Wurz: evitiamo conclusioni affrettate sull’incidente di Bianchi

7 ottobre 2014 11:54 Scritto da: Valentina Costa

Il presidente della Grand Prix Drivers’ Association, l’ex pilota di Formula1 austriaco Alexander Wurz, mette in guardia dal saltare a conclusioni circa il gravissimo incidente che, domenica scorsa, durante il Gp del Giappone, ha coinvolto Jules Bianchi.

alex-wurz3

A due giorni dal terribile incidente che ha coinvolto il pilota della Marussia Jules Bianchi, continua aspro il dibattito su eventuali responsabilità, soprattutto dopo la diffusione virale, a partire dal pomeriggio di ieri, di diversi video amatoriali che riportano parte dell’incidente, condivisi anche da numerose testate giornalistiche, nonostante i tentativi di rimozione da parte della FOM. A buttare un po’ di acqua sul fuoco ci prova oggi la GPDA, l’associazione che riunisce la stragrande maggioranza dei piloti di Formula1, per mezzo del suo presidente Alexander Wurz.

Wurz invita ad essere molto cauti nell’offrire conclusioni circa l’incidente di Bianchi, ancora ricoverato in terapia intensiva al Mie General Medical Centre di Yokkaichi in condizioni gravi, ma stabili.

Un incidente così terribile genera moltissime domande e opinioni”, afferma Wurz. “Naturalmente, tutti vogliamo avere delle risposte, giungere a delle conclusioni e a delle soluzioni al più presto possibile. Tutti noi piloti capiamo e sentiamo il bisogno di un’investigazione e di una discussione sulla questione. Tuttavia non dobbiamo arrivare a conclusioni senza prima avere tutte le evidenze e le informazioni del caso, e senza avere avuto l’opportunità di sentire il punto di vista di altre parti coinvolte”.

Wurz ha anche messo in guardia i piloti di Formula1 dal discutere in pubblico dell’incidente mentre sono ancora in corso le indagini, per evitare facili strumentalizzazioni mediatiche. “Non dibatteremo su questo incidente finché non avremo raccolto tutte le informazioni. Senza alcun dubbio, raccomando i piloti di astenersi da ogni tipo di dichiarazione pubblica sull’argomento. Discussioni di questo tipo e la ricerca di eventuali soluzioni dovranno essere fatte in un circolo chiuso, per assicurare il rispetto e la privacy alla famiglia di Jules, ma anche per assicurare che sia condotto al meglio un processo analitico. Abbiamo bisogno di dare agli esperti il tempo per analizzare tutto e, naturalmente, offriremo il nostro pieno supporto a tutte le autorità coinvolte in questo processo”.

Ma – conclude Wurz – anzitutto, vogliamo dare supporto alla famiglia e agli amici di Jules. Facciamolo nel modo migliore, senza infiammare discussioni che portano a conclusioni affrettate. I nostri pensieri vanno a Jules e alla sua famiglia”.

37 Commenti

  • Ma chi se le in..la le bandiere. Non avrebbero evitato l’incidente secondo me. L’incidente è dovuto al fatto che anche in regime di gialle i piloti pestano, un poco meno ma pestano. In più il bagnato in più tutto il resto e bla bla bla.
    Gli incidenti non sono evitabili. Fan parte delle gare.
    La cosa che si deve mitigare sono le conseguenze.
    Se formi un capannello di persone attorno ad un trattore in una via di fuga mentre piove in un punto dove uno è uscito è equivalente a mettersi sull’esterno di un tornante durante un rally. Non ci sta tanto altro di cui discutere. Secondo me.

  • Guardando questo video mi vien da pensare che il trattore si trovi in prossimità della torretta anzi forse poco piu avanti, per cui si vede il commissario con le bandiere gialle, non appena il trattore indietreggia il commissario cambia bandiera, infatti sembra che indietreggia quel poco che basta per essere dietro alla torretta stessa.

    ht tp://w ww.ilfattoquotidiano.it/2014/10/06/jules-bianchi-sicurezza-e-direzione-di-gara-sotto-accusa-ecco-perche-lincidente-era-evitabile/1145043/

  • alexredpassion:

    Ok, una bandiera si riferisce sempre al tratto successivo e mai al tratto precedente, fin qua ci siamo.

    Non hai risposto alla mia domanda: stando a questa logica secondo te le bandiere gialle poste appena dopo la torretta indicherebbero che c’è un incidente appena dopo?

    • alexredpassion

      quale domanda, questa?

      “Prendiamo per buona l’affermazione di Pirro, allora perché il tabellone luminoso più avanti dall’altro lato della pista rispetto alla torretta è verde, mentre allo stesso tempo sulla torretta ci sono doppie bandiere gialle?”

      Allora non hai capito come funzionano le bandiere ancora! Il pannello più avanti che dici tu, segna il punto in cui cessa il regime di bandiera gialla e si torna alla gara normale. Il commissario sulla torretta 12, probabilmente data la vicinanza della sua postazione rispetto alla macchina ferma di Sutil e del trattore solo pochi metri prima di lui, probabilmente ha ritenuto più prudente dare la gialla.
      Ad un certo punto, o perchè la ruspa stava uscendo dalla via di fuga, o semplicemente perchè è andato in confusione, effettivamente il commissario sulla torretta da bandiera verde. E come ho già detto varie volte, e come ha detto anche Pirro, non è sbagliato, perchè l’incidente si trova qualche metro prima di lui. Poi ti ripeto, visto che c’era una ruspa in pista, e visto che poco prima stava dando la gialla, forse sarebbe stato meglio adottare un pò di buonsenso e continuare a dare la gialla anche sulla torretta fino alla fine, ma questo è un altro discorso.
      Ora, se per qualche motivo quella bandiera abbia tratto in inganno il povero Jules questo non lo so, ma dal punto di vista del regolamento era esposta correttamente.

  • Io provo a dare un’altra spiegazione al cambio di colore della bandiera, per come la vedo io.
    Il commissario sulla torretta che prima sventolava la bandiera gialla stava ad indicare un problema anche nel settore successivo, cosa che in realtà cosi non era, quindi una volta che si e accorto dell’errore ha sventolato la verde quella che indicava che il settore in realtà era libero.
    Ma tutto cio fa riferimento sempre ed in ogni caso dopo la torreta, quello che e successo e avvenuto prima della torretta.

    • in quel caso gli sarebbe bastato vedere che il tabellone luminoso di fronte era verde

      • infatti credo che una volta che si e accorto dell’errore abbia sventolato la bandiera verde.
        Almeno credo che sia andata cosi, in un video infatti si vede che dalle gialle e passato alla verde e ha continuato a sventolarla anche dopo l’incidente di bianchi perche in effetti era prima.
        E ritornato alla gialla solo con l’uscita della SC

  • alexredpassion

    razor, non diciamo assurdità. nella gestione della bandiere non esiste “secondo me” o “secondo te” o interpretazioni varie.
    Come ha detto Pirro, si mostra la gialla, che vale fino alla postazione successiva. Se la successiva da verde, vuol dire che, da quel preciso punto in avanti, la pista è libera e si può spingere.
    UNA BANDIERA SI RIFERISCE SEMPRE E SOLTANTO AL TRATTO SUCCESSIVO, MAI A QUELLO PRECEDENTE, NEANCHE SE DI UN METRO.
    E questo i piloti lo sanno benssimo ovviamente, per favore non parliamo di cose ovvie.

    • e ma non lo capiscono si fissano della bandiera sulla torretta, nel link si vede benissimo dove sta la torretta.

      ht tp://oi61.tinypic.com/2n9f7m1.jpg

    • Prendiamo per buona l’affermazione di Pirro, allora perché il tabellone luminoso più avanti dall’altro lato della pista rispetto alla torretta è verde, mentre allo stesso tempo sulla torretta ci sono doppie bandiere gialle?

      Non ha senso!

      • Finché non mostrano le immagini ci possono essere sempre dubbi.

        La panoramica appena dopo l’incidente di Sutil è questa:

        – appena dopo la curva 6 ci sono un tabellone giallo lampeggiante e una bandiera gialla di fronte
        – in corrispondenza della curva 7, poco più avanti al sito dell’incidente, c’è una torretta dove si vedono sventolare le doppie bandiere gialle.
        – poco più avanti della torretta, dall’altro lato della pista c’è un tabellone verde lampeggiante.

        Cosa è successo prima dell’incidente di Bianchi non lo sappiamo, ma nessuno può negare che TUTTE le bandiere siano potute essere verdi. Detto questo, non so che relazione ci sia tra la grafica tv e il gps, ma perlomeno la regia mostrava sempre bandiere gialle sullo schermo

      • Resta il fatto che la FIA ha mentito.

        Ha parlato di doppia bandiera gialla, che è quella sulla torretta e non quella precedente, perché quella precedente l’ho vista coi miei occhi ed è una sola.
        Mentre sappiamo benissimo che la bandiera sulla torretta era verde prima dell’incidente di Bianchi.

  • prova questo link

    ht tp://oi61.tinypic.com/2n9f7m1.jpg

  • Scusa ho sbagliato a scrivere. Intendevo:

    le bandiere gialle poste sulla torretta appena dopo l’incidente

  • Forse questa immaggine vi chiarisce un po le idee dove sia effettivamente la torretta.

    ht tp://autosprint.corrieredellosport.it/wp-content/uploads/2014/10/Suzuka-planimetria-pista-1024×663.jpg

  • I piloti dovrebbero avere in macchina delle luci che segnalano le bandiere gialle.
    Chi ha l’app della F1 può scaricare il report del gp con i dati relativi.
    Bianchi era in 6 a circa 206 km/h, come al giro prima quando dietro di lui è uscito Sutil. Guardando il comportamento di molti piloti si nota che quasi nessuno ha rallentato anche se c’erano le bandiere gialle. Questo, per me è un grosso problema. Fermo restando che quell’incidente è brutto indipendentemente dal trattore.

  • Una semplice osservazione:

    La FOM non manda in video il filmato “per non urtare” la suscettibilità (non si poteva tagliare solo la parte finale del crash?), mentre i siti internet fanno a gara a pubblicare video amatoriali, peraltro continuamente censurati su youtube?

    Ma stiamo giocando a prenderci in giro?

  • Dal curriculum di Pirro si capisce poi quanto quest’uomo sia stato già accusato di parzialità in altre occasioni, basta cercare su wiki

    • Pirro è lo stesso che ha sanzionato vettel a Monza 2012 nel sorpasso con Alonso quando l’anno prima non c’erano stati provvedimenti. La sua credibilità per me è scesa sotto lo zero da quell’episodio è rimarrà sotto le zero

      • Mah, quanto fatto da vettel non è la stessa identica mossa fatta da Alonso. Riguardatela e basta a credere il contrario.

      • Non mi sto a soffermare sulla cosa ma la traiettoria di vettel era chiara, attaccare li era sconsiderato in quell’esatto momento, per quello Alonso è andato più sull’erba che vettel l’anno prima. Il problema in sé è che vettel l’anno prima non si è lamentato mentre Alonso si e immediatamente è scattata la penalità

      • Comunque forse ho sbagliato gli anni, non mi ricordo esattamente se son state una nel 2011 e una nel 2012 o entranmbe un anno dopo

  • Ecco cosa ha dichiarato Emanuele Pirro commissario FIA:

    “Se il settore neutralizzato è di 400 metri e l’incidente avviene al 398° metro, è perfettamente regolare che al 401° metro, il commissario mostri la bandiera verde, che deve essere esposta appena dopo la linea immaginaria di riferimento rispetto a dove è avvenuto l’incidente e non l’intera zona della curva, come molti erroneamente potrebbero pensare”.

    Il problema caro Emanuele che anche supponendo che tu abbia ragione in merito a ciò, la tua è una vittoria di Pirro.
    Spiega allora perché sulla stessa torretta c’erano doppie bandiere gialle poco dopo l’incidente di Sutil e verdi dopo quello di Bianchi.

    “Eeeh, ma non conta, contano le bandiere precedenti”.
    Peccato che dai video in rete non si riesce a vedere di che colore era la bandiera precedente prima dell’impatto di Bianchi.
    VOGLIAMO LE IMMAGINI!

    • e chiarisco: dai video in rete si vede che la bandiera precedente c’è, ed è gialla nel momento in cui si è subito schiantato Sutil.

      Dopo non si vede più niente, quindi potrebbe essere benissimo tornata verde come quella successiva.

      • alexredpassion

        hai perfettamente ragione. ma la considerazione di Pirro è inattaccaìbile. Poi, come dici te, bisognerebbe vedere le immagini.
        Se la postazione prima stava effettivamente sventolando la gialla, a quel punto la direzione gara sarebbe nel giusto. In caso contrario, avrebbero la piena responsabilità dell’accaduto.

      • Il comunicato ufficiale FIA (presente sul loro sito) inoltre, parla delle “doppie bandiere gialle”, non della bandiera gialla posta prima della torretta!!

      • alexredpassion

        infatti, bisogna aspettare che salti fuori qualche immagine o video della postazione precedente che mostri cosa cavolo stavano sventolando in quel momento.. la chiave dell’accaduto è tutta lì.

    • quanto dice pirro, mi riferisco anche ad alexredpassion, è invece RIDICOLO e attaccabilissimo.

      Pirro non può dire “se l’incidente avviene al 398esimo su 400m, dal 401 deve esserci la verde”.
      Si chiama mistificazione.

      Questa infatti non è la verità.
      Lì l’incidente di sutil è avvenuto in un punto, e le gialle vanno mostrate (per esempio) 300m prima e 300 dopo.
      Una zona di 400 metri, NON deve essere una zona di 398 metri prima dell’incidente e poi 2 metri e bandiera verde.
      L’incidente deve essere al centro.

      Quello che dice Pirro sarebbe corretto se l’incidente DI BIANCHI fosse avvenuto al metro 398 e quello invece di SUTIL, fosse avvenuto al centro della zona gialla di 400m (parlando sempre ipoteticamente).

      Cioè se la verde era sventolata a 200 metri da sutil, e Bianchi si schianta sotto la postazione della bandiera verde, avrebbe ragione.
      Ma lì l’impatto è avvenuto dove c’era stato il precedente. E l’impatto deve essere il centro, l’epicentro, per rubare inappropriatamente terminologie dalla sismologia, SIMMETRICO.

      Secondo il ragionamento di Pirro allora, le gialle erano 398 metri prima e 2 metri dopo l’impatto di Sutil. Ma perchè?

      • alexredpassion

        “Lì l’incidente di sutil è avvenuto in un punto, e le gialle vanno mostrate (per esempio) 300m prima e 300 dopo.
        Una zona di 400 metri, NON deve essere una zona di 398 metri prima dell’incidente e poi 2 metri e bandiera verde.
        L’incidente deve essere al centro.”

        Marco9187, questa è una cosa che ti sei inventato al momento, ed è una grossa stupidaggine, sia chiaro.
        Le bandiere hanno un significato ben preciso, ed il loro utilizzo è esattamente quello descritto da Pirro.
        Poi, se vogliamo dire che, data l’estrema vicinanza della torretta all’incidente di Sutil, era meglio una bandiera gialla (anche doppia) piuttosto che una verde, mi sta bene. Ma spero sia chiaro a tutti che la bandiera si riferisce al tratto successivo, e non al tratto precedente. Appunto per questo dicevo che la chiave di tutto è la bandiera esposta nel tratto precedente.

    • e aggiungo che concordo con te razorF1, quando dici “perchè prima c’erano le doppie gialle se è normale che dopo l’incidente ci sia la verde? allora anche prima ci poteva essere la verde subito dopo l’impatto, ma soprattutto (e la censura aiuta a pensarlo!) non è che allora si sia ritenuta sicura anche la zona precedente e le verdi fossero state già sventolate anche altrove?….

      • Finalmente uno che ragiona.

        Mi hanno dato del complottista diverse volte sul blog, ormai quella parolina esorcizzante è diventata un’arma con cui difendere strenuamente la triste verità ufficiale

      • Alex redpassion:

        Ma scusa eh, secondo te, per un pilota non è logico che superato un tratto dove c’è un incidente si possa tornare a correre? A cosa serve la bandiera verde?

        E in questo caso secondo te le bandiere gialle poste appena dopo la torretta indicherebbero che c’è un incidente appena dopo?

      • Il criterio di giudizio deve essere lo stesso, non può cambiare.

        O ci si mette daccordo che quella torretta si riferisce a dopo, o ci si mette daccordo che quella torretta si riferisce a prima.

        Ma vorrei farvi notare che le torrette non si possono spostare.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!