Ferrari, Fry: “Avremo molte parti da provare a Interlagos”

5 novembre 2014 12:32 Scritto da: Redazione

Il Direttore dell’Ingegneria della Scuderia Ferrari conferma il lavoro di sviluppo in ottica 2015. Si teme per il meteo di venerdì che potrebbe scombinare i piani del Cavallino Rampante.

GP RUSSIA F1/2014

Così come fatto ad Austin, la Ferrari scenderà in pista nelle prove libere di Interlagos con nuove soluzioni tecniche, studiate in ottica 2015. A Maranello sembrano già aver gettato la spugna con la F14T e anche agguantare il terzo posto sembra ormai un obiettivo lontano.

Nella consueta preview della corsa, Pat Fry – Direttore dell’Ingegneria della Scuderia Ferrari, ci introduce al circuito di Interlagos: “Sotto il profilo del carico aerodinamico, il livello necessario a far lavorare bene le gomme in Brasile è leggermente inferiore rispetto a quello adottato ad Austin, che era molto vicino alla configurazione massima. Le caratteristiche di Interlagos impongono che in certi punti si debba frenare in curva e questo rende più difficile trovare un bilanciamento della vettura ottimale, perché ci sono maggiori forze laterali di cui tener conto. È necessario anche individuare il giusto livello di resistenza per riuscire ad avere buone prestazioni nelle curve a lenta e media percorrenza senza pregiudicare la velocità nel curvone in salita che conduce sul rettilineo del traguardo”.

Le previsioni meteo parlano di un weekend con diverse precipitazioni sul circuito di Interlagos e questo potrebbe compromettere le prove delle nuove parti da sviluppare. Fry ha infatti confermato che ci sono numerose novità da testare: “Si tratta ovviamente di un lavoro più mirato in chiave 2015 che finalizzato alla stagione in corso”.

Fry invita a tenere d’occhio l’usura delle gomme sul nuovo asfalto di Interlagos: “Quando si è saputo che il nuovo manto d’asfalto sarebbe stato più gentile con le gomme si è deciso di optare per una soluzione che lasciasse tutti più tranquilli, e così avremo le mescole Medium e Soft. In passato l’usura su questo tracciato è stata molto pronunciata e ha spinto i tecnici ad optare per strategie a più soste. Non posso però dire con certezza quali saranno le condizioni con il nuovo asfalto, bisognerà attendere di vedere l’attività in pista per capirne di più”.

14 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!