Bianchi: “Ferrari? Non è questo il piano per il prossimo anno”

10 luglio 2014 14:35 Scritto da: Valentina Costa

Il giovane pilota della Marussia parla della sua giornata di test Pirelli a Silverstone con la F14T. Un’opportunità arrivata dopo il forfait di Kimi Raikkonen in seguito al gran botto rimediato nelle prime fasi del Gp di Gran Bretagna. Bianchi spiega cosa significa guidare per la Scuderia, e racconta le sue ambizioni di lungo termine che, non è un mistero, riguardano proprio il Cavallino Rampante..

TEST GRAN BRETAGNA F1/2014

Jules, com’è stato tornare su una Ferrari?

Jules Bianchi: E’ stato davvero bello. Guidare una Ferrari è sempre una grande esperienza. Ovviamente, avevamo un programma preciso per il test, che era abbastanza impegnativo, e lo abbiamo completato quasi tutto, il che mi rende anche più soddisfatto.

Quando hai scoperto che avresti sostituito Raikkonen?

JB: Lunedì, non ricordo precisamente quando. Ma era lunedì sera, più o meno.

Il fatto di essere stato scelto, ti dà fiducia che la Ferrari possa essere interessata a te in futuro?

JB: Beh, ovviamente essendo parte dell’Academy (Ferrari Driver Academy, programma per lo sviluppo e la crescita dei giovani piloti promosso dalla Scuderia Ferrari, ndr), credo che sia l’obiettivo, un giorno. Devo mostrare loro che sono pronto in ogni caso, e poi si vedrà. Ma al momento in Ferrari ci sono due buoni piloti che stanno facendo un buon lavoro, dunque non penso sia quello il loro piano.

Hai fatto il tempo migliore nei test di ieri, è stata una bella prova?

JB: Si, penso di essere stato consistente e di aver fatto dei buoni tempi sul giro. Credo che il tracciato fosse differente, dunque è abbastanza difficile fare dei confronti, ma è sempre bene fare dei buoni giri ed essere consistente. Dunque sono soddisfatto della giornata.

Hai dei buoni termini di paragone dopo aver guidato qui durante il fine settimana e due giorni fa con la Marussia… come confrontare le vetture?

JB: La Ferrari ha ovviamente più deportanza qui, questo lo sapevamo già. Dunque è meglio negli angoli ad alta velocità. Non posso davvero fare un raffronto, perché si è trattato di giornate differenti, il vento era un po’ diverso, non abbiamo usato le stesse gomme, né gli stessi carichi di carburante, dunque è difficile fare un paragone. Ma quello che ho sentito è sicuramente una maggiore deportanza.

TEST GRAN BRETAGNA F1/2014

Quanto lavoro aerodinamico e sulle gomme hai svolto?

JB: Abbiamo lavorato di più sull’aerodinamica, con dei diversi set-up. Stavamo cercando di trovare delle soluzioni per migliorare la vettura e credo che siano venute fuori delle cose interessanti. Ma dobbiamo ancora verificare cosa ha funzionano oggi e magari qualcosa potrà essere utilizzata.

Si trattava di condizioni differenti, ma nel profondo della tua mente avevi intenzione di migliorare le prestazioni di Kimi Raikkonen e di avvicinare i tempi delle prove libere 2 di Fernando Alonso venuti fuori lo scorso fine settimana?

JB: Si, certamente è molto meglio fare un buon lavoro e un buon tempo sul giro. Tuttavia non si possono fare confronti, perché loro stavano correndo in delle Libere e il vento era diverso.

Che rimpianti avresti se nella tua carriera non riuscissi a correre per la Ferrari?

JB: Al momento so che non è questo il piano per il prossimo anno, perché hanno in mente altri piloti, dunque al momento mi concentrerò su quello che devo fare con la Marussia, cercando di tirare fuori buoni risultati. Penso che abbiamo già fatto vedere che, quando ne abbiamo l’opportunità, siamo in grado di fare un buon lavoro, dunque è davvero importante per me continuare così. Il giorno in cui mi vorranno, io sarò pronto.

