Ferrari sorride in Ungheria: 2° Alonso, 6° Raikkonen

27 luglio 2014 20:37 Scritto da: Valentina Costa

Sfiora la vittoria Fernando Alonso, che nell’ostico Hungaroring trova il miglior risultato stagionale dopo una gara coraggiosa, come le scelte del box Ferrari. Buona prova anche di Kimi Raikkonen, che risale la classifica, svernicia Sebastian Vettel e arriva sesto a traguardo dopo essere partito sedicesimo.

alonso gara ferrari
Giornata di forti emozioni per i tifosi della Ferrari che, nella pazza gara ungherese, quasi arrivano ad assaporare la gioia della vittoria. Con una F14T apparsa decisamente più in forma su pista fresca e umida, Fernando Alonso tiene la testa del Gp di Ungheria per 27 giri. Arriva al traguardo sui copertoni dopo 32 tornate su gomme Soft, compiendo l’impresa di contenere le due Mercedes, ma non Daniel Ricciardo. Buona gara anche di Kimi Raikkonen: partito dall’ottava fila, dopo una primissima parte di corsa abbastanza silenziosa al margini della zona punti dietro la Sauber di Gutierrez, il finlandese approfitta del caos creato dalle due safety car, conduce con grande perizia un lunghissimo stint centrale su gomme Soft (33 giri) e tira fuori le unghie nel finale. Chiude sesto dietro la Williams di Felipe Massa. Buona anche la strategia della Ferrari che, nonostante il clamoroso errore con il finlandese nelle qualifiche, decide di rischiare ancora, spingendo Alonso e Raikkonen a due stint molto lunghi su gomme morbide.

La cavalcata di Fernando Alonso comincia già dalla partenza. Il pilota della Ferrari scatta bene dalla quinta posizione: sfila Ricciardo e per qualche curva beffa anche Sebastian Vettel, che lo ripassa al secondo giro. Alla prima entrata in pista della safety car, l’asturiano è tra i piloti che perdono terreno nella danza dei pit stop: rimane in pista un giro di troppo e si ritrova ottavo, sempre dietro Sebastian Vettel.

Alla ripartenza della gara, Alonso riesce a passare il della Red Bull. In queste fasi concitate, approfitta delle difficoltà di Nico Rosberg con i freni della W05 Hybrid per superarlo e si sbarazza al giro 16 anche di Jean Eric Vergne. Si tratta di tre azioni fondamentali per l’economia della sua gara: con il pilota della Toro Rosso a fare da tappo alle due Mercedes e a Vettel, Alonso può staccarsi.

Con l’entrata in pista della safety car per la seconda volta, al giro 23, e Ricciardo ai box, i distacchi si azzerano, ma Alonso si ritrova leader della gara. L’asturiano fa segnare diversi giri veloci, salvo poi perdere terreno nei confronti di Lewis Hamilton.

La seconda sosta per lo spagnolo arriva al giro 38: a sorpresa il box monta gomme soft sulla sua F14T. In un team radio in italiano, Andrea Stella lo invita a tentare l’impresa di andare fino in fondo. Sembra una follia, perché al traguardo mancano più di 30 giri. Al giro 45 Alonso è secondo, abbastanza distante da Daniel Ricciardo, con dietro le due Mercedes di Hamilton e Rosberg in lotta (di nervi…) tra loro. Con Ricciardo ai box, al giro 56 Alonso trova di nuovo la testa della gara.

Il rendimento delle sue gomme comincia però a calare vistosamente, così come il suo ritmo: Hamilton comincia a farsi sotto, con Ricciardo dietro di lui che arriva di gran carriera. Sul circuito ungherese è difficile superare e l’asturiano resiste all’assalto del pilota della Mercedes per numerosi giri. Con Hamilton che comincia a soffrire sulle sue gomme medie, l’attacco arriva da Daniel Ricciardo. Il pilota Red Bull supera Alonso quando mancano tre giri alla bandiera a scacchi. La sofferente resistenza del pilota della Ferrari continua allora sulle due Mercedes. Ma Lewis Hamilton, dietro di lui, deve guardarsi dal ritorno del compagno di squadra. Per Alonso arriva allora un bellissimo secondo posto.

Sono estremamente soddisfatto. È stato un weekend duro in una stagione difficile. Arrivare sul podio è sempre una bella sorpresa. Abbiamo corso un azzardo per cercare di cogliere la vittoria e ci siamo arrivati molto vicini”, afferma Fernando Alonso sul podio. “Sono orgoglioso del team e del lavoro svolto oggi. Si è trattata di un’associazione di fattori che hanno reso difficile capire la corsa: abbiamo colto le nostre opportunità, sfruttando la nostra esperienza. Servono corse un po’ pazze per andare a podio, e noi oggi siamo andati a podio”.

