FIA: chiuse le indagini sul test indoor di Red Bull e Toro Rosso

28 giugno 2014 09:30 Scritto da: Alessandro Bucci

Il team di Faenza, insieme agli ingegneri della Red Bull Racing, pochi giorni prima del Gran Premio d’Australia 2014 aveva effettuato un test al chiuso sul tappeto rotante nella struttura della AVL, in Austria. Si trattò di una prova motore. La Federazione, invitata a controllare che tutto fosse in regola, ha concluso sostenendo che Toro Rosso e Renault non hanno violato alcun punto del regolamento.

Jean Eric Vergne - Toro Rosso

La FIA ha definitivamente chiuso ogni tipo di indagine sul test indoor che vedeva coinvolti Red Bull, Toro Rosso e Renault. Le prove nella struttura della AVL, in Austria, sono stati effettuati in piena conformità delle regole.

Ricapitolando, per chi si fosse perso qualche puntata: una fonte anonima, pochi giorni dopo gli ultimi test invernali  tenutisi in Bahrain, aveva messo in allarme la Federazione sostenendo che gli ingegneri della Red Bull, unitamente a quelli di Toro Rosso e Renault, avessero svolto una prova illegale sei giorni prima del Gran Premio d’Australia, infrangendo le restrizioni previste dal regolamento. In realtà si trattò di un test nel pieno spirito della normativa sportiva, considerando che rispettava i dettami dell’appendice 8 del regolamento sportivo, all’articolo 5.2, come tempestivamente riportato da BlogF1.it.

La FIA, chiamata a fare chiarezza sulla questione, ha chiesto tutti i dettagli relativi a quelle prove ed ha potuto riscontrare il corretto impiego dei nastri della AVL, sulla quale ha girato la Toro Rosso STR9 senza ali assemblate né sensori per la rilevazione aerodinamica.  Pertanto, a indagini concluse, la Federazione ha accertato che non vi è stata alcuna infrazione al regolamento.

“Per quanto ci riguarda, abbiamo sostenuto Toro Rosso cercando di ottenere un altro modo per chiudere il gap in termini di prestazioni che avevamo in quel punto“, ha dichiarato il responsabile delle operazioni di pista Renault Rémi Taffin. “I nostri banchi di prova erano tutti occupati e, così, abbiamo colto al volo l’occasione, cercando di ottenere il massimo rispetto alle strutture disponibili a Viry”

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!