Era tua intenzione mostrare in questa giornata di test come potresti essere in Ferrari e quanto bene puoi comunicare con il team? Hai sfruttato questa occasione?

JB: Credo di aver mostrato alla squadra di poter lavorare bene, di poter essere veloce, ma quella di ieri era solo una giornata di test, dunque non era un obiettivo paragonarmi con altri piloti. L’obiettivo era migliorare la vettura e cercare di aiutare il team. Credo di aver fatto il mio lavoro e ne sono contento.

Questa è la quinta Ferrari che guidi. Hai fiducia che questo rapporto che ti lega alla Scuderia possa aiutarti a restare in F1 fino al momento in cui ci sarà un sedile libero nel 2016?

JB: Questo è l’obiettivo. Non è mai facile stare in Formula1, ma spero di mostrare alla Ferrari che merito di rimanerci, affinché loro possano aiutarmi.

 

16 Commenti

  • Però io non vi capisco gente, avete tutti dato ragione a Giovanna Amati quando ha detto che i giovani devono fare la gavetta in squadre minori e ora con Bianchi non vi sta più bene?

  • Mentalita’ italiana..i giovani devono farsi il c”o prima di diventare qualcuno,nonnismo del ca..o,aspettiamo pure ke si bruci.da una parte meglio cosi..in ferrari gli aspetta solo di divenire il secondo di alonso con la seconda squadra,ed i secondi pezzi(vedi raikkonen)

  • bianchi lotterà con alonso nel 2016 su una fantastica macchina, ci spero

  • Forse la cosa più intelligente che la Ferrari stia facendo è proprio quella di lasciare che si faccia le ossa per poi valutare seriamente un suo impiego in prospettiva 2016..mi piacerebbe vederlo l’anno prossimo su una vettura di medio-alta classifica.

    • Si ma purtroppo a meno che un team lo voglia, Ferrari può solo spingere per metterl. In SSauber, e visto come va la Sauber a quel punto è meglio la marussia

      • Si infatti. Pensavo sarebbe bello vederlo su una Williams performante come quella di quest’anno. Ma dubito che Bottas e Massa vadano via. Già in Force India non sarebbe male..

  • Alessandro HAMALORAI

    Prima del mondiale, la coppia Ferrari era stata denominata “il dream team”, ma a dire la verità sembra più un “nightmare team”.

    Come dissi spesso quest’inverno: inutile stare a menarsela sulla gestione piloti “2 galli nel pollaio” se poi ci si ritrova con una carriola da metà schieramento.

    Non so nemmeno quanto avrei visto di buon occhio un Bianchi o un Hulk “bruciarsi” su tale carriola!!…vedi Ivan Capelli ’92 o Fisichella ’09!!

  • Mi immagino i commenti se avessero preso Bianchi al posto di Kimi, ma anche Hulkemberg, avrebbero detto Alonso non vuole piloti al suo livello…
    Bravo Bianchi continua così, ti aspettiamo.

  • Be credo che l’anno scorso, quando hanno messo Kimi sotto contratto, nessuno in Ferrari avrebbe pensato ad una stagione così tribolata del finlandese, sicuramente valutando la situazione ad oggi, se fosse stato promosso Bianchi difficilmente avrebbe meno punti di Kimi, xò risparmiando tanti milioni. Ma è solo uno dei tanti errori fatti dalla Ferrari negli ultimi tempi. Purtroppo.

  • Al posto di Kimi ultra trentenne si potevano benissimo ingaggiare o Bianchi, o Valsecchi oppure Hulkenberg… Però in Ferrari si ha sempre paura delle sfide… Meglio l’usato “sicuro”.

    • Penso che perfino Perez, che ricordo faceva parte dell’ FDA, avrebbe fatto meglio di Kimi. Detto col senno di poi, perché se qualcuno l’anno scorso mi avesse detto Kimi l’anno prossimo raccoglierà una ventina di punti nelle prime nove gare non gli avrei mai creduto viste le ottime stagioni in Lotus.

  • E a questo punto mi chiedo… perché svenarsi per avere Räikkönen e qualche decina di punti quando con la ventesima parte dei quei soldi si potrebbe avere Bianchi? No invece, tenetelo a marcire in Marussia.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!