Grosjean: “La nuova Parabolica? Più facile trovare il limite”

Il pilota francese della Lotus ammette che, con l’asfalto all’esterno della parabolica, sarà nettamente più facile trovare il limite in una curva che, in precedenza, faceva pagare caro ogni più piccolo errore.

curva-parabolica-monza

Sicuramente ai più farà un’impressione negativa vedere il nuovo look della Parabolica di Monza. Un curvone tanto veloce, quanto impegnativo, in cui l’errore era sempre dietro l’angolo. Riuscire a fare il pelo alla linea bianca in uscita poteva fare la differenza tra un giro buono e uno andato a male. Da quest’anno, però, non sarà più così: la FIA ha chiesto all’Autodromo di modificare quel tratto, togliendo la ghiaia e asfaltando gran parte della via di fuga.

“La Parabolica è una curva piuttosto veloce e decisamente impegnativa. Così, dal punto di vista della sicurezza questa è una buona cosa per i piloti che possono godere di un po’ più di margine. In passato, se si arrivava a frenare un po’ più in ritardo, era difficile non finire dritti nella ghiaia o contro le protezioni ad alta velocità. Ora sarà tutto più facile e troveremo tutti il limite piuttosto velocemente, perché non essendoci la ghiaia, e quindi l’eventualità di fare un incidente, oseremo decisamente di più”, ha sottolineato Romain Grosjean.

6 Commenti

  1. Voglio che Romail Grosjean indichi il numero di piloti che negli ultimi 10 anni sono “finiti contro le protezioni a grande velocità” …

    Che tristezza… a questo punto potrebbero organizzare dei GP virtuali alla Playstation…

  2. Stanno denaturando le piste storiche… Io essendo di Imola, l’ecomostro di Tilke l’ho vissuto come uno stupro ai danni dell’Enzo e Dino Ferrari… Un obbrobrio… Come questa evoluzione della Parabolica… Troppo facile avere sempre e comunque l’asfalto esterno… Chi sbaglia non paga più… Non mi pare giusto.

Lascia un commento