Bella gara, anche se lontano dalle luci della ribalta, per Kimi Raikkonen. Il finlandese, dopo il clamoroso errore della scuderia in Q1, parte sedicesimo e guadagna subito due posizioni al via. Supera la Sauber di Sutil, ma poco può quando arriva Lewis Hamilton alle sue spalle. All’entrata della safety car in pista dopo l’incidente di Ericsson, Raikkonen viene chiamato subito ai box a montare gomme soft. Il guadagno sugli avversari non è immediato ma, con il ritiro di Gutierrez, è 11esimo al giro 17.

Il finlandese comincia a gestire il suo treno di gomme soft: è nono alla seconda entrata in pista della safety car, dopo il botto di Perez e, con gli avversari ai box, risale addirittura fino alla terza posizione quando arriva il momento di fermarsi per la seconda volta. Raikkonen rientra a cambiar gomme al giro 42: torna in pista ottavo mentre sopraggiunge Sebastian Vettel e, nonostante le gomme fredde, gli sbatte ripetutamente la porta in faccia, chiudendogli la traiettoria e accompagnandolo quasi fuori pista. Raikkonen supera subito dopo all’esterno Pastor Maldonado e si mette alla caccia di Felipe Massa. Lo raggiunge, lo bracca, resta vicinissimo alla Williams per molti giri, ma non riesce a trovare lo spunto giusto per passarla. Arriva sesto al traguardo.

Soddisfatto anche Marco Mattiacci: “Grande gara di Fernando, assolutamente abbiamo fatto una grande battaglia in un weekend difficile”, afferma ai microfoni di Sky Sport. “Bene anche Kimi. E anche grande reazione della squadra, perché prima di tutto siamo una squadra, e questo è quello che Ferrari merita”.

30 Commenti

  • Come avrebbe commentato Enzo Ferrari: “Il secondo è il primo dei perdenti.”

  • contebaracca

    Alonso stratosferico ma un pelo di gloria va data anche alla Ferrari perché a parita di gomme ed usura era comunque molto vicina alle red bull quindi su questo tracciato era meno pessima del solito, infatti kimi se non fosse incappato nella strategia un po troppo azzardata di sabato, forse quinto lo faceva facile e forse metteva in difficoltà sia ricciardo che Rosberg magari dando due giri di respiro ad Alonso e ora parlavamo di una vittoria e un quarto / quinto posto di kimi?
    Ferrari discretamente competitiva sul quel tracciato il resto gentilmente offerto da Nando.

  • Ottimo risultato, ovviamente, per entrambi i piloti.
    In questo GP la F14T si è dimostrata competitiva e con un buon bilanciamento. Il primo in cui la Ferrari non ha portato aggiornamenti da provare.

    Sappiano che queste nuove vetture non sono facili da bilanciare e avere impiegato 3 sessioni di prove libere interamente a trovare il migliore setup ha dato i suoi frutti.

    Allora, forse, la Ferrari ha sempre sbagliato nella modalità di testare le nuove soluzioni. Probabilmente provano e riprovano fino a quando sono certi che il pezzo montato sulla vettura dia dei benefici. Tipico atteggiamento conservativo.
    A differenza, per come dicono, della Red Bull che monta direttamente i pezzi nuovi in macchina.

    Se ciò che ho scritto fosse vero, è possibile che gli uomini in Rosso non se ne siano accorti?

    Forza Ferrari Go!

    Scuderia Ferrari, la Scuderia più vincente nella storia della Formula 1.
    16 Titoli Costruttori & 15 Titoli Piloti.

  • Per me vedere quell’arrivo,con le Mercedes relegate a guardare la targa è stato una guduria… e Nando sullo sterzo un pò di rabbia l’ha scaricata,si è vista la F14T scartare di rabbia e MI E’ PIACIUTO !!!

  • Alonso grandissimo pilota ieri ma come al solito quando si parla di ferrari si esagera a dismisura !!!

    ( qualcuno ha addirittura usato espressioni bibbliche ), ogni volta è sempre tutto merito di Alonso, chissà come mai però Kimi dalla 20° è risalito alla 5° pur essendo sempre stato in difficoltà con questa Ferrari, vuol dire che la vettura in queste condizioni era competitiva !

    Ma definire questa gara bibblica è un esagerazione, io non ho assolutamente visto ancora sportellate da parte di Alonso o contatti al limite o sorpassi a ruote fumanti o di traverso.

    grandissima gestione della gara, ma gli attributi si vedono in altre situazioni

  • Giuseppe.Ferrari

    @Fabietto, ciao. Hai per caso rumor su eventuali altre novità che la Ferrari potrebbe portare a SPA ed eventualmente confermare a Monza?

