Lo sfogo di Marmorini: “Ferrari in mano a persone inesperte”

15 agosto 2014 16:55 Scritto da: Redazione

Luca Marmorini si sfoga e, tramite il giornalista Leo Turrini, rivela le sue verità circa la situazione scottante in casa Ferrari.

luca-marmorini

L’Ingegner Luca Marmorini è l’ultimo nome della lista di ex del Cavallino Rampante. Costretto a lasciare il suo ruolo di capo dell’area motori a Maranello lo scorso luglio, Marmorini ha dovuto attendere che l’azienda desse un comunicato ufficiale della sua uscita per potersi togliere qualche sassolino dalla scarpa.

Lo ha fatto tramite l’amico e giornalista Leo Turrini che, all’interno del suo blog, ha pubblicato lo sfogo di Marmorini sull’attuale situazione della Ferrari. “Per cominciare, lasciami dire che non parlo per la mia persona. Io con la Ferrari ho chiuso e sai come, quindi non c’entro più niente. Nemmeno mi spinge l’amore per la polemica inutile: purtroppo a Maranello c’è gente che si diverte ad addossare responsabilità a chi dovrebbe tacere, insomma scrivi che apro bocca in risposta, anche, ad una serie di provocazioni. In breve. E’ stata fatta passare l’idea che tutti i guai della F 14 T sono colpa della power unit. Come se in una azienda con la storia della Ferrari avessimo disimparato a fare i motori! Voglio dire, accetto qualunque accusa, ma non venitemi a dire che a Maranello ci sta gente che non conosce il mestiere, il turbo, gli ibridi, eccettera”.

Abituati a vederlo sempre pacato, le parole piccate dell’Ingegner Marmorini fanno riflettere sullo stato di salute della Gestione Sportiva in questo momento. In particolare, l’ingegnere toscano ha tenuto a sottolineare che dietro a particolari scelte c’è l’ombra di Tombazis: “Vediamo di ristabilire la verità. Insieme ai miei collaboratori ho confezionato una power unit con certe dimensioni, cioè più piccola della versione Mercedes e anche della versione Renault, perchè questo ci è stato chiesto dal responsabile del progetto della vettura, il signor Tombazis. Ci dissero: vogliamo una PU molto compatta, con radiatori piccoli, perchè compenseremo la minore potenza con soluzioni aerodinamiche che ci garantiranno un vantaggio sulle monoposto spinte dal Mercedes e sulle monoposto spinte dal Renault. E’ andata esattamente così: solo che, quando ci siamo confrontati con la concorrenza, i cavalli in meno ovviamente c’erano, ma la compensazione da aerodinamica non esisteva assolutamente!”

Così, dopo che nel 2011 venne cacciato il Direttore Tecnico Aldo Costa, perché accusato di tarpare le ali a Tombazis, anche Luca Marmorini – indirettamente – paga per lo stesso motivo. “Mi sarebbe piaciuto spiegarlo a Marco Mattiacci, quando è stato messo al posto di Domenicali. Ma con Mattiacci in tre mesi ho scambiato quattro parole, ci siamo visti due volte, la prima per i saluti, la seconda quando lui mi ha sottoposto la lettera che sanciva il mio addio alla azienda”.

Marmorini mette in guardia e, in questo ferragosto, riesce a gelare gli animi dei ferraristi affermando: “La Ferrari rischia di danneggiare anche lo zoccolo duro sul quale in passato ha costruito tanti successi. Non parlo per me, io ormai sono out. Ma mi dispiace per i tecnici che conosco e che sono ancora lì, ottime persone che si stanno demoralizzando. Io non voglio accusare nessuno. Davvero. Segnalo però che la Ferrari ha preso una strada che prevede di affidare il reparto corse a persone inesperte, le quali persone inesperte si avvalgono di consiglieri che finora nulla hanno dimostrato e che però godono di una fiducia incondizionata. Chi sono i consiglieri di cui sopra? Pat Fry e James Allison”.

Tornando sul personale, l’ingegnere afferma: “Nei miei confronti è stata usata tanta superficialità nell’esprimere giudizi negativi. Ma io rimango sereno, la mia sorte è stata decisa a tavolino ma quando penso a chi era quel tavolino neanche mi dispiace, se non per la Ferrari in quanto tale”.

E circa il suo futuro, condito da tante speculazioni, Luca Marmorini smentisce l’imminente approdo in Renault: “Non è vero che ho già firmato per la Renault. Anzi, nel presente a me una Formula Uno nella quale un motorista in pratica non può lavorare sulla sua creatura, causa regolamenti che impongono il congelamento, piace pochissimo. Però sono sincero, le corse da Gran Premio hanno un loro fascino, magari tra un mese io cambio idea e ai box ci torno”.

48 Commenti

  • il nome che sta dietro alle scelte sbagliate degli ultimi anni è sempre lo stesso: Tombazis!

  • Giuseppe.Ferrari

    Un altro punto fondamentale che forse molti non hanno tenuto in considerazione è il seguente: ci stava lavorando da 2 anni su sto motore!!!!!!!!!! Cioè veramente non ha scuse…

  • Ferrarista77

    Io non credo che sia proprio da buttare questo motore!ricordiamoci che a ottobre 2013 la preoccupazione piu’ grande era l’affidabilita’e questa prova la ferrari l’ha superata….e se il mercedes quest’anno fosse stato un motore pari al renault….allora staremno tutti qui a criticare l’aerodinamica e non il motore ferrari

  • Vi riporto alcune considerazioni del mio collega:
    – le misure del motore sono stabilite da regolamento;
    – l’unica sua concessione al progetto è stata l’idea dell’intercooler nella V;
    – Fry e Tombazis hanno dovuto giocare a tetris per piazzare alcuni accessori;
    – Errori vari di scelta delle componenti;
    – motori elettrici che erogavano potenza a singhiozzo.
    Mi ha detto Tombazis sta ancora lì perché sono anni che mette pezze a vari problemi strutturali della scuderia tirando fuori macchine dignitose, prima di Fry erano indietro anche sui materiali, sono problemi strutturali e di investimenti non solo di uomini.
    Pare che abbiano chiesto alla Ferrari sulle parole di Marmorini, hanno risposto “risponde la pista”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!