Red Bull, il weekend negli States è tutto in salita

1 novembre 2014 10:04 Scritto da: Alessandro Bucci

Red Bull Racing in difficoltà sul fronte sia dell’affidabilità che delle prestazioni sul tracciato texano. Entrambi i piloti del team austriaco non sono riusciti ad avvicinare i tempi delle Mercedes AMG F1, riscontrando problemi tecnici di diversa natura sulle RB10.

red bull gara

Il GP degli USA non sembra essere iniziato sotto i migliori auspici per il team Red Bull Racing, già alle prese con la penalità inflitta a Vettel per la sostituzione della power-unit. Il tedesco probabilmente non disputerà completamente le qualifiche, partendo direttamente dalla pit-lane la domenica. Nelle prove libere 1 di Austin, Seb ha percorso 20 giri ottenendo il 7° tempo finale, fissando il suo miglior crono in 1:41.463. Nel turno pomeridiano il tedeschino ha rimediato una poco incoraggiante diciottesima posizione, facendo registrare un tempo ben più lento rispetto a quello fatto segnare in mattinata, essendosi concentrato solamente sul passo gara.

“E’ stata una giornata di prove libere diversa oggi, dal momento che ci siamo concentrati sulla preparazione per la gara” ha affermato Vettel, parecchio seccato per la penalità che lo costringerà a partire dai box. “Abbiamo avuto un problema con il cambio questa mattina, quindi abbiamo perso un po’ di tempo, ma nel complesso non è andata male. Non è una bella sensazione sapere di non poter disputare pienamente le qualifiche domani, ma lo sapevamo fin dall’inizio di questo fine settimana, quindi abbiamo avuto modo di concentrarci sulla gara e speriamo di avere un buon ritorno dalla pit-lane domenica”.

Il compagno di squadra, Daniel Ricciardo, ha faticato ad avvicinare i tempi delle Mercedes AMG F1, rimanendo costantemente ad oltre un secondo dai migliori crono fatti segnare da Lewis Hamilton. Nelle Libere 1 l’australiano ha chiuso mestamente in diciassettesima posizione, riuscendo a percorrere solamente cinque giri a causa di un problema di natura elettronica alla sua power-unit. Decisamente meglio la seconda sessione di prove libere, con il numero 3 autore del quarto tempo finale grazie al crono di 1:40.390.

“E’ stato difficile oggi, il vento ha complicato le cose. E’ un circuito molto aperto e il vento incide molto sul comportamento della vettura, nelle PL2 un paio di ragazzi ne hanno fatto le spese”, ha commentato Ricciardo, fresco di look texano e per nulla scoraggiato dai problemi riscontrati in mattinata. “Abbiamo immesso l’auto in una buona finestra per lavorare e speriamo che domani potremo trovare un po’ più di velocità. Non abbiamo girato molto questa mattina, ma nelle PL2 abbiamo finito tra i primi cinque e il passo gara sembrava ragionevole, quindi credo che abbiamo avuto un buon pomeriggio tutto sommato”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!