  • Non mi emozionavo ormai da tempo per un Gp di Formula 1,ma quando c’è una Rossa lì che soffre,il mio cuore risponde,grazie Fernando,qualsiasi sia la tua decisione per il futuro onore e rispetto a te, Forza Ferrari… non è forte chi non sbaglia mai,ma chi impara dai propri errori per diventare ancore + forte,questo dovrà essere il nostro spirito!!!

  • ferrari_alonso

    Non so voi ragazzi, ma a me questo pilota di nome Fernando Alonso regale le stesse emozioni dei grandi del passato..è destinato a entrare in quell’olimpo, che vinca ancora o meno.

  • Ci voleva Briatore al muretto Ferrari, a 5 giri dalla fine avrebbe fatto schiantare Raikkonen contro il muro, safety car, gara congelata e Culonso vinceva……….

  • PazzoINRosso

    Ma secondo voi è merito di Alonso che le gomme siano durate tanto oppure è l’unico mezzo-pregio della F14T?

    • Giuseppe.Ferrari

      Dopo 15 giri le gomme erano già finite, quindi non parlerei di merito della F14T…

      • Tra l’altro, erano gomme usate ragazzi!

      • Ma figuriamoci…:
        a. dopo 15 giri le gomme erano a posto, per carità;
        b. altri piloti hanno usato soft per una trentina di giri (in primis Ricciardo);
        c. nelle fasi finali della gara abbiamo avuto la fortuna di ritrovarci dietro Hamilton con gomme medie anch’esse usurate, un occhio al Mondiale ed un altro a Rosberg che tornava a spron battuto.
        Per favore non trasformiamo in leggendario ciò che non è, e per una volta diciamo che la Ferrari ha dato ai piloti una vettura affidabile e abbastanza performante (sul bagnato senz’altro).

      • giuseppe alonso stava gestendo se no 30 giri non li fai quindi visto che non era neccesario a spingere dopo che massa è rientrato ha pensato a gestire invece di spingere a manetta

  • Non ci crederete ma per vari problemi questa gara sono riuscito a perdermela :( però qualche giro finale me lo sono proprio goduto… Finalmente.

    • Nooo fabietto ! Ti sei perso la più bella gara dell’anno sicuramente….
      Fernando un grande, possiamo dirgli tutto ma rimane il miglior pilota…
      a volte penso che sia il destino a riservagli tutto questo….se vincesse o avesse vinto facile in questi anni probabilmente non sarebbe stata davvero capita la sua grandezza….
      per me è tra i più grandi della F1……
      guarda vettel….avrà pur vinto 4 campionati del mondo ma cosa mi ricordo di quegli anni? Mi ricordo di Fernando Alonso….
      spero rimanga in rosso….ha altri 5 anni ad alto livello….ed entro questi 5 anni torneremo a vincere….io ci spero già per il 2016

      • PazzoINRosso

        Io ne sono convinto. Arriverà quel giorno.
        Ci siamo già passati 2 volte con Fernando ed in entrambi i casi non avevamo la macchina migliore (ovviamente il pilota si).
        Con un Po più di competitività ed il talento di Fernando l’iride tornerà rosso.
        È inevitabile :)
        Forza Ferrari

      • Beppe quoto ne al tuo post!

  • Anche x me Alonso ha fatto una super gara: x me piu di ricciardo che e’ stato favorito dalla prima SC mentre Alonso non dimentichiamolo era uno dei 4 che ad inizio gara sono stati piu penalizzati dalla SC xche erano gia transitati sul traguardo. Gara fantastica la sua.

  • Sulla gara di Alonso c’è poco da dire.. È il numero 1.. Alonso-show!!! Contento anche per la gara di kimi.. quando ho visto che ad inizio gara non riusciva a superare le Sauber stavo andando in depressione, ma poi ha fatto un ritmo davvero notevole.. superare le williams era pressoché impossibile.. un 7,5/8 se lo merita..

  • La cosa bella é che ieri il 90 % scriveva muretto orrendo..complotto kimi..via alonso..oggi cosa diranno?

    • Trovo il team di Kimi obsoleto,troppi errori nelle strategie per le qualifiche, che si pagano continuamente in gara. Oltretutto ci hanno messo metà stagione per trovare un settaggio, che consenta al finlandese di poter guidare come gli piace a lui. Secondo me troppo Tempo.
      Su Alonso, chi lo mette ancora in discussione, dimostra ancora una volta che non capisce nulla sulle sue qualità di pilota.

  • alonso fantastico,meriterebbe un successo quest’anno perchè sta tenendo a galla da solo la ferrari.

    bene anche kimi,non tanto per la posizone finale viziata dallo scempio di ieri del muretto ma perchè l’ho rivisto vivo.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!