Red Bull: a Spa Ricciardo fa tris. Solo 5° Vettel

24 agosto 2014 18:26 Scritto da: Valentina Costa

Dopo una primissima parte di gara di attacco a tutto spiano, Daniel Ricciardo approfitta dei guai dei due Mercedes per agguantare la testa della corsa e non mollarla più. Solo quinto Sebastian Vettel: con l’altra RB10 il campione del mondo osa troppo in partenza e poi non trova il passo giusto.

la risata di ricciardo (625x361)

A cosa punti, quest’oggi, Daniel?“, gli chiedono in griglia di partenza. “Faccio un podio sicuro”. Daniel Ricciardo mantiene la promessa. E lo fa nel migliore dei modi: con l’invincibile Mercedes costretta a rimettere insieme i cocci di una gara che sembrava scritta, è lui il re di Spa Francorchamps.

Con una RB10 che finalmente tira su rettilineo, grazie a un assetto particolarmente scarico, l’australiano della Red Bull non sbaglia nulla, ma proprio nulla. La sua prima parte di gara è una rincorsa alla vetta: Ricciardo scatta bene dalla quinta piazza, ma non guadagna posizioni. Prende un buon ritmo dopo qualche tornata e passa Fernando Alonso al quarto giro. Con la pazienza di un gatto, si apposta dietro al proprio compagno di squadra, trovando l’occasione giusta al giro 6: Sebastian Vettel si lascia scappare una scodata, andando largo di traiettoria, e l’Aussie lo regola senza troppi complimenti, conquistando la seconda posizione virtuale.

Parte la rincorsa su Nico Rosberg, che, con l’ala anteriore danneggiata dal contatto suicida che quasi mette KO il suo compagno Lewis Hamilton, non riesce a scappare come al solito. Il corpo a corpo non arriva, perché il tedesco della Mercedes va ai box a cambiare gomme e musetto. Ricciardo si ritrova allora primo ed entra in modalità gestione: impressionante la scioltezza con cui riesce a mantenere un buon ritmo senza distruggere le gomme o peggiorare le proprie prestazioni.

Con una strategia sulle due soste, notevole soprattutto la parte centrale della sua gara: il giovane australiano della Red Bull riesce a gestire per ben 16 giri un treno di gomme soft. Ed è proprio qui che costruisce il suo grande vantaggio sugli avversari. Nel finale amministra con qualche brivido, tirando gli ultimi giri per impedire a Nico Rosberg di soffiargli una più che meritata vittoria.

E’ stato difficile”, dice sul podio e, dopo, in conferenza stampa. “Quando sei in testa per così tanto tempo devi guardarti dagli avversari, guardare i tuoi tempi sul giro, essere costante. Nel finale, quando ho visto Rosberg rimontare dopo la sua terza sosta, ho sperato che tutto andasse bene, che a livello meccanico tutto continuasse a funzionare, e poi ho cercato di continuare con il mio ritmo. La bandiera a scacchi sembrava non arrivare mai. Ora sono davvero contento: oggi avevamo un buon passo, sono riuscito a far durare le gomme, a mantenere la calma e la concentrazione. È andato tutto nel migliore dei modi”.

Un po’ sottotono la gara di Sebastian Vettel, che, nonostante una difesa coriacea nei confronti di Rosberg e Bottas nella parte centrale della corsa, si lascia andare a qualche sbavatura di troppo, non riuscendo peraltro a trovare ritmo con la propria vettura.

Il campione del mondo in carica scatta benissimo al via, sorprendendo Nico Rosberg. Tenta però un attacco precipitoso nei confronti di Lewis Hamilton: va fuori pista e rientra in terza posizione. Con un’altra imprecisione alla curva 10, offre il fianco al proprio compagno di squadra. Il suo ritmo non è dei più brillanti, così come la sua gestione delle gomme: è costretto a ripiegare sulle 3 soste. E’ tra i quattro piloti che riscaldano il finale del Gran Premio: scala dal fondo il micidiale trenino creatosi dietro Kevin Magnussen, nonostante un contatto con Fernando Alonso.

Arrivando quinto credo di avere ripreso la posizione che avevo prima dell’ultima sosta. Alla fine eravamo tutti vicini e ho dovuto superare un gruppo di macchine. E’ stato impegnativo, ma ce l’ho fatta”. Alla stampa che gli chiede se la differenza di passo con Ricciardo fosse frutto di problemi alla power unit, afferma: “Non credo. Ci sono alcune differenze nelle nostre vetture, ma non credo siano grandi. Sabato mattina ero un secondo più lento di lui. Oggi ho fatto una buona partenza, un buon primo giro, ma non avevo il passo e credo di avere fatto il massimo che potevo”.

Molto felice per il terzo successo stagionale di Ricciardo è Chris Horner: “E’ stato davvero grande. Aveva un passo di gara incredibile. Sono davvero contento per lui e per i suoi genitori, che oggi erano qui a vederlo per la prima volta. È stata una giornata incredibile per lui e per il team”. Su Sebastian Vettel afferma: “E’ un grande compagno di squadra. Credo che abbia danneggiato la macchina, perché ha faticato tantissimo con il passo gara. Vogliamo capire cosa è successo, perché non è andata bene oggi, e non può essere colpa sua”.

Con la terza vittoria stagionale, Daniel Ricciardo accorcia in classifica piloti, portandosi a -35 da Lewis Hamilton e a -64 da Nico Rosberg. Il gap con i due piloti Mercedes appare ancora stellare, ma l’australiano della Red Bull sembra non aver paura di nulla e il “momento”, per dirla alla Nico Rosberg, sembra essere decisamente dalla sua.

20 Commenti

  • Chissà come starà godendo Webber!

  • Ma sbaglio o l utente ditino l anno scorso era molto più loquace quando c era da parlare delle sconfitte di alonso?ditino se ci sei batti un colpo.

  • ferrari_alonso

    Daniel sta letteralmente alimentando il suo propulsore con la carta dei titoli mondiali di vettel.

  • Ricciardo grande rivelazione dell’ anno…e grande merito va alla red bull che lo ha fatto crescere con calma prima in hrt e poi in toro rosso…

  • ma x favore, vettel lo fanno ritirare o si inventano scuse x non sputtanare il loro pilota, xkè alla redbull che non fa macchine interessa 2 cose fondamentalmente in f1, 1) vincere con la redbull, 2) allevare piloti consacrarli come i + vittoriosi e poi man mano che arrivano driver + giovani venderli, è solo politica commerciale
    fatto questo prologo vettel mi spiace dirlo non è un campione e lo dico da 4anni a questa parte, quest’anno è il suo vero anno da driver in un top team e sta accumulando figure su figure con una macchina forte ma non ottimale,immaginate se guidava una ferrari?andava peggio di raikkonen, un campione deve metterci le pezze, poi qualche volta può non andare bene, ok sn le race, ma prenderle sistematicamente dal proprio compagno quando hai vinto 4 mondiali di cui 2 a filo e questo conquilino di box non è titolato fa capire quanto sia solo fumo il vettel risultati parlano chiaro in classifica è dietro da panico

  • Al lordo di dichiarazioni sugli effettivi problemi della monoposto di Vettel, scelgo questa gara per definire la stagione di Ricciardo eccezionale.

    Vetture nuove per entrambi.
    Uno è quattro volte campione del mondo e conosce la squadra e gli equilibri interni a menadito.
    L’altro, prima dell’arrivo in Red Bull, era un buon pilota e in questa stagione ha infilato tre vittorie sgusciando tra le lotte intestine della Mercedes.

    Se l’anno prossimo Vettel avrà questo andazzo, riuscirò a definire anche il suo effettivo valore, a parer mio non suffientemente allenato alle difficoltà.

  • Anche se credo che Vettel stia attraversando una crisi momentanea e che tornerà ai livelli degni del suo palmares onestamente faccio fatica a tenere lontano il dubbio che sulle sue reali capacità….. Però bisogna dargli atto che si sta comportanto da signore e da campione, non cerca mai scuse e non fa fatica ad ammettere che il suo compagno al momento è meglio di lui, questo forse vuol dire che è sicuro delle sue possibilità

  • Io ricordo a tutti che il distacco tra vettel e ricciardo per un buon 70% è dovuto alle rotture che ha subito in gara e ai problemi tecnici. Poi concordo con molti di voi, quest’anno se c’è da sbagliare lui sbaglia, fino ad ora non ha mai avuto un pizzico di fortuna. Secondo me è appagato, vedesi kimi post titolo, o come altri campioni.

    Altra cosa importante, è diventato papà. Non vorrei che avesse perso un po’ di cattiveria per questo. Lo dicevo pure enzo ferrari, se ricordo bene, un pilota papà perde almeno un secondo sul piede, beh a meno che tu non ti chiami schumacher. 😉

  • vettel tornerà,sta solo pagando 4 anni di immensa fortuna

    • Ma dai un paio di quei titoli sono anche di fortuna forse…ma nel 2011 e nel 2013 mi sembra che abbia dominato meritatamente.

      • è quello che volevo intendere,quest’anno si sta trovando in situazioni non sempre favorevoli.Sono uno di quelli che pensa che è un campione

  • Ma dai Vecchiel non si è mai meritato quei 4 titoli. Ora che ha un compagno di team giovane è ancora più pippa di prima.

  • forzaschumy

    Ammazza che Costanza Riccardo però . Si vede quanto è affamato

  • alexander310

    Complimenti a Ricciardo, per Vettel questo è un periodo un po’ in ribasso ma mi piace la sua umiltà.

    Alla redazione: premetto che la mia è una richiesta ai limiti dell’impossibile ma non si potrebbe avere la telemetria di Vettel e Ricciardo di un qualsiasi giro.
    Grazie.

  • certo vedere la superiorità tecnica mercedes ed a questo punto del campionato non aver vinto il mondiale è incredibilmente da fessi

  • Questo ragazzo mi sta sempre più simpatico, è forte e questo è innegabile. Terza vittoria stagionale e Vettel dove sta ? Da lui mi aspettavo molto di più, ok che quest’anno non sembra particolarmente in forma ma vincere una gara mi sembra il minimo. Sopratutto se il tuo compagno sta già alla terza…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!