Silverstone si veste di rosa per omaggiare John Button

3 luglio 2014 08:16 Scritto da: Alessandro Bucci

Per il Campione del Mondo 2009, l’edizione 2014 del Gran Premio di Gran Bretagna sarà la prima senza il padre John, scomparso il 12 gennaio 2014. Il pilota inglese della McLaren ha organizzato una bella iniziativa a scopo benefico per ricordare il papà, facendo tingere di rosa Silverstone.

Jenson Button

Figura onnipresente nei week-end di gara, John Button, conosciuto anche come “l’uomo vestito di rosa”, si è spento all’età di settant’anni nel gennaio di quest’anno, a causa di quello che si presume essere stato un infarto. Per Jenson Button la figura paterna è sempre stata molto importante e fonte di grande ispirazione. John, a parte una sola rara occasione (il GP del Brasile 2001, ndr), non ha mai mancato di partecipare ai GP del figlio, sprigionando sovente molta simpatia ed energia, in una Formula 1 spesso ingessata e lontana dalla spontaneità.

Molti di voi lo ricorderanno soprattutto rimembrando la stagione 2009, quella che vide JB laurearsi Campione del Mondo al volante della Brawn GP motorizzata Mercedes. Restano celebri, ad esempio, i festeggiamenti di John in compagnia della fidanzata del figlio, Jessica Michibata, ripresi anche dal celebre Giorgio Serra (in arte “Matitaccia”) in una delle sue vignette.

John Button, nato a Londra il 27 luglio del 1943 ed ex pilota di Rallycross inglese, è stata una figura molto importante anche per la carriera di Jenson Button, il quale non ha mai mancato di dimostrare riconoscenza nei confronti del padre.

Il pilota inglese della McLaren Mercedes, il cui casco 2014 porta un disegno del Grande Puffo in memoria del padre,  ha parlato delle sue emozioni in vista del week-end di Silverstone, riferendosi in particolare all’assenza di papà John: Quest’anno Silverstone sarà ancora più speciale per me. Probabilmente un po’ più emotiva, rispetto al normale. Solitamente è un week-end molto emozionante, visto il grande supporto dei tifosi, ma quest’anno lo sentirò in modo particolare. Stiamo cercando di radunare il maggior numero di persone vestite di rosa, al momento ci stiamo riuscendo, io indosserò un casco rosa, a Silverstone ci sarà un sacco di colore rosa per ricordare il mio ragazzo“.

L’iniziativa di Jenson Button ha anche uno scopo benefico, dal momento che il denaro ottenuto dalle t-shirt vendute, andrà alla Fondazione Henry Surtees, istituita dall’ex campione del mondo John Surtees dopo che suo figlio Henry è deceduto in un incidente in Formula 2, nel luglio del 2009, sul circuito di Brands Hatch.

4 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!