Lauda fa retromarcia: “Chiedo scusa alla Ferrari e ai tifosi”

22 luglio 2014 14:52 Scritto da: Redazione

Niki Lauda fa retromarcia e, dalle pagine di Gazzetta, chiede scusa alla Ferrari e ai suoi tifosi per i toni offensivi usati contro la Scuderia.

lauda-montezemolo

Dire che Lauda abbia usato espressioni colorite contro gli avversari in Formula 1, è praticamente un eufemismo. L’ex pilota austriaco – oggi Presidente non esecutivo di Mercedes – si è lasciato andare a veri e propri insulti contro Ferrari e McLaren, definendo le loro auto “di merda”. Senza peli sulla lingua e con zero censura, Niki ha fatto il solito danno mediato, tanto da costringere Toto Wolff a mettere una pezza: “A Lauda piace andare controcorrente, ma la sua è una posizione personale, non della Mercedes”.

Lauda oggi fa un passo indietro, chiedendo scusa alla Ferrari (ma non alla McLaren, ndr) per le parole dette: “Chiedo scusa alla Ferrari e al Presidente Montezemolo, oltre che ai tifosi italiani: non dovevo usare proprio quella parole. Ho sbagliato e ora non cerco giustificazioni. Sono stato troppo pesante nel termine, perdonatemi”. E nel tentativo di sdrammatizzare, ha aggiunto: “E’ un po’ come se fossi arrivato lungo in frenata, può succedere”.

Una retromarcia, in realtà, che ha un sapore molto politico. Lauda incontrerà, infatti, Montezemolo a Maranello per un summit sulle nuove regole concordate con Todt, Ecclestone e gli altri team. Ma, come lui stesso ha affermato, ha già avuto modo di chiarirsi con lo stesso Montezemolo: “Anche a lui ho spiegato la mia costernazione per questo incidente che non doveva affatto capitare”.

33 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!