaco lanciando un messaggio ben preciso: “I piccoli dettagli sono importanti per arrivare alla vittoria, se una serie di dettagli non vanno per il verso giusto, quello che accade è che dal primo posto si finisce al quarto, non è abbastanza e non possiamo essere soddisfatti.”

3 Commenti

  • ma dai… è così evidente…. è ovvio che le dritte che hanno reso la Williams la 2a forza con motore Mercedes (vedi intercooler aria-acqua nel telaio) vanno ripagate, magari con una strategia di pit-stop suicida che renda poco problematico ai 2 Mercedes di passare in testa….

  • Williams e i piccoli errori in Austria.
    Il titolo più corretto dovrebbe essere le grandi dormite del muretto Williams, come quella in Bahrein, i pasticci in Cina, la strategia secondo me sbagliata in Canada di far rientrare Massa quando era in testa e quella in Austria. Se a questo aggiungiamo le sfighe in Australia, il guasto alla Pu a Monaco e il problema tecnico di Bottas in Canada fanno circa 70/80 punti buttati via

  • piccoli dettagli?massa non ha fatto un pit giusto quest’anno xD..manco la ferrari con tutto l’impegno ci riesce a far peggio..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!