Verstappen, il più giovane pilota di F1 della storia

19 agosto 2014 12:24 Scritto da: Davide Reinato

Debutterà ufficialmente al GP d’Australia 2015 e sarà il più giovane pilota della storia della Formula 1. E mentre il Circus si interroga se è giusto far correre un diciassettenne nella massima categoria dell’automobilismo sportivo, Max si prepara per rispondere con i fatti in pista.

Max Verstappen kart

Ieri sera l’annuncio ufficiale: Max Verstappen debutterà in Formula 1 nel 2015, al volante della Scuderia Toro Rosso, prendendo il posto di Jean-Eric Vergne. Il giovanissimo figlio d’arte, dopo essere entrato a far parte del programma giovani della Red Bull, è stato subito lanciato nella fossa dei leoni e si appresta a diventare il più giovane pilota della storia di questo sport.

Nato il 30 settembre del 1997 ad Hasselt, in Belgio, Max è un vero e proprio predestinato. Il papà, Jos Verstappen, ha corso fino al 2003 in Formula 1. La mamma – Sophie Kumpen – è stata pilota di successo in go-kart. Ma, come se non bastasse, anche Paul e Anthony Kumpen, rispettivamente nonno e zio di Max, hanno corso nell’endurance GT. Max, insomma, è cresciuto respirando l’aria dei motori.  Non a caso, dopo l’annuncio di ieri, ha commentato: “Sognavo di arrivare in Formula 1 da quando avevo 7 anni”.

Fu proprio a quell’età che il pilota olandese fece il suo debutto in kart, nel Mini Junior Championship. Fin da subito ha mostrato un grande talento, vincendo praticamente ovunque. Nel 2009, Max si è unito al Team Pex Racing – clienti della CRG – con il quale ha vinto il Flemish Minimax Championship e il Campionato Belga KF5. Nel 2010 il grande salto nel kart internazionale, insieme al team ufficiale CRG, con il quale ha partecipato sia al campionato europeo che al mondiale. Nella categoria KF3, Verstappen si è dovuto accontentare del titolo di vice-campione del mondo, battuto sull’esperienza da Alexander Albon. Max, però, si è preso una rivincita, finendo davanti ad Albon nella WSK Euro Series e vincendo anche la WSK World Series.

Anche il 2011 è stato un anno di successi, con l’olandese – che con il suo kart Parilla CRG – ha vinto la WSK Euro Series. Nel 2012, è passato alla Intrepid Driver Program ed ha corso nelle classi KF2 e KZ2, vincendo il Master Series della KF2. Non sono mancate le vittorie in Italia, come la South Garda Winter Cup, in cui si è messo dietro sia Dennis Olsen che il nostro Antonio Fuoco. Alla fine del 2012, però, Verstappen lascia la Intrepid e torna alla CRG, vincendo nel 2013 il campionato Europeo KF e il KZ. Verstappen ha segnato un record speciale: vincere, a soli 15 anni, il titolo di KZ1, la categoria per eccellenza del karting.

Dopo aver praticamente vinto ovunque, per il giovane pilota olandese è arrivato il momento di mettersi alla prova sulle monoposto. Verstappen ha guidato la sua prima vettura da corsa lo scorso 11 ottobre 2013, sul circuito di Pembrey, dove ha messo insieme 160 giri su una Formula Renault 2.0 del team Manor MP Motorsport. Nel dicembre dello scorso anno, ha anche testato una Dallara F311 di Formula 3.

Per aumentare la propria esperienza con le monoposto, Verstappen ha partecipato alla Florida Winter Series, organizzata dalla Ferrari Driver Academy, che si è tenuta in America lo scorso gennaio. Un’occasione per tornare a sfidare gente che aveva già battuto sul kart, come Kasai Takashi, Antonio Fuoco e Lance Stroll.
Ma il 2014 di Verstappen è d’oro: al primo anno nella F3 europea, lotta per il titolo, nonostante la pochissima esperienza. Nonostante manchi assolutamente di esperienza con le monoposto, il suo palmares è di tutto rispetto.

Può vantare 27 corse nell’automobilismo da corsa, disputate in appena 9 appuntamenti dell’europeo di Formula 3. Ma non è un caso che, proprio nell’anno del debutto, sia riuscito a vincerne ben otto e contendersi il titolo con Esteban Ocon. Verstappen ha un carattere forte e ha già dimostrato di non risparmiarsi se c’è da tirare una staccata o, ancora meglio, una ruotata ad un avversario troppo vicino. Ma la domanda che tutti ci facciamo è: è giusto portare in Formula 1 un pilota di appena 17 anni?

Non ha neanche l’età per prendere la patente, ma sfiderà i migliori piloti al mondo. Per Jan Lammers, ex pilota di F1, l’età non sarà un problema: “Max girava sui kart già a quattro anni e il passaggio dalla Formula 3 alla Formula 1 non è così illogico. Nessuno dovrebbe dimentare che Verstappen è un talento di classe sopraffina. Personalmente, credo che a 17 anni sia molto giovane, ma semplicemente alcuni ragazzi maturano prima di altri. Se guardo a me, a quell’età non ero assolutamente pronto per la Formula 1. Certo, lo aiuta il fatto di avere in Jos un padre che sa esattamente tutto ciò che accade nel Circus”.

Il debutto ufficiale è previsto per il Gran Premio d’Australia 2015, ma Verstappen potrebbe già iniziare il suo corso intensivo di Formula 1 già nelle prove libere di Austin, Abu Dhabi e Brasile per accumulare esperienza. Sarà così  il più giovane pilota della storia di Formula 1, record che deteneva Jaime Alguersuari. Ma proprio l’esperienza del pilota spagnolo non sembra aver insegnato nulla: una volta scaricato dalla Toro Rosso nel 2011, non ha più trovato un volante in nessun’altra categoria di livello. Il rischio di bruciarsi è sempre piuttosto alto. Perché non se ne può fare solamente un discorso di prestazioni in pista. Verstappen dovrà subito andare forte, ma avere anche la capacità mentale di tenere la pressione di oltre 400 persone che lavorano e dipendono da un teenager. Ci riuscirà? Solo il tempo potrà dircelo.

9 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!