Red Bull condividerà il reparto motori insieme a Renault

Renault Sport F1 svilupperà la power unit in base alle esigenze della Red Bull, condividendone risorse e uomini. Gli altri clienti dovranno adattarsi di conseguenza.

Renault

Red Bull e Renault sono pronti a dare il via ad una collaborazione più forte per far tornare al vertice entrambi i marchi nel Circus della Formula 1. Con alle spalle un inizio anno particolarmente deludente, ora Renault è pronta ad avere un nuovo approccio alle gare per tornare a vincere con regolarità. E lo farà insieme ai tecnici della squadra anglo-austriaca.

A Milton Keynes, infatti, si stanno preparando risorse e personale specializzato per sostenere i progetti di Renault. Il nuovo Direttore di Renault Sport F1, Cyril Abiteboul, ha confermato i movimenti e li ha definiti necessari per tornare al vertice nel 2015. “Dobbiamo essere molto più pragmatici, perché stiamo cambiando il modo in cui si portano avanti le operazioni. E, ad essere sincero, tutto ciò ha reso la nostra vita parecchio difficile. Il nostro punto di partenza non è stato certo dei migliori”.

Insomma, adesso Renault e Red Bull uniranno le proprie risorse per un progetto comune. “Il nostro problema è che abbiamo portato avanti quattro progetti, uno per ognuno dei nostri clienti, e ciò ha portato alla confusione iniziale. Il nostro approccio deve ora cambiare. Avremo una squadra dedicata che dovrà lavorare in un senso e gli altri dovranno adattarsi. Stiamo cercando di farlo nel modo in cui tutti possano beneficiarne, ma il nostro obiettivo è tornare a vincere il campionato con la Red Bull Racing”, ha affermato Abiteboul.

La Red Bull ha già iniziato a reclutare personale per migliorare la nuova divisione motori che offrirà così supporto agli ingegneri di Renault a Viry-Chatillon. Il Team Principal della Red Bull – Christian Horner – crede che la squadra possa offrire ottime competenze per migliorare le prestazioni generali della power unit. “Stiamo cercando di colmare i punti deboli di Renault con le aree di forza che abbiamo in squadra. Lavoreremo a stretto contatto con Renault, e non più in maniera indipendente”, ha concluso.

6 Commenti

  1. a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca cioè secondo me la red bull tra10 anni forse anche di meno si farà il motore da solo (se campa ancora) 🙂 .
    La renault secondo me ha fatto male a prendere la scelta di condividere le idee

Lascia un commento