Kvyat, piedi per terra: “Non sono ancora soddisfatto”

13 agosto 2014 09:33 Scritto da: Davide Reinato

Daniil Kvyat ammette di non essere ancora riuscito a sfruttare al massimo la sua STR9. Maturità e schiettezza sono già quelle del campione.

daniil-kvyat

Dopo aver vinto il titolo di GP3 lo scorso anno, Daniil Kvyat è arrivato in Formula 1 impressionando un po’ tutti. Pochi errori e tanta determinazione caratterizzano il giovante talento russo che, però, dice di non essere ancora al 100% della forma. In classifica piloti è attualmente 15°, con sei punti all’attivo. Nella gara inaugurale a Melbourne, il pilota della Scuderia Toro Rosso è diventato il più giovane pilota ad andare a punti, strappando il primato al 4 volte Campione del Mondo, Sebastian Vettel.

Daniil però non si fa illusioni. E’ metodico e pignolo. Per questo, ai microfoni di Autosport, ha dichiarato: “Non sono ancora pienamente soddisfatto, mi aspetto che qualcosa migliori andando avanti, magari già nella seconda parte della stagione. Sento che non è ancora arrivato il mio momento in macchina. In genere, prima della F1, ho sempre avuto un feeling migliore con la macchina. Posso guidare vicino al limite, ma c’è qualcosa che manca da parte mia”.

Kvyat ha ammesso di stare ancora imparando a migliorare il set-up della monoposto: “Non sono ancora al massimo livello con la monoposto, seppur questa mi permetta già di fare un lavoro ad un certo livello. Penso che siamo vicini a raggiungere qualcosa che mi piace davvero”, ha concluso.

8 Commenti

  • Giuseppe.Ferrari

    Boh a me non dice molto sto pilota…

  • Per non dimenticare Sebastien Buemi e Sebastien Buordais, mentre secondo me Alguersuari andava solo lasciato maturare un altro anno, perché è pue sempre stato licenziato a 21 anni dopo una buona stagione.

    • da un certo lato direi..si hai ragione..dall’altro capisco la RB..loro stanno coltivando talenti ogni anno..come poi è spirito della RedBull in tutti gli sport che segue e in cui investe..piu trattieni un pilota ovviamente lui piu pretende economicamente..se in casa madre avevi webber e vettel e buemi e alger. non era cosi bravi ma ovviamente pretendevano di piu la scelta di sostituirli è piu che buona..basta vedere lo stipendio di ricciardo..la RB non mi piace assolutamente come team..ma ce da dire che come azienda è davvero la migliore..come sponsor di atleti e talenti è il massimo..ferrari e mclaren dovrebbero imparare

      • Ti quoto. La FDA a confronto escluso Jules Bianchi non mi sembra abbia dei veri e propri talenti, la Red bull invece cerca di accaparrarsi sempre i giovani migliori, come Max verstappen di recente

  • Questo pilota mi piace.
    Mi dispiace solo che la maggior parte dei talenti più brillanti li stia prendendo la Red Bull.
    Perché la RB faceva molta meno paura quando aveva tra le sue file gente del calibro di Tonio Liuzzi, Christian Klien, Robert Doornbos, Scott Speed o un David Coulthard a fine carriera.

  • è il primo anno..ed è la F1..l’anno prossimo sarà davvero l’anno in cui dovrai dare tutto..e chissa tra due anni togliere vettel dalla casa madre

    • È vero che è il primo anno ma dalle dichiarazioni che fa traspare sempre che non è mai soddisfatto di sé stesso,e secondo me questo è un atteggiamento da campione, il continuo cercare di migliorarsi, a differenzadi magnussen che non ha mai fatto dichiarazioni simili. Spero di non sbagliarmi

      • sisi concordo..le mie parole erano piu un incoraggiamento..è un gran pilota..e se ricciardo in fin dei conti non è che ha fatto molto piu di vergne..kyvat sta facendo veramente vedere grandi cose..chissa con la rb

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!