Hockenheim, ma che fine ha fatto il pubblico sugli spalti?

20 luglio 2014 01:41 Scritto da: Alessandro Bucci

Affluenza di pubblico in netto calo nel Gran Premio di Germania 2014. Se nelle prove libere del venerdì i colorati spalti di Hockenheim erano praticamente deserti, in qualifica non si sono comunque registrati grandi miglioramenti in tal senso. Gli uomini di Bernie Ecclestone hanno cercato di fornire delle spiegazioni in merito a questo fiasco, ma esse non sono appare particolarmente convincenti…

Hockenheim Germania

Con un Quattro volte Campione del Mondo teutonico iscritto al Mondiale ed un pilota con passaporto tedesco che guida la classifica Piloti, si potrebbe facilmente pensare che, al Gran Premio di Germania, gli spalti siano gremiti di tifosi entusiasti, armati di bandiere tedesche e gadget di ogni sorta. Senza contare, poi, che la scuderia che sta dominando la stagione – il team Mercedes AMG F1 – ha sì base in inghilterra, ma ha licenza tedesca. Insomma, gli elementi che potrebbero richiamare un pubblico di casa, ad Hockenheim, ci sarebbero eccome.

E invece no. La realtà si è dimostrata ben diversa sin dal primo turno di prove libere, con le colorate tribune dell’Hockenheimring desolatamente vuote. Uno spettacolo triste che mette in evidenza un momento di crisi per la Formula 1, perlomeno in una location dove, sino a qualche tempo fa, si respirava invece tutta la passione per il Motorsport e per la categoria regina.

Sembrano così lontani, infatti, i tempi in cui ad Hockenheim si poteva assistere ad un mare di bandiere tedesche sventolanti per il Kaiser di Kerpen, Michael Schumacher. Bisogna prendere atto che il Campione del Mondo in carica, Sebastian Vettel, non possiede quell’appeal di altri suoi colleghi pluri titolati, mentre al contempo, il sottovalutato Rosberg, non sembra in grado di trascinare tifosi all’autodromo. Tuttavia, molto probabilmente, i motivi di questa crisi si estendono alla Formula 1 contemporanea che non diverte più, fatica ad esaltare i tifosi, intrappolata in un mare di regole e regoline, di penalità, di divieti, di vie di fuga ultra asfaltate che livellano tutto o quasi. Quella odierna è una Formula 1 anestetizzata che delude i fan di vecchia data e non attrae i più giovani, interessati da competizioni più adrenaliniche, ma soprattutto, più genuine.

I costi aumentano e l’audience cala
, non solo quella costituita dal pubblico sugli spalti, ma anche negli ascolti televisivi, aspetto che senza dubbio fa andare su tutte le furie il Patron della F1, Bernie Ecclestone. I porta voce dell’imprenditore britannico, per cercare di dare una giustificazione a questo calo di spettatori ad Hockenheim, hanno tirato in ballo la vittoria della Nazionale di Calcio alla Coppa del Mondo 2014 in Brasile, strappando un sorriso amaro a più di un addetto ai lavori.
Signori miei, la conquista della Coppa più ambita da parte dei tedeschi non c’entra proprio niente con questo flop di tifosi ad Hockenheim. Se il pubblico si sta progressivamente stancando di questa Formula 1, è per motivi di costi, di scarsa attrazione e perchè i problemi che attanagliano la massima serie sono evidenti, ma mai risolti. Se la F1 non uscirà dalla dimensione che si è cucita addosso, ascoltando maggiormente le richieste del proprio pubblico, il Circus della F1 si trasformerà sempre di più in uno Sport d’élite, con il rischio di veder correre delle vetture dinanzi a tribune sempre più vuote.

16 Commenti

  • se le power unit sono congelate vuol dire che il mondiale è deciso a marzo perchè dovrei pagare sky l’intero anno? disdetta in massa forza

  • Come era il fatto? Ibrido, tecnologia, v6, consumi ridotti, la tranquillità delle pecore nelle vicinanze dei circuiti ecc ecc.. Oggi stavo guardando la gara e a un certo punto ho sentito fuori dalla finestra lo stesso rumore delle auto di quest’anno.. mi sono precipitato pensando ci fosse un’auto di formula 1… e poi mi sono accorto che era un motorino 50 di quelli poco rumorosi!! Queste non sono auto, sono macchinine telecomandate..

    • Si certo… il problema è il rumore…..

      A me sembra evidente che i problemi sono altri, non i db che escono dal tubo di scarico.

      – benzina contingentata che costringe i piloti a corre al risparmio
      – gomme ancora un po troppo da gestire
      – regolamenti di gara cervellotici ed applicati a giorni alterni
      – l’impossibilità di darsi battaglia vera in pista restando entro i limiti del regolamento.. per dire il duello Alonso Vettel di Silverstone avrebbe comportato sanzioni per entrambi se il regolamento fosse stato applicato alla lettera

      oltre a questo un campionato di fatto già chiuso e con la rossa fuori dai giochi non aiuta gli ascolti ne in Italia ne all’ estero.

      P.S. anche i prezzi dei biglietti degli autodromi certo non invitano… già di base la F1 è uno sport che si segue meglio in TV che dal vivo… ma quando chiedi 140 euro solo per l’accesso al prato la sola domenica e 400 euro per il posto a sedere più sfigato è difficile aspettarsi il tutto esaurito in questi tempi di crisi…

      • alexredpassion

        premesso che mi trovi d’accordo sui 4 punti che hai elencato (anzi, ne andrebbero aggiunti molti altri), si certo, il problema è anche il rumore.
        Ma uno che scrive “già di base la F1 è uno sport che si segue meglio in TV che dal vivo” non credo potrà mai capirlo.

  • Goduria!! Oppure per citare qualcuno di famoso..”Liiiibidineeeee”. Spero proprio che la baracca fallisca!!! L’hanno distrutta!!! E spero che a Monza quest’anno per protesta non ci vada nessuno!!!!!

  • Bisognerebbe incominciare a porsi delle domande…

  • alexredpassion

    come mai la cosa non mi stupisce?? ah già.. perchè l’avevo previsto 6 mesi fa…

  • Regole assurde stanno strangolando la f1 e il peggio è che ancora non hanno capito.
    Tanto per dirne una la coerenza e la chiarezza con cui negli ultimi 2 gp hanno richiamato i piloti che uscivano larghi oltre la linea bianca, annullando pure qualche giro in qualifica, e che ieri se ne sono altamente infischiati mettendo in imbarazzo pure i commentatori che si sbilanciavano a dire che alcuni piloti avrebbero avuto tempi annullati, sembra che la federazione dorma tutto il tempo ed ogni tanto, completamente a caso, esca con una idiozia tanto per far vedere che esiste.
    Non ci meravigliamo che se in Germania è così ne vedremo anche di peggio.

  • Giusto una considerazione: Rosberg può mettere i colori che vuole, il pubblico tedesco sa benissimo che con la Germania c’entra ZERO.
    Il problema di fondo, secondo me, rimane uno ed uno solo: questo campionato è ancora più scontato del 2009, o del 2011. Che diavolo vado a guardare, qualcosa di cui conosco già la fine? Con “la massima serie automobilistica” (cit. J. Todt) che va 1 secondo al km più piano della scorsa stagione? Puah. A momenti pare di guardare il Wrestling: bellino, ma terribilmente finto, a tratti scontato. E queste vetture così efficienti, ma tanto distanti dall’idea di mostri assurdi condotti da gente con attributi d’acciaio, parliamone. Si è perso il fascino, l’appeal, chiamatelo come volete.
    Ma a chi vuoi che freghi? A gente che si è appena divisa 1 miliardo di euro di dividendi? Illusi. C’è ancora margine per fare peggio.

  • E di certo non possono usare la scusa della crisi…in Germania..

  • Allora non avete capito che se la Ferrari non vince non c’è sfizio é se non c’è sfizio il pubblico non si diverte é se non si diverte non va a vedere lo spettacolo ,cioè vincere la Ferrari.

  • Anche, come è anche scritto, se il leader del mondiale piloti è tedesco e la scuderia è la Mercedes non si anno gli spalti gremiti, anzi sono vuoti (che è molto più corretto) per molteplici fattori:
    – i costi sono elevati
    – il loro leader principale (Vettel) non sta avendo buoni risultati
    – i tedeschi sono quasi tutti nella riviera romagnola.
    Questi sono i motivi, secondo me, nel vedere il “Vuotodrome”

    Forza Ferrari Go!
    La Scuderia più vincente nella storia della Formula 1

  • mimmo stigazzi

    Più che le tribune vuote al venerdì a me sorprende la gente presente la domenica in gara, con queste regole di merda è un miracolo che ci sia ancora qualcuno disposto a spendere un sacco di soldi per vedere queste gare

  • Godooooooo menomale che il nano aveva detto che solo in Italia c’era un evidente calo dovuto ai risultati Ferrari!
    Forse finalmente capiranno che:
    – la f1 deve essere una gara “sprint” dove i piloti devono lottare in pista fino alla fine senza pensare a gestire la benzina, non una mezza endurance
    – che lo sviluppo dei motori non deve essere bloccato rendendo più difficile a chi insegue recuperare
    – che i piloti non devono aver paura di tentare sorpasso temendo sanzioni per la minima sbavatura
    – che i circuiti non devono essere insulsi come la maggior parte dei tilkodromi, che cambino architetto invece di pensare pure di togliere Spa, Monza e altri circuiti storici!
    – che il mondiale deve essere trasmesso in diretta in chiaro, non costringere i tifosi a spendere per sky (se possono) quando poi spesso lo spettacolo non è all’altezza, prima pensassero a migliorare l’appeal!
    – che anche il rombo dei motori contribuisce pesantemente ad aumentare il fascino delle gare!

    Ok mi sono sfogato!!! GODO GODO GODOOOOOOOOOOO!!!!

  • Semplice… tutti in ferie, con i soldi succhiati agli Italiani.

  • ferrari_alonso

    Tristezza infinita vedere la fine che sta facendo il tuo sport preferito